News

“DUAL Donation no problem”, la soluzione che protegge il valore reale del bene immobile donato

DUAL InternationalPresentato il nuovo prodotto DUAL che tutela gli interessi economici nelle operazioni di compravendita e locazione di immobili donati

DUAL Italia, agenzia di sottoscrizione di assicurazione e riassicurazione del gruppo Hyperion Insurance, presenta DUAL Donation no problem, la nuova polizza che protegge il valore reale del bene immobile donato perché offre certezze rispetto alla sua commerciabilità nel tempo e garantisce dal rischio economico e finanziario conseguente all’azione di restituzione esercitabile da parte di un legittimario*.

La compravendita di un immobile – si legge nella nota di presentazione – avviene in genere a condizioni di mercato, ma questo non succede se il bene è stato oggetto di donazione. “La concreta possibilità che in un tempo futuro, anche lontano, l’immobile possa essere oggetto di azione di restituzione da parte dei legittimari, indebolisce le aspettative economiche di realizzo del venditore e anche le certezza di chi compra. Inoltre, l’eventuale ente finanziatore sarà poco incline a concedere credito per una compravendita con queste caratteristiche”.

Nello specifico, “DUAL Donation no problem” protegge la commercializzazione di beni immobili oggetto di donazione e agevola la possibilità di ottenere un finanziamento bancario garantito da proprietà donative.

La nuova soluzione DUAL prevede il pagamento di un indennizzo al beneficiario della polizza, qualora il bene di provenienza donativa sia oggetto di una controversia legale da parte dei legittimari che intendono rientrare in possesso del bene donato oppure ottenerne il controvalore monetario.

L’indennizzo offerto ai beneficiari che abbiano subito una perdita economica sarà:

  • Il valore del bene immobile al momento della richiesta di indennizzo, in caso di restituzione;
  • La somma di denaro dovuta ai legittimari per impedire che essi perdano la proprietà assicurata a seguito dell’esercizio dell’azione di restituzione;
  • Le spese sostenute e/o il mancato guadagno, ovvero i danni liquidati al termine del giudizio definitivo che il beneficiario dovrà pagare ad un conduttore costretto a liberare la proprietà in conseguenza dell’azione di restituzione.

Il prodotto – prosegue la nota – offre quindi la garanzia “di vedere efficacemente garantiti i propri interessi economici nei casi di acquisto, vendita e locazione di un immobile di provenienza donativa, oppure rispetto alla richiesta di finanziamento per l’acquisto del bene”. Può essere acquistato da chiunque abbia interesse a proteggere il valore economico della transazione: dal donante al donatario, dal terzo acquirente all’eventuale finanziatore dell’immobile. La polizza si può acquistare contestualmente all’atto di donazione o successivamente.

Il costo di “DUAL Donation no problem” (le cui garanzie assicurative sono di Elite Insurance Company Ltd. – Rappresentanza Generale per l’Italia) varia in funzione della somma da assicurare con riferimento al valore commerciale dell’immobile (fino a 5 milioni di euro). Il premio di polizza si paga una tantum alla stipula del contratto assicurativo, e include la rivalutazione automatica della somma assicurata affinché la stessa sia protetta, nel tempo, dagli effetti dell’inflazione.

Intermedia Channel


*Legittimari e diritto di riduzione/restituzione (Approfondimento a cura di DUAL Italia)

La legge italiana tutela la trasmissione del patrimonio nell’ambito della famiglia anche attraverso il diritto riconosciuto a taluni familiari – definiti legittimari – di impugnare e rendere inefficaci le donazioni. L’articolo 563 del Codice Civile prevede, infatti, che i legittimari, cui la legge riserva una quota di eredità, possano rientrare in possesso di una proprietà che in passato è stata oggetto di donazione oppure ottenerne il controvalore monetario.

Per questo motivo, quando si acquista un immobile di tale provenienza, è bene tenere presente che i legittimari, nei dieci anni successivi al decesso del donante, possono esercitare la cosiddetta azione di riduzione con l’obiettivo di far valere i propri diritti ereditari.

I legittimari che non siano riusciti a soddisfare i loro diritti attraverso la riduzione, potranno esercitare l’azione di restituzione nei confronti del terzo acquirente per ottenere la restituzione del bene, o il suo controvalore, sino a vent’anni dopo la donazione (è facoltà del terzo acquirente pagare l’equivalente in denaro anziché restituirlo in natura)

Articoli correlati
In EvidenzaNews

Ivass: in pubblica consultazione il documento su requisiti professionali e domini web

La consultazione avrà termine il 25 luglio L’Ivass ha posto in pubblica consultazione uno…
Leggi di più
In EvidenzaNews

Zurich Impresa Smart, la nuova soluzione per sostenere la crescita delle microimprese italiane

Zurich Impresa Smart copre microimprese con fino a cinque dipendenti e offre pacchetti di garanzie…
Leggi di più
In EvidenzaNews

Sham e Federsanità rinnovano la partnership sulla sicurezza delle cure

La società mutua leader in Europa nell’assicurazione e gestione del rischio sanitario e la…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.