Opinione della Settimana

Fondo pensione: lo Sna organizza un ciclo d’incontri

FPA Rettangolare(Autore: Alessandra Schofield – Iomiassicuro.it)

Com’è naturale, data l’importanza dell’argomento, proseguono e si moltiplicano le iniziative della categoria per salvare il Fondo pensione agenti, ormai a pesante rischio di commissariamento da parte della Covip. Lo Sna e il Comitato dei gruppi agenti hanno annunciato un ciclo d’incontri sul territorio, aperti a tutti gli agenti e ai pensionati, finalizzati a spiegare la reale situazione del fondo e le proposte per la sua tutela (diffuse qualche giorno fa tramite una lettera ad Ania, Fondo pensione agenti, Anapa e Unapass). Anapa e Unapass hanno affrontato l’argomento durante il terzo Forum dei gruppi agenti, tenutosi a Bologna il 18 novembre. Il presidente Anapa Vincenzo Cirasola ha sottolineato con soddisfazione la presenza all’evento dei rappresentanti di diciotto associazioni agenziali. Anapa e Unapass hanno sostanzialmente ribadito che l’offerta Ania è l’unica realmente percorribile e solleciteranno formalmente nei prossimi giorni il Consiglio di amministrazione del fondo affinché proceda all’approvazione definitiva del piano di salvataggio sulla base delle indicazioni fatte pervenire da oltre un mese allo stesso Consiglio da tutte le parti sociali; il piano verrà poi presentato alla Covip.

A margine dell’incontro, l’intervento di Enzo Sivori, presidente dell’Aau (Associazione agenti UnipolSai), che ha addebitato le cause della grave crisi che ha colpito il fondo “alle politiche di gestione attuate negli anni Novanta”, a suo giudizio scarsamente lungimiranti. “Le recenti modifiche normative sono solo responsabili di aver fatto emergere le criticità patrimoniali prospettiche, mentre le stesse avrebbero potuto essere evitate con una pianificazione economica rigorosa”, rimarca Sivori, “a fronte di un intervento delle compagnie per il salvataggio del fondo, l’azzeramento degli aumenti pensionistici fatti alla fine degli anni Novanta, l’aumento dei versamenti da effettuare, si potrebbe trasformare il regime da “prestazione definita” “a contribuzione definita” che possa prevedere, al suo interno, gestioni separate delle imprese a favore dei propri agenti. In questo modo si articolerebbe una soluzione di primo-secondo livello che potrebbe incontrare i favori di tutti, garantendo al contempo la continuità delle prestazioni pensionistiche integrative e la riforma integrata del fondo, attraverso un’unica gestione delle risorse di entrambi i livelli”.

Articoli correlati
ANAPA Rete ImpresAgenziaAssociazioni di CategoriaIn EvidenzaOpinione della Settimana

«Nessuno si salva da solo»

Nel corso di «Davos 2021», la kermesse annuale del World Economic Forum tenutasi lo scorso…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Il «dritto»...

Ormai quotidianamente l’IVASS oscura e sanziona siti on-line di Intermediari…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Opportunità e sfide del mercato assicurativo italiano

I grandi cambiamenti che stanno interessando l’Italia e il mondo intero, come ben sappiamo…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.