Opinione della Settimana

Generali, Fondazione Crt e Ferak sciolgono Effeti

Generali - Facciata sede Trieste Imc

(Autore: Francesca Gerosa – Milano Finanza)

La Fondazione Crt e Ferak hanno sciolto di comune accordo il patto che le legava al veicolo societario Effeti, che possedeva il 2,151% di Generali. Conseguentemente, la Fondazione Crt ha acquisito da Effeti una quota pari all’1,234% (19.216.928 azioni) della compagnia triestina, mentre Ferak ha acquistato dall’ente torinese la partecipazione che questa deteneva in Effeti.

Al termine di queste operazioni, tutte effettuate sulla scorta del prezzo ufficiale del titolo Generali del 19 dicembre (16,93 euro in chiusura), Ferak è ora proprietaria del 100% di Effeti, che detiene lo 0,917% del Leone, quota che si aggiunge al pacchetto azionario già detenuto direttamente dalla società (1,021%), portando la partecipazione complessiva nella compagnia triestina all’1,938%. Invece la Fondazione Crt è proprietaria esclusivamente dei titoli Generali rilevati oggi, pari all’1,234% del capitale.

Massimo Lapucci, segretario generale della Fondazione Crt e Andrea de Vido, amministratore delegato di Ferak, che hanno curato i dettagli dell’operazione, hanno congiuntamente sottolineato che le parti hanno convenuto di sciogliere gli accordi in essere “in uno spirito di reciproca e fattiva collaborazione” con l’obiettivo di riacquisire il controllo diretto sulla porzione di rispettiva spettanza del pacchetto azionario di Generali precedentemente detenuto attraverso Effeti.

Effeti era stata costituita nel 2010 per rilevare il 2,2% di Generali fino ad allora controllato da Unicredit. La quota era stata acquista per un controvalore complessivo di 635 milioni di euro, pari a 18 euro per azione. Sulla base della quotazione di Generali di chiusura di venerdì a 16,93 euro, il valore dei titoli del Leone acquisiti dalla Fondazione Crt è di 325,3 milioni di euro, mentre lo 0,917% rimasto in Effeti vale 241,6 milioni, per un totale per i due pacchetti di circa 567 milioni.

Prima della transazione la Fondazione Crt aveva il 49,9% di Effeti, mentre Ferak, holding d’investimento la cui compagine azionaria è composta dai soci Palladio Finanziaria, gruppo Valbruna, Finanziaria Internazionale, Veneto Banca e famiglia Zoppas, deteneva il 50,1%. Nella transazione Veneto Banca ha supportato la Fondazione, Ferak ed Effeti. Inoltre la Fondazione Crt è stata assistita dallo studio legale Tosetto, Weigman, mentre Ferak ed Effeti sono state affiancate da Orsingher Ortu Avvocati Associati.

Articoli correlati
ANAPA Rete ImpresAgenziaAssociazioni di CategoriaIn EvidenzaOpinione della Settimana

«Nessuno si salva da solo»

Nel corso di «Davos 2021», la kermesse annuale del World Economic Forum tenutasi lo scorso…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Il «dritto»...

Ormai quotidianamente l’IVASS oscura e sanziona siti on-line di Intermediari…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Opportunità e sfide del mercato assicurativo italiano

I grandi cambiamenti che stanno interessando l’Italia e il mondo intero, come ben sappiamo…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.