News

Studenti delle medie spiegano la prevenzione dei rischi con una App grazie al concorso “Comunic-Azioni antirischio”

Io e i rischi (2)Programma educativo “Io e i rischi” del Forum ANIA-Consumatori, il primo premio del concorso assegnato a una scuola media di Carnate (MB) che ha realizzato un’applicazione mobile che consente di segnalare i pericoli

Educare i ragazzi delle scuole perché diventino a loro volta promotori della cultura della prevenzione verso i propri coetanei e il proprio territorio. È l’idea alla base del concorso Comunic-Azioni antirischio, promosso dal Forum ANIA – Consumatori. Ad aggiudicarsi il primo premio è stata una scuola media di Carnate (MB), che ha realizzato una App per dispositivi mobili, pensata per segnalare i rischi presenti sul proprio territorio. Secondo posto per gli studenti di Lamporecchio (PT) e terza piazza per quelli di Brivio (LC), che hanno realizzato rispettivamente uno striscione e un video dedicati alla prevenzione dei rischi.

Il concorso al quale hanno partecipato gli studenti è la tappa conclusiva di Io e i rischi, programma di educazione assicurativa realizzato dal Forum in collaborazione con l’Associazione Europea per l’Educazione Economica, l’Università Cattolica del Sacro Cuore e l’Università Luigi Bocconi di Milano. Si tratta di un percorso formativo per gli studenti delle scuole medie e superiori, che ha l’obiettivo “di promuovere nelle nuove generazioni una maggiore consapevolezza del rischio e una cultura della sua gestione nel percorso di vita”. Per gli studenti delle medie è stato sviluppato un percorso con moduli didattici dedicati ai concetti di rischio, prevenzione e mutualità; per le superiori sono stati creati materiali per preparare i ragazzi alle scelte di vita e alla protezione del proprio futuro. L’offerta formativa si articola anche in conferenze dedicate agli studenti, spettacoli teatrali che hanno per oggetto i contenuti presenti nei moduli didattici, materiali diretti alle famiglie con bambini. Nel corso di cinque anni di attività, “Io e i rischi” ha coinvolto più di 700 scuole, 1.100 classi e oltre 30.000 studenti di tutta Italia.

Le classi che hanno partecipato alla quarta edizione del concorso “Comunic-Azioni antirischio” sono state invitate a realizzare un progetto per la prevenzione dei rischi, pensato per essere comunicato e diffuso nel proprio territorio. Nei panni di una squadra anti-rischio, gli studenti hanno potuto scegliere tra due tipologie di progetti da sviluppare. La prima possibilità era analizzare tutti i possibili fattori di pericolo per la salute, come un’alimentazione scorretta, la sedentarietà, il consumo di alcol e di tabacco ed elaborare una strategia da comunicare ai propri coetanei per motivarli ad adottare comportamenti e stili di vita sani. In alternativa, potevano individuare una situazione che presentasse pericoli in grado di mettere a rischio le persone e l’ambiente, analizzarne le possibili conseguenze negative e trovare le opportune misure di prevenzione e riduzione dei rischi.

I ragazzi della III C della scuola media “E. Montale” di Carnate (MB) hanno pensato in grande, realizzando una App per dispositivi Android (smartphone e tablet) intitolata Carnate sicura. L’applicazione permette di segnalare e quindi condividere, mediante foto geo-taggate (che includono le coordinate geografiche dello scatto), situazioni potenzialmente pericolose rilevate dai cittadini sul territorio comunale. “Grazie ai diversi contributi – si legge in una nota –, viene così creata una mappa dei punti a rischio che ogni utente può visualizzare sul proprio dispositivo. Per inoltrare una segnalazione è possibile utilizzare una foto già scattata, scattarla direttamente dalla App, inviare una foto non geo-taggata o indicare un pericolo senza fornire immagini. Tutte le segnalazioni vengono pubblicate automaticamente nella mappa, sulla pagina Facebook di “Carnate Sicura” e su Flickr. Inoltre, per ognuna di esse viene rilevato l’indirizzo IP al fine di denunciare eventuali abusi”.

La App ha riscosso inoltre l’interesse del Comune di Carnate, che si è dichiarato “entusiasta e pronto a collaborare per diffonderla”. La presentazione del progetto è visionabile attraverso un video realizzato dagli stessi ragazzi della scuola media “E. Montale”.

Grazie al lavoro svolto, la III C si è aggiudicata 30 gadget tecnologici per la classe e un buono del valore di 1.000 euro per l’acquisto di dotazioni multimediali per la scuola. I secondi e terzi classificati al concorso sono invece stati premiati con 30 gadget tecnologici per la classe e un buono del valore di 500 euro per l’istituto.

Intermedia Channel

Articoli correlati
EsteroNews

Il governo tedesco valuta di aprire le porte all’impiego degli eFuel

Il Ministro Lindner ha chiesto a Blume Vw “supporti argomentativi” L’IEA (Agenzia…
Leggi di più
News

Aviva va veloce

Il gruppo assicurativo inglese ha infatti registrato un utile operativo di 829 milioni di sterline…
Leggi di più
In EvidenzaNews

Lokky, l’insurtech italiana per PMI e freelance ha avviato una campagna di equity crowdfunding per attrarre nuovi investitori

Tra gli investitori c’è anche il fondo Azimut Eltif – Venture Capital ALIcrowd II Il…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.