Opinione della Settimana

Venezia: Procuratie Vecchie, accordo in arrivo tra Comune e Assicurazioni Generali

Venezia - Procuratie Vecchie e San Marco (Foto Giovanni Dall'Orto) Imc

(Fonte: La Nuova di Venezia)

È in dirittura d’arrivo l’accordo tra il Comune (di Venezia, ndIMC) e le Assicurazioni Generali per la rinuncia da parte dell’amministrazione all’uso pubblico delle Procuratie Vecchie, di proprietà della compagnia assicuratrice ma in questi anni sedi degli uffici giudiziari.

Un accordo che doveva chiudersi entro la fine del 2014, per valere ai fini del Patto di Stabilità, con il relativo indennizzo a favore del Comune, ma che, visto lo sforamento del Patto, si sta chiudendo con calma in questi giorni. Il commissario straordinario al Comune Vittorio Zappalorto rinuncerà così al contenzioso che era in atto proprio sull’uso pubblico delle Procuratie, che la compagnia assicuratrice invece contestava. Il Comune manterrà solo circa 800 metri quadri a uso pubblico su una superficie totale di circa 13 mila metri quadrati. In cambio la compagnia verserà alcuni milioni di euro per la valorizzazione nel frattempo avvenuta dell’area immobiliare delle Procuratie. Un ottimo affare, evidentemente, per le Generali, che non avranno più l’opposizione del Comune sull’uso dei prestigiosi spazi. Ma l’accordo dovrebbe prevedere che gli spazi “liberati” per le Generali non vengano però utilizzati dalla Compagnia a fini speculativi, ma per scopi culturali o accademici, come spazi di rappresentanza.

In passato infatti le Generali avevano anche elaborato un progetto per la realizzazione di appartamenti di lusso, subito fermato. Il Comune di Venezia ritiene di dover ottenere, attraverso l’accordo, un beneficio pubblico consistente nella disponibilità, a titolo gratuito per 30 anni, degli spazi attualmente destinati ad occupare il Consiglio d’Europa, la Fondazione Ermitage Italia e la rappresentanza di altri importanti organismi internazionali quali l’Organizzazione mondiale della Sanità, nonché un consistente contributo economico da destinare al finanziamento di attività culturali e sociali.

Da parte di Generali si assicura che anche la fine dell’uso pubblico sulle Procuratie Nuove non darà luogo a operazioni speculative o stravolgenti da parte della compagnia, ma sarà in linea con la straordinaria importanza di quegli spazi simbolici, che sono comunque sottoposti al vincolo del ministero dei Beni culturali. Il contenzioso con il Comune era nato perché la Compagnia rivendicava il diritto di utilizzare gli spazi di sua proprietà, senza la limitazione del vincolo d’uso pubblico.

Articoli correlati
ANAPA Rete ImpresAgenziaAssociazioni di CategoriaIn EvidenzaOpinione della Settimana

«Nessuno si salva da solo»

Nel corso di «Davos 2021», la kermesse annuale del World Economic Forum tenutasi lo scorso…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Il «dritto»...

Ormai quotidianamente l’IVASS oscura e sanziona siti on-line di Intermediari…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Opportunità e sfide del mercato assicurativo italiano

I grandi cambiamenti che stanno interessando l’Italia e il mondo intero, come ben sappiamo…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.