Opinione della Settimana

Da settembre tagliate del 40% le pensioni di Fonage

Detrazioni dimezzate Imc

(di Roberto E. Bagnoli – Iomiassicuro.it)

Scatterà dalla prossima rata di settembre-ottobre il taglio del 40% per le prestazioni pensionistiche liquidate dal Fonage, il fondo pensione agenti. La misura è conseguenza della delibera del 16 giugno scorso, con cui la Covip aveva disposto il pagamento a titolo provvisorio delle prestazioni in corso di erogazione a qualunque titolo nella misura del 60% dell’importo dovuto, salvo conguaglio, dando mandato al Commissario straordinario Ermanno Martinetto d’individuare la prima data utile per la decorrenza della misura. Il fondo sta informando tutti gli interessati con un’apposita comunicazione. Il provvedimento ha carattere temporaneo ed è stato adottato in via cautelare fino all’approvazione del Piano di riequilibrio, che in questi giorni è all’esame delle parti sociali. Nell’ipotesi che il Piano preveda abbattimenti inferiori, i pensionati riceveranno i dovuti importi a conguaglio.

Il drastico taglio delle prestazioni viene pesantemente criticato dallo Sna. “Un provvedimento di riduzione delle prestazioni era nell’aria”, sostiene il Sindacato guidato da Claudio Demozzi, “ma ciò che fa discutere è la sua entità e, soprattutto, il fatto che il taglio sia stato applicato in eguale misura sia alla gestione ordinaria che a quella integrativa, senza tenere conto delle differenze sostanziali esistenti tra le due. La prima prevede un contributo identico e obbligatorio per ogni aderente, mentre quella integrativa è ad adesione facoltativa e con scelta individuale dell’importo del contributo. Gli effetti di un taglio frontale colpiscono in misura proporzionalmente più pesante gli agenti che hanno versato più contributi integrativi e, nel contempo, penalizzano maggiormente quelli che percepiscono le pensioni minime perché non risulta siano stati messi in atto meccanismi di salvaguardia delle pensioni minime né di tutela diversificata per i soggetti più deboli. E’ nostra intenzione proseguire nell’azione di presidio e difesa dei diritti faticosamente acquisiti nei decenni, così come non rinunceremo a sensibilizzare la politica, le Autorità preposte, affinché le imprese si assumano finalmente le loro responsabilità e contribuiscano concretamente al riequilibrio del Fondo, magari attraverso l’aumento del contributo straordinario: l’offerta dell’Ania, al momento, è ferma a meno del 10% di quanto necessario”.

Articoli correlati
ANAPA Rete ImpresAgenziaAssociazioni di CategoriaIn EvidenzaOpinione della Settimana

«Nessuno si salva da solo»

Nel corso di «Davos 2021», la kermesse annuale del World Economic Forum tenutasi lo scorso…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Il «dritto»...

Ormai quotidianamente l’IVASS oscura e sanziona siti on-line di Intermediari…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Opportunità e sfide del mercato assicurativo italiano

I grandi cambiamenti che stanno interessando l’Italia e il mondo intero, come ben sappiamo…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.