Opinione della Settimana

Il consiglio Generali torna a quota undici: entra Flavio Cattaneo

Generali - Facciata sede Trieste Imc

(Autore: Alberto Grassani – Il Sole 24 Ore)

Oggi la cooptazione. La compagnia vende a investitori istituzionali l’1,4% di Atlantia con una procedura accelerata: incasso di 223 milioni

Generali ripristina il numero legale nel consiglio d’amministrazione con l’ingresso nel board di Flavio Cattaneo, manager di lungo corso con un passato, fra l’altro, al vertice di Rai e di Terna. Il consiglio d’amministrazione della compagnia, che si riunisce oggi, dovrebbe cooptare infatti il manager, risolvendo il problema nella governance del gruppo che si è venuto a creare con le dimissioni dell’ex consigliere e vice presidente Paolo Scaroni.

Lo statuto delle Generali prevede infatti che «la società è amministrata da un consiglio composto di non meno di 11 e non più di 21 membri nominati dall’assemblea dopo averne stabilito il numero», mentre con l’uscita di Scaroni quel numero è sceso a dieci. Da oggi questo problema verrà risolto: lo statuto prevede che nei «casi in cui, nel corso del triennio, cessi dalla carica un amministratore, si provvede alla sua sostituzione secondo le vigenti disposizioni di legge».

Nel frattempo, le Generali hanno annunciato ieri la cessione della partecipazione in Atlantia. Il Leone, attraverso una procedura accelerata, ha collocato presso investitori istituzionali un pacchetto pari all’1,4% della holding cui fa capo Autostrade per l’Italia e Adr. Una «normale attività dell’asset management», hanno indicato da Generali – sottolineando che l’operazione non rientra fra le dismissioni strategiche per circa 4 miliardi già completate – che è andata in porto con uno sconto minimo (2,54%) rispetto ai prezzi di Borsa. Nel dettaglio, sono state cedute, tramite Bofa Merrill Lynch e Banca Imi, 11,6 milioni di azioni, tutte sottoscritte a 19,26 euro, per un incasso di 223 milioni di euro.

Con la vendita sul mercato viene meno un socio di peso di Atlantia, anche se si tratta di una quota sotto la soglia rilevante del 2%. Sopra quel livello, stando alle comunicazioni ufficiali alla Consob, ci sono soltanto Fondazione Crt (al 5%) e l’azionista di riferimento Sintonia, partecipata, oltre che da Edizione Holding (Benetton), da Mediobanca, Goldman Sachs e dal Fondo di Singapore. 

Articoli correlati
ANAPA Rete ImpresAgenziaAssociazioni di CategoriaIn EvidenzaOpinione della Settimana

«Nessuno si salva da solo»

Nel corso di «Davos 2021», la kermesse annuale del World Economic Forum tenutasi lo scorso…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Il «dritto»...

Ormai quotidianamente l’IVASS oscura e sanziona siti on-line di Intermediari…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Opportunità e sfide del mercato assicurativo italiano

I grandi cambiamenti che stanno interessando l’Italia e il mondo intero, come ben sappiamo…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.