Opinione della Settimana

Solvency apre alle infrastrutture

Infrastrutture (2) Imc

(di Anna Messia – Milano Finanza)

Abbassati i requisiti di capitale richiesti per gli investimenti delle assicurazioni. Le compagnie hanno un potenziale di 100 miliardi di euro per sostenere l’economia reale, ma in Italia mancano gli strumenti e il rischio è che i flussi si spostino verso l’estero

La stretta si è allentata, anche se non quanto le assicurazioni avrebbero voluto. Ma secondo l’ultima versione di Solvency II (le regole europee sul capitale), che entrerà in vigore a gennaio, le compagnie che sceglieranno di investire in progetti infrastrutturali qualificati avranno uno sconto sugli accantonamenti di capitale necessari. «Se l’investimento in infrastrutture di buona qualità è effettuato nelle forme di titoli di debito, il requisito si riduce del 30% rispetto a quello attualmente previsto», ha chiarito in un recente intervento Valeria Sannucci, vicedirettore generale della Banca d’Italia e membro del direttorio dell’Ivass, l’istituto di controllo assicurativo presieduto da Salvatore Rossi. Inoltre «se l’investimento è effettuato mediante il ricorso all’equity, il fattore di rischio proposto si riduce dal 49 al 30%», ha specificato ancora.

Un bel taglio, insomma, anche se le assicurazioni avevano fissato l’asticella al 22%. Ma in ogni caso il settore è pronto a riconoscere che l’intervento correttivo previsto dalla Commissione Europea, effettuato nell’ambito della Capital Market Union, risveglierà l’interesse delle compagnie verso questo tipo di investimenti, che in verità finora non è stato alto. Anzi: l’impegno delle assicurazioni in «infrastrutture, minibond, cartolarizzazioni e finanziamenti diretti risulta ancora in stallo, pari ad appena 42 milioni di euro», sottolineava Sannucci. «Si tratta di una cifra davvero esigua, se si considera che, sia pure a titolo di raffronto meramente indicativo, il potenziale degli investimenti è stimato in quasi 100 miliardi, inclusi gli investimenti indiretti, ossia quelli realizzabili per il tramite di fondi comuni d’investimento». Ora però l’interesse sembra destinato a lievitare, non solo per la spinta arrivata da Bruxelles ma anche perché le compagnie, in presenza di tassi ai minimi sui mercati, sono obbligate a puntare su investimenti più redditizi per fare fronte alle garanzie di rendimento promesse negli anni passati agli assicurati che hanno sottoscritto polizze Vita tradizionali.

Il fermento è notevole e le banche d’affari appaiono pronte a smuovere il mercato. Ma in Italia la ricerca di infrastrutture adeguate non è facile, considerando che le compagnie sono interessate a investimenti in grado di generare cash flow prevedibili, magari non altissimi ma comunque stabili. E nemmeno i progetti italiani presenti nel piano Junker sembrano combaciare con le loro esigenze. Il rischio che le compagnie italiane vadano ad investire in infrastrutture di altri Paesi europei è quindi concreto. Già Allianz, del resto, ne ha dato prova. Il colosso tedesco, che grazie alle competenze nel settore immobiliare è tra i più attivi nel mercato, non ha nascosto l’interesse per le infrastrutture italiane, ma finora ha continuato a muoversi oltre confine investendo per esempio nei vagoni ferroviari inglesi, nelle fognature di Londra o in parcheggi a Chicago.

Articoli correlati
ANAPA Rete ImpresAgenziaAssociazioni di CategoriaIn EvidenzaOpinione della Settimana

«Nessuno si salva da solo»

Nel corso di «Davos 2021», la kermesse annuale del World Economic Forum tenutasi lo scorso…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Il «dritto»...

Ormai quotidianamente l’IVASS oscura e sanziona siti on-line di Intermediari…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Opportunità e sfide del mercato assicurativo italiano

I grandi cambiamenti che stanno interessando l’Italia e il mondo intero, come ben sappiamo…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.