Opinione della Settimana

Auto, attestati di rischio in una banca dati dell’Ivass

Assicurazioni - Dematerializzazione Imc(di Cinzia De Stefanis – ItaliaOggi)

Dematerializzazione dal 1° luglio. Non sarà più necessario presentare il documento cartaceo

Dal 1° luglio, l’attestato di rischio delle automobili sarà conservato in una banca dati controllata da Ivass e non sarà quindi più necessario presentare il documento cartaceo alla compagnia di assicurazione con cui si vuole assicurare il proprio mezzo. Sarà proprio quest’ultima, infatti, a recuperare telematicamente le informazioni necessarie dalla banca dati. La stampa cartacea dell’attestato di rischio, quindi, avrà solo una valenza informativa e non la si potrà utilizzare per stipulare un nuovo contratto. Da tale data scomparirà l’attestato di rischio cartaceo. A partire dagli attestati con scadenza 2015 la banca dati conterrà il nuovo modello di attestazione sullo stato del rischio, recante, tra l’altro, la specifica suddivisione dei sinistri per tipologia di danno.

Tutto questo lo prevede il provvedimento Ivass del 19 giugno n. 35 (in attesa di essere pubblicato in Gazzetta Ufficiale) attuativo dell’articolo 5 del provvedimento Ivass del 19 maggio 2015 n. 9. La banca dati attestati di rischio conterrà le informazioni storiche relative all’attestazione sullo stato del rischio dei veicoli assicurati e immatricolati in Italia, identificati tramite il numero di targa o tramite il telaio per i veicoli sprovvisti di targa. La banca dati attestati di rischio sarà accessibile da parte di tutte le imprese che esercitano l’assicurazione obbligatoria della responsabilità civile derivante dalla circolazione dei veicoli a motore in Italia oltre che dall’Ivass. La banca dati, in quanto già esistente sarà detenuta e gestita dall’Ania, sulla base di specifica convenzione, secondo le modalità e i tempi definiti dall’Ivass, con specifiche disposizioni. All’atto dell’emissione degli attestati di rischio, per ogni movimento emesso, le imprese trasmetteranno alla banca dati attestati di rischio, tramite flussi informatici, i dati previsti dalla normativa vigente. In caso di contratti in coassicurazione, la movimentazione deve essere comunicata esclusivamente dall’impresa delegataria.

Le informazioni trasmesse per ogni attestato saranno organizzate su tre tipi record diversi collegati tra di loro con alcuni campi chiave che identificheranno il veicolo, la scadenza contratto e il contraente dell’assicurazione. La chiave permetterà di identificare in modo univoco un attestato, consentendo quindi di non caricare doppie posizioni, se non previo annullamento dell’attestato emesso in precedenza. Le informazioni relative a un singolo attestato che verranno inviate, tramite flusso informatico, dall’impresa che lo ha emesso, saranno strutturate sui seguenti tre diversi tipi record: «dati generali» (record presente una sola volta per ogni attestato emesso, comprende le informazioni generali del contratto, il tipo di comunicazione e i dati del contraente e dell’avente diritto), «pagellino sinistrosità pregressa» (è composto da due sezioni distinte per «tipologia di sinistro»: una relativa ai sinistri pagati con responsabilità principale e un’altra relativa ai sinistri pagati con responsabilità paritaria) e «dettaglio sinistri paritari» (un record con le informazioni di dettaglio dei sinistri indicati nella tipologia «sinistri pagati con responsabilità paritaria»).

Articoli correlati
ANAPA Rete ImpresAgenziaAssociazioni di CategoriaIn EvidenzaOpinione della Settimana

«Nessuno si salva da solo»

Nel corso di «Davos 2021», la kermesse annuale del World Economic Forum tenutasi lo scorso…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Il «dritto»...

Ormai quotidianamente l’IVASS oscura e sanziona siti on-line di Intermediari…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Opportunità e sfide del mercato assicurativo italiano

I grandi cambiamenti che stanno interessando l’Italia e il mondo intero, come ben sappiamo…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.