Opinione della Settimana

Assicurazioni, il cervellone antitruffe rispedito al mittente

La sede del Consiglio di Stato Imc

(Autore: Valerio Stroppa – ItaliaOggi)

Il Consiglio di Stato non ha dato il suo via libera al decreto (che è atteso da due anni). Gli indicatori di rischio vanno calibrati meglio, distinguendo i contenuti che differenziano gli indicatori di sintesi da quelli analitici di anomalia. Il super-archivio è stato introdotto dal decreto legge numero 179 del 2012 con l’intento di contrastare le frodi assicurative sulle Rc auto

Scalda i motori il nuovo cervellone contro le truffe alle assicurazioni. Che però necessita ancora di qualche ritocco. Per esempio, gli indicatori di rischio vanno calibrati meglio, distinguendo i contenuti che differenziano gli indicatori «di sintesi» da quelli «analitici di anomalia». Quando questi parametri supereranno i livelli di guardia fissati dall’Ivass, infatti, scatterà la comunicazione a tutte le imprese di assicurazioni interessate, le quali a loro volta potranno attivare autonome indagini. Per questo motivo «occorre chiarire quali sono gli elementi informativi contenuti nell’indicatore analitico, anche al fine di evitare la circolazione di dati sensibili eccedenti rispetto alle finalità del contrasto alle frodi». È quanto afferma il Consiglio di stato con il parere n. 3376/2014, depositato lo scorso 30 ottobre, che invita il Ministero dello Sviluppo Economico a dare un’aggiustatina allo schema di decreto recante il regolamento per l’istituzione dell’archivio informatico integrato dell’Ivass. Il super-archivio è stato introdotto dal dl n. 179/2012 con l’intento di contrastare le frodi assicurative sulle Rc auto, ma a distanza di due anni il decreto attuativo non è ancora stato adottato.

I giudici di palazzo Spada (nella foto) condividono «le ragioni che renderebbero opportuna la sollecita conclusione dell’iter approvativo del regolamento in esame», ma non possono esimersi dall’evidenziare «i profili che necessitano di maggiore specificazioni o che comportano la scelta tra più soluzioni possibili». Il rilievo principale riguarda gli indicatori di anomalia. A declinarli nel dettaglio non può essere un successivo regolamento dell’Ivass, come proposto nello schema di decreto. I contenuti essenziali vanno fissati già con il regolamento. Dai magistrati amministrativi arriva poi anche un invito a ridurre il termine accordato all’Ivass per rendere operativo il nuovo database integrato, fissato nella bozza a 180 giorni dall’entrata in vigore del regolamento. L’attività di connessione del «cervellone» con le diverse banche dati dovrebbe essere attivata immediatamente, trattandosi di interventi di natura tecnica. Da qui la scelta dei giudici sospendere l’emissione del parere, invitando il Mise a fare chiarezza sui punti controversi.

Articoli correlati
ANAPA Rete ImpresAgenziaAssociazioni di CategoriaIn EvidenzaOpinione della Settimana

«Nessuno si salva da solo»

Nel corso di «Davos 2021», la kermesse annuale del World Economic Forum tenutasi lo scorso…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Il «dritto»...

Ormai quotidianamente l’IVASS oscura e sanziona siti on-line di Intermediari…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Opportunità e sfide del mercato assicurativo italiano

I grandi cambiamenti che stanno interessando l’Italia e il mondo intero, come ben sappiamo…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.