Opinione della Settimana

Greco: le Generali hanno un capitale solido

Mario Greco (6) Imc(Autore: Piercarlo Fiumanò – Il Piccolo)

«Previsti i dividendi attesi. Le acquisizioni non una priorità. La crisi richiede una risposta europea»

«Siamo ormai una compagnia ben capitalizzata. Questo ci autorizza a prevedere la distribuzione di dividendi al livello atteso». Il group ceo di Generali, Mario Greco (nella foto), in una lunga intervista al quotidiano francese Les Echos fa il punto sulla riorganizzazione di Generali. «Siamo fieri di quello che abbiamo fatto per ristabilire così rapidamente la nostra Solvency», aggiunge Greco, ricordando le cessioni per 3,7 miliardi di euro. Il Leone -spiega poi il Group Ceo – «ha deciso di cedere tutte le partecipazioni che mettevano le Generali al centro del capitalismo italiano ma rendevano la nostra posizione difficile da capire ail’ estero». Inoltre, con questa strategia si è riusciti a dimostrare che «una compagnia italiana può essere tra le migliori al mondo per trasparenza». Greco sottolinea che in meno di tre anni, le Generali sono riuscite a rafforzarsi «senza ricevere aiuti pubblici o fare appello agli azionisti, a differenza di quanto ha fatto un buon numero di altri gruppi assicurativi».

Per Greco «le acquisizioni non sono una priorità»: le Generali continueranno a concentrarsi sulla crescita organica. Il Leone potrà fare altre acquisizioni nei Paesi emergenti, come ha fatto recentemente in Malaysia, ma si tratterà di operazioni di dimensioni poco significative. Greco rileva tra l’altro che gli emergenti sono «molto attraenti in termini di crescita potenziale dell’attività, ma più incerti quanto a redditività». L’Europa resta «il continente più importante per il settore assicurativo». Le Generali non intendono quindi ridurre la loro esposizione nel Vecchio Continente dove realizzano la maggior parte degli utili. Il gruppo ha «grandi ambizioni» in Francia («siamo nel Top 5 e vogliamo chiaramente rafforzarci») e intende continuare a svilupparsi in Europa centrale. L’ Italia – affidata al manager francese Philippe Donnet«è sulla buona strada» della sua riorganizzazione in un’unica compagnia.

Alla domanda se il Leone non rischia di perdere la propria italianità replica che «dalle sue origini Generali non ha mai smesso di guardare al resto del mondo, è nel nostro Dna». Si tratta di una caratteristica che «c’è sempre stata e continuerà ad esserci». Il Ceo considera infine che il Governo guidato da Matteo Renzi sta affrontando molti problemi strutturali ma nessun Governo da solo può risolvere la crisi che attanaglia l’Europa e quindi necessita di una risposta europea.

Articoli correlati
ANAPA Rete ImpresAgenziaAssociazioni di CategoriaIn EvidenzaOpinione della Settimana

«Nessuno si salva da solo»

Nel corso di «Davos 2021», la kermesse annuale del World Economic Forum tenutasi lo scorso…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Il «dritto»...

Ormai quotidianamente l’IVASS oscura e sanziona siti on-line di Intermediari…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Opportunità e sfide del mercato assicurativo italiano

I grandi cambiamenti che stanno interessando l’Italia e il mondo intero, come ben sappiamo…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.