News

Trentino–Alto Adige, prima edizione della giornata annuale “Equal Pension Day”

Equal Pension Day - Seminario Imc

Si è svolta oggi, venerdì 30 ottobre, la prima edizione della giornata annuale Equal Pension Day” istituita dall’Alleanza Regionale per le Pari Opportunità e promossa dalla Regione Autonoma Trentino-Alto Adige/Südtirol.

Tra le iniziative odierne si segnalano un seminario per ripensare le attuali misure di welfare nazionali e locali – “cercando un equilibrio che tenga realmente conto delle specifiche esigenze di entrambi i generi” – e un gazebo informativo per tutte le interessate al tema pensionistico in piazza a Trento e a Bolzano. Nel corso delle prossime settimane seguiranno serate informative sul territorio regionale.

“Garantire l’autonomia economica della donna è fattore strategico per raggiungere un’effettiva equità fra i generi, con ricadute positive per l’intera società”, ha aperto così i lavori del seminario Violetta Plotegher, Assessora regionale alla previdenza complementare. Gli obiettivi del seminario, e in generale delle iniziative legate all’Equal Pension Day, sono quelli di “promuovere una cultura socioeconomica rispettosa della donna e del suo ruolo sociale, che ne favorisca l’indipendenza economica, proponendo strategie concrete a miglioramento delle attuali misure di welfare nazionale, locale e aziendale”. Il tavolo odierno è stato quindi “un importante momento di confronto sul tema della parità di genere in senso ampio e di costruzione di una visione condivisa per il futuro”.

Al seminario sono intervenute – oltre all’Assessora Plotegher, che ha condotto i lavori del tavolo – la parlamentare Maria Luisa Gnecchi, con un focus sul tema previdenziale, Laura Costa (presidente di Pensplan Centrum), Silvia Vogliotti (vicedirettrice IPL – Istituto promozione lavoratori di Bolzano), Isabella Speziali (direttrice Ufficio Osservatorio del mercato del lavoro della Provincia Autonoma di Trento) e Paola Sanna, consulente del lavoro.

Si è riflettuto soprattutto “su proposte concrete volte a ristabilire una maggiore equità sociale fra i generi – si legge in una nota – con particolare attenzione alla situazione di disparità previdenziale esistente fra uomini e donne”. Le statistiche relative alle pensioni erogate dall’Inps evidenziano infatti significativi squilibri a sfavore delle pensionate: nel 2014 il reddito pensionistico medio annuo percepito dalle donne si attesta sui 13.971 Euro, mentre agli uomini spettano in media 21.081 Euro. Il 50% delle donne ha una pensione inferiore ai 1.000 Euro al mese, mentre questo importo spetta solo ad un uomo su quattro. In generale, la differenza di reddito pensionistico tra uomini e donne è pari al 41,4% e sale al 51% se si considera il contesto della Regione Trentino–Alto Adige/Südtirol.

Il seminario – prosegue la nota – “ha messo in luce come la situazione sia conseguenza di un contesto socio-economico che non sostiene sufficientemente le donne, costrette ad adattarsi a ritmi e contesti che le penalizzano. Disparità salariale, minori possibilità di carriera, forme contrattuali sfavorevoli, vuoti contributivi dovuti alla maternità o alla dimensione legata alla cura sono solo alcuni dei fattori che si ripercuotono inevitabilmente sul loro futuro pensionistico, messo inoltre in discussione dall’introduzione del sistema contributivo per il calcolo della pensione e dall’abolizione della pensione minima”.

In un contesto di per sé svantaggioso, “è apparso dunque chiaro che ancora oggi molte donne faticano a raggiungere la propria autonomia economica”. Un tema che, come riportato dalle relatrici, è di tipo culturale e nei confronti del quale “è importante intervenire con azioni impegnate a decostruire i modelli di genere dominanti, sia sul piano istituzionale sia nelle dinamiche attraverso le quali le discriminazioni di genere sono prodotte e riprodotte nella quotidianità”.

“Riconoscere le differenze di genere e rendersi consapevoli del fondamentale apporto delle donne in questo processo di cambiamento è imprescindibile. Ogni posto di lavoro per le donne sostiene doppiamente l’economia rispetto a un posto di lavoro maschile”, ha affermato Plotegher. Le relatrici hanno evidenziato come sia inoltre cruciale “investire in servizi” (che si traducono anche in più posti di lavoro) “e non in aiuti economici per le famiglie, la cui conseguenza è quella di mantenere le donne a casa”. Lavorare sulla cultura e sulla struttura della società “significa orientarsi verso nuovi modelli di welfare e pensiero, cercando di comprendere quali siano davvero le misure più efficaci di welfare aziendale a sostegno delle donne”.

“Una corretta informazione sulla propria situazione previdenziale è il presupposto per una scelta consapevole – ha concluso Costa –. L’appello a tutte le donne è dunque quello di prendere coscienza di queste tematiche, di informarsi adeguatamente e agire per tempo per garantirsi una maggiore sicurezza economica per il proprio futuro e il futuro della propria famiglia”.

All’interno del calendario delle iniziative collegate all’Equal Pension Day, come anticipato in apertura di articolo, ci sono ancora quattro serate informative: a Trento il 5 novembre alle ore 20:30 presso il Palazzo della Regione; a Cornedo, Haus der Dorfgemeinschaft sempre il 5 novembre alle ore 20:30 in lingua tedesca; a Bolzano il 10 novembre in lingua italiana e il 12 novembre in lingua tedesca presso la sede di Pensplan di via della Mostra alle ore 19:00.

Intermedia Channel

Articoli correlati
EsteroNews

Australia: le tempeste estive 2023-2024 hanno generato perdite assicurate per oltre 1,6 miliardi di dollari australiani

L’estate 2023-24 ha visto una serie di eventi meteorologici estremi lungo la costa orientale…
Leggi di più
EsteroNews

Marsh: le estorsioni informatiche hanno raggiunto livelli record in Usa e Canada nel 2023

La percentuale di clienti che nel 2023  ha segnalato almeno un evento informatico è variata tra il…
Leggi di più
EsteroIn EvidenzaNews

Usa: la spesa sanitaria è arrivata a $4800 miliardi nel 2024

Rispetto al Pil la quota degli oneri per la salute è giunta al 17,3% nel 2022 e dovrebbe giungere…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.