News

Exor presenta offerta da 6,4 miliardi di dollari per l’acquisizione di PartnerRe

John Elkann Imc

Prosegue il fermento nel settore riassicurativo: la holding finanziaria controllata dalla famiglia Agnelli presenta una proposta di acquisizione che comporta un premio del 16% rispetto all’operazione in azioni annunciata precedentemente tra la decima compagnia riassicurativa mondiale e Axis Capital. Exor intende “rafforzare ulteriormente la posizione di PartnerRe quale leader globale nel settore riassicurativo”, con una proposta “che garantisce una valorizzazione superiore e una maggior certezza” per gli azionisti della compagnia

Exor, la holding finanziaria controllata dalla famiglia Agnelli, ha inviato nella giornata di oggi una proposta scritta al Consiglio di Amministrazione di PartnerRe per l’acquisto in denaro del 100% delle azioni ordinarie della compagnia riassicurativa, ad un prezzo di 130 dollari per azione (corrispondente a una valutazione complessiva di 6,4 miliardi di dollari). L’offerta di Exor – si legge in una nota – comporta un premio pari al 16% rispetto al valore implicito delle azioni di PartnerRe riconosciuto dall’accordo di fusione dello scorso gennaio tra il decimo riassicuratore mondiale e Axis Capital. L’operazione proposta dalla holding degli Agnelli, “è concepita su base amichevole e può essere conclusa in tempi rapidi”. Rispetto all’operazione di fusione con Axis Capital – che prevede esclusivamente un corrispettivo in azioni – “riconosce agli azionisti di PartnerRe un valore superiore e maggiore certezza poiché è realizzata totalmente in denaro; inoltre dispone di tutte le risorse finanziarie necessarie, non richiede alcun aumento di capitale da parte di Exor né l’approvazione dei suoi azionisti”.

La holding degli Agnelli – prosegue la nota – “ha realizzato investimenti di successo nei settori assicurativo e riassicurativo per oltre due decenni, partecipando anche alla fondazione di PartnerRe nel 1993 in qualità di azionista di minoranza, e ritiene che una società di riassicurazione globale come PartnerRe possieda un significativo potenziale di sviluppo nel lungo termine. La profonda e comprovata esperienza di PartnerRe nel settore riassicurativo, oltre che la sua solidità finanziaria, la sua dimensione e la diversificazione delle sue attività risulterebbero ulteriormente rafforzate da Exor, che con la sua solidità patrimoniale e le sue risorse consentirebbe a PartnerRe di svilupparsi velocemente, rafforzando la sua leadership nel mercato della riassicurazione”.

La proposta avanzata da Exor offre quindi al management e ai dipendenti della compagnia riassicurativa “l’opportunità unica di sviluppare con successo l’attività di PartnerRe quale società indipendente e non più quotata, in grado quindi di concentrarsi sugli obiettivi di lungo termine e di affrontare meglio la volatilità del ciclo economico del settore riassicurativo, cogliendo con maggiore flessibilità nuove opportunità di mercato”. Tra i termini principali dell’offerta è previsto inoltre il mantenimento dell’attuale management e del marchio di PartnerRe.

La holding ha presentato alla compagnia riassicurativa una versione del contratto “sostanzialmente in linea con quello che PartnerRe ha sottoscritto con Axis Capital”. Previo ottenimento delle necessarie autorizzazioni di legge e “assumendo piena cooperazione da parte del Consiglio di Amministrazione di PartnerRe”, Exor prevede di concludere l’operazione entro il 2015.

“Abbiamo profonda stima per PartnerRe e le persone che vi lavorano. La nostra proposta offre agli azionisti di PartnerRe una valorizzazione superiore, ed ha la certezza di un’offerta in denaro. Inoltre offre al management ed ai dipendenti della Società una grande opportunità per continuare a sviluppare le straordinarie potenzialità di una primaria società riassicurativa di livello globale come PartnerRe, grazie al nostro impegno di azionisti stabili – ha dichiarato John Elkann (nella foto), Presidente e Amministratore Delegato di Exor –. Siamo molto fiduciosi che il Consiglio di Amministrazione, i dipendenti e gli azionisti di PartnerRe sosterranno la nostra proposta, creando le condizioni affinché essa si concluda con successo e in tempi rapidi”.

Intermedia Channel

Articoli correlati
News

Inflazione e le condizioni del mercato del lavoro faranno aumentare le retribuzioni in Italia del 3,4% nel 2023

Il 77% delle aziende ha dichiarato di avere problemi a ricoprire i ruoli IT e il 73% a mantenere il…
Leggi di più
In EvidenzaNews

E-bike modificata? Serve una targa e l’assicurazione come per le moto

Sanzioni pesanti che vanno dai 1.890 euro a 7.500 euro per i trasgressori Novità in arrivo per…
Leggi di più
In EvidenzaNews

Generali risponde a Consob: corretta la cooptazione di Marsaglia in cda

Generali ha risposto alla richiesta di chiarimenti di Consob sulla cooptazione in consiglio di…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.