Opinione della Settimana

Il nuovo modello? Il «secondo welfare»

Welfare personale (2) Imc

(Autore: Andrea Salvadori – CorrierEconomia)

Sempre più iniziative per integrare le prestazioni pubbliche. Si fa strada una formula che coinvolge territorio e Terzo settore. Prevede fisco leggero per le attività sociali, un ruolo per fondi integrativi e collaborazione con gli enti locali

Il pacchetto di Sea, la società di gestione degli aeroporti di Milano, contempla 15 servizi, tra cui, in ambito sanitario, il check-up medico, le cure termali e la profilassi antiinfluenzale, e, sul fronte ricreativo, i centri estivi per bambini e adolescenti, l’organizzazione di viaggi culturali. L’Atm, l’azienda milanese dei trasporti, offre alla propria forza lavoro, solo per citarne alcuni, servizi di assistenza sociale, soluzioni abitative temporanee per i neoassunti provenienti dal Sud e Centro Italia più le sale relax, per permettere al personale viaggiante di riposare tra un turno e l’altro.

Modelli

La palestra, il medico aziendale, il counselling per donne in gravidanza e neo-mamme, la flessibilità oraria, il contratto di telelavoro sono invece alcune delle misure pensate dal management di Tetra Pack per i dipendenti del suo stabilimento nel modenese.

La Luxottica della famiglia Del Vecchio, con l’accordo sindacale del dicembre 2009, ha avviato un programma di welfare destinato a oltre 7mila tra operai e impiegati: fra gli obiettivi, il sostegno al potere d’acquisto e l’offerta ai figli dei lavoratori di opportunità di mobilità sociale.

In Italia sono sempre di più le imprese che mettono in atto politiche di welfare aziendale per supplire alla riduzione delle prestazioni pubbliche. Dinanzi alle difficoltà dello stato sociale, negli ultimi trent’anni il ruolo dei privati nell’erogazione di beni e servizi assistenziali è diventato sempre più importante. Secondo il primo Rapporto sul secondo welfare in Italia del Centro Einaudi, oltre l’80% delle aziende con più di 500 dipendenti ha avviato un progetto di welfare aziendale, mentre il 43% ne offre almeno due. Lo strumento conviene peraltro all’azienda che lo applica: garantisce in genere la diminuzione dell’assenteismo, una maggiore fidelizzazione di dipendenti e collaboratori (e dunque la riduzione del turn over), un personale più motivato e responsabilizzato, con vantaggi non indifferenti in termini di aumento della produttività e di performance economiche.

Tra le 35 aziende che sono entrate quest’anno nella classifica stilata da Great Place to Work per l’Italia, risulta molto diffusa la stipula di convenzioni con asili nido per venire incontro alle esigenze dei dipendenti, così come la concessione della flessibilità degli orari per la cura dei figli.

L’anticipo del Tfr o le azioni di solidarietà per lutti o malattie sono tra i programmi pensati per aiutare chi si trova in difficoltà a cui le imprese ricorrono di più. «Queste pratiche sono però diffuse soprattutto nelle grandi imprese e nelle regioni centro-settentrionali del Paese, mentre sono pressoché assenti nel Sud, dove ve ne sarebbe maggiore bisogno», ammonisce Giorgio Fiorentini, professore di management dell’impresa sociale dell’Università Bocconi. Inoltre, in altri paesi europei il fenomeno è molto più radicato: secondo le stime dell’Ocse, le prestazioni «non obbligatorie» erogate dalle imprese rappresentano il 14% della spesa sociale complessiva in Gran Bretagna, il 7% in Francia, Germania e Svezia, e meno dell’1% in Italia. Eppure precedenti illustri non mancano nella nostra storia: l’articolato sistema di servizi sociali messo in piedi negli anni Sessanta dalla Olivetti è un modello che ha fatto scuola in tutto il mondo.

Incentivi

Per diffondere queste buone pratiche servirebbero dunque interventi sul piano degli incentivi fiscali e contrattuali. «Ma non solo: una percentuale della parte variabile delle retribuzioni dei manager potrebbe essere collegata all’adozione e al buon esito di politiche di welfare aziendale — spiega Fiorentini —. Il sistema dovrebbe ad esempio incentivare gli investimenti dei fondi integrativi pensionistici in servizi rivolti a tutto il territorio dove ha sede l’impresa, in modo da garantire all’intervento sociale un ritorno economico».

Se il raggio d’azione della politica di welfare riguarda oltretutto non solo l’azienda ma tutto il territorio in cui la società risiede, in sinergia dunque con le istituzioni locali, i benefici possono essere anche maggiori. «E infatti anche in Italia si sta sviluppando il cosiddetto “secondo welfare”, fondato sulla collaborazione fra soggetti pubblici, privati e le organizzazioni del Terzo settore: a questa alleanza spetterà sempre più in futuro mobilitare risorse aggiuntive per offrire soluzioni ai bisogni dei cittadini».

Articoli correlati
ANAPA Rete ImpresAgenziaAssociazioni di CategoriaIn EvidenzaOpinione della Settimana

«Nessuno si salva da solo»

Nel corso di «Davos 2021», la kermesse annuale del World Economic Forum tenutasi lo scorso…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Il «dritto»...

Ormai quotidianamente l’IVASS oscura e sanziona siti on-line di Intermediari…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Opportunità e sfide del mercato assicurativo italiano

I grandi cambiamenti che stanno interessando l’Italia e il mondo intero, come ben sappiamo…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.