News

Rami vita, flussi e riserve al terzo trimestre 2014

Statistiche - Raccolta premi (3) ImcIl volume premi registrato alla fine settembre 2014 è stato pari a 82,4 miliardi di Euro (massimo storico)

Alla fine di settembre 2014 il saldo tra entrate (premi) e uscite (pagamenti per riscatti, scadenze, rendite e sinistri) del mercato vita in Italia – lavoro diretto – è risultato positivo e pari a 35,2 miliardi di Euro, circa il doppio rispetto a quello registrato nell’intero anno 2013, grazie principalmente all’effetto combinato dell’aumento del volume premi e della contrazione dell’onere per sinistri del ramo I.

Secondo il rapporto Flussi e Riserve Vita di Ania Trends, analizzando gli andamenti dei singoli trimestri degli anni precedenti, si nota come il flusso netto registrato nel III trimestre 2014 consolidi la tendenza a una progressiva crescita della raccolta netta iniziata dal I trimestre 2013 con 2,2 miliardi di Euro, aumentata a circa 6 miliardi nel III e IV trimestre dell’anno, per poi sfiorare gli 11 miliardi nei primi due trimestri del 2014 e superare nel terzo trimestre i € 13 miliardi.

Nel primi nove mesi del 2014 il volume premi è stato pari a 82,4 miliardi di Euro, in aumento del 32% rispetto all’analogo periodo dell’anno precedente; si tratta dell’importo massimo mai registrato ed è il risultato di una raccolta premi trimestrale pressoché costante e pari a circa 27 miliardi (importi decisamente superiori ai premi trimestrali contabilizzati negli anni precedenti). Da inizio anno i premi contabilizzati risultano costituiti per l’85% da premi unici, in aumento del 39,3% rispetto all’analogo periodo dell’anno precedente, e per il restante 15% da premi periodici. Quest’ultima quota è costituita per il 5% da premi di prima annualità (+18,5% rispetto al 2013) e per il 10% da premi di annualità successive, in diminuzione del 6,1%.

Da inizio anno l’ammontare complessivo delle uscite è stato pari a 47,1 miliardi di Euro, il 5,6% in meno rispetto all’analogo periodo dell’anno precedente. La quota prevalente delle uscite è stata rappresentata dai riscatti e dagli altri rimborsi, pari al 59% dei pagamenti complessivi e in diminuzione dell’8% rispetto all’analogo periodo del 2013; le scadenze e le rendite maturate, comprensive della variazione per somme da pagare, sono ammontate al 31% delle uscite totali (-6,5% rispetto al 2013), mentre il restante 10% è costituito dagli importi dei sinistri per decesso e altri eventi attinenti alla vita umana coperti dalle polizze vita, che hanno registrato un aumento del 16,6% rispetto all’anno precedente.

Il Servizio Attuariato, Statistiche e Analisi Banche Dati ANIA segnala come le riserve tecniche vita a fine settembre 2014 siano state pari a 502,4 miliardi di Euro, in aumento sia rispetto al trimestre precedente (+3,5%) sia rispetto all’analogo periodo dell’anno precedente (+12,4%).

Analisi di dettaglio per ramo

Da inizio anno il ramo I ha registrato un flusso netto positivo pari a 32,2 miliardi di Euro, conseguenza di una raccolta premi del valore di € 62,8 miliardi (53,5 di premi unici e 9,2 di premi annui) e uscite pari a 30,6 miliardi, dovute soprattutto ai riscatti (18,3 miliardi). Il flusso netto conseguito nel solo III trimestre 2014, pari a 10,6 miliardi di Euro, è risultato in lieve peggioramento rispetto al I trimestre ma in miglioramento rispetto al secondo. I premi contabilizzati di ramo I sono aumentati del 34,1% rispetto ai primi nove mesi del 2013 mentre gli oneri sono diminuiti del 2,8%. L’onere complessivo per riscatti, scadenze e sinistri ha rappresentato nel ramo I l’8,2% delle riserve.

Relativamente al ramo III, la raccolta netta a fine settembre 2014 è risultata, per la prima volta negli ultimi sei anni, positiva e pari a 1,7 miliardi di Euro; nell’analogo periodo dell’anno precedente segnava un disavanzo di 3,2 miliardi e al trimestre precedente vi era ancora un flusso netto negativo di oltre  500 milioni. Tale risultato, segnala ANIA Trends, è dovuto sia all’aumento dei premi contabilizzati, pari da inizio anno a 15,1 miliardi di Euro (ossia il 25,4% in più rispetto ai primi nove mesi del 2013), sia alla diminuzione del totale oneri per sinistri (-11,8% rispetto al 2013, a fronte di un ammontare pari a 13,4 miliardi). L’onere complessivo per riscatti, scadenze e sinistri ha rappresentato nel ramo III il 14,2% delle riserve.

Il ramo V, a fronte di premi per 3,5 miliardi di Euro, per lo più unici, e pagamenti per 2,6 miliardi (principalmente riscatti e scadenze e rendite maturate), ha registrato da inizio anno un saldo positivo pari a 926 milioni, in netto miglioramento rispetto ai corrispondenti periodi degli ultimi tre anni in cui registrava valori negativi. L’onere complessivo per riscatti, scadenze e sinistri ha rappresentato il 10,5% delle riserve del ramo.

Intermedia Channel

Articoli correlati
News

Price cap sul petrolio: ingorgo di petroliere nei porti turchi in attesa di verificare le coperture assicurative

19 tank attendono le autorizzazioni per attraversare il Bosforo Le petroliere hanno formato un…
Leggi di più
EsteroIn EvidenzaNews

Irlanda: un quarto degli automobilisti crede che l’assicurazione premi i clienti fedeli

Un’indagine della Banca Centrale rivela che solo un assicurato su quattro cambia compagnia al…
Leggi di più
EsteroIn EvidenzaNews

Usa: Indennità di disoccupazione va anche ai milionari

Nel 2020 hanno ricevuto il sussidio 20mila persone che guadagnano più di $1 milione…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.