Opinione della Settimana

Due o tre cose che so sull’innalzamento dell’età della pensione

Previdenza - Pensione Imc

Forse non tutti sanno che a determinare l’innalzamento dell’età del pensionamento non è stato il Salva-Italia di Monti-Fornero ma un decreto del 2010, a firma Maurizio Sacconi, che introduceva l’automaticità dell’innalzamento dell’età pensionistica, in ragione dell’innalzamento delle speranze di vita della popolazione, censita dall’Istat. Lo spiego qui: Pensioni, dal 2016 si lavorerà 4 mesi in più. Le cose da sapere

Quel che è il caso di sottolineare è che la Fornero poneva l’età del pensionamento a un livello inferiore rispetto a quanto previsto dal decreto Sacconi, a partire dal 1° gennaio 2016. In un mondo in cui molti, in particolare sul weba, scrivono cose a sproposito contro nemici (spesso immaginari), ricordare alcuni elementi certi aiuta a fare chiarezza. Non per parteggiare a favore di uno o contro altri, ma perchè ognuno ha il diritto di avere, maturare, accarezzare, coltivare, l’opinione che vuole, difenderla e confrontarla con quella degli altri. Se non è campata in aria. Perchè come diceva un ex presidente dell’Inps: “Italiani, 60 milioni di attuari”.

Ricordo inoltre che quel decreto Sacconi venne emanato dopo anni di dibattito, in cui si sottolineava come quella misura fosse una naturale attuazione della Dini-Treu. E non certo con la pistola della troika puntata alla tempia: circostanza – all’incirca – in cui si trovò il governo l’anno successivo quando mise a punto quattro manovre in pochi settimane, di fronte all’allarme per le casse dello Stato che era chiaro a tutti tranne che al premier secondo il quale “i ristoranti erano pieni”.

Il tema è: è corretto automatizzare l’aumento dell’età pensionistica, quando l’attività lavorativa non aumenta automaticamente ma anzi si flessibilizza? E se non è corretto, chi e come “paga” la differenza? In linea di principio sono tutti d’accordo sul fatto che si debba lavorare di più, perchè si vive di più: ma quando ciò ci tocca da vicino e iniziamo a percepire tangibilmente gli effetti delle vicende genenali, tutti alzano il pelo come gatti aggrediti. Forse il problema è nella trasparenza e nella comunicazione ai lavoratori di come funziona il sistema previdenziale. Che da vent’anni, invece, per mano pubblica si preferisce riformare che spiegare.

Articoli correlati
ANAPA Rete ImpresAgenziaAssociazioni di CategoriaIn EvidenzaOpinione della Settimana

«Nessuno si salva da solo»

Nel corso di «Davos 2021», la kermesse annuale del World Economic Forum tenutasi lo scorso…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Il «dritto»...

Ormai quotidianamente l’IVASS oscura e sanziona siti on-line di Intermediari…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Opportunità e sfide del mercato assicurativo italiano

I grandi cambiamenti che stanno interessando l’Italia e il mondo intero, come ben sappiamo…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.