Opinione della Settimana

Gestione separata Inps, più professionisti ma più poveri

Calcolatrice (6) Imc

(di Matteo Prioschi – Il Sole 24 Ore)

Aumentano gli iscrìtti in via esclusiva ma calano redditi e contributi

Ulteriore calo complessivo degli iscritti alla gestione separata dell’Inps. I dati aggiornati a fine 2014, diffusi ieri dall’istituto di previdenza, registrano una contrazione del 3,2% rispetto al 2013, la terza variazione negativa consecutiva, ma ben distante dal -9,2% verificatosi nel 2013 per effetto della stretta sulle collaborazioni introdotta dalla riforma Fornero (legge 92/2012).

Nella gestione separata, però, convivono diverse categorie che non seguono tutte il trend generale. La maggior parte degli iscritti (1.209.473) sono i collaboratori: quelli esclusivi, che cioè non svolgono altre attività, sono diminuiti del 4,7% nel 2014, quelli che hanno anche altre entrate sono calati del 3,2 per cento. I professionisti, invece, sono complessivamente 303.557, di cui 83.080 svolgono altre attività, mentre 220.477 sono iscritti in via esclusiva. Questi ultimi sono i professionisti senz’albo, non tenuti a iscriversi alle rispettive Casse di previdenza e questa categoria è l’unica in costante crescita negli ultimi anni. Dai 184.889 del 2010 sono diventati 220.477, e anche nel 2014 hanno registrato un aumento del 2,8% sull’anno precedente.

Tuttavia a questo trend numerico non corrisponde quello retributivo-contributivo. Infatti mentre gli iscritti aumentano, i redditi complessivi calano e soprattutto quelli procapite non arrivano al minimo contributivo. Le regole della gestione separata prevedono che se non si raggiunge il minimo, a fini previdenziali non viene accreditato tutto l’anno ma una quota parte. Quindi un anno di lavoro può valere anche solo 2-3 mesi per la pensione. Questo fenomeno è particolarmente evidente per i più giovani. Per esempio nella fascia 20-24enni gli iscritti sono quasi 9mila, ma solo poco più di mille ha visto accreditarsi 12 mesi. Quasi 4mila hanno maturato 1-5 mesi e quasi 2.500 zero mesi. A livello complessivo le cose vanno meglio ma non molto: su 220.477 iscritti, solo 75.124 si sono visti accreditare 12 mensilità contributive.

In prospettiva questo trend è preoccupante perché se non cambieranno le cose questi lavoratori, oltre a fare i conti con bassi redditi nell’immediato, non riusciranno a costruirsi una pensione adeguata.

Articoli correlati
ANAPA Rete ImpresAgenziaAssociazioni di CategoriaIn EvidenzaOpinione della Settimana

«Nessuno si salva da solo»

Nel corso di «Davos 2021», la kermesse annuale del World Economic Forum tenutasi lo scorso…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Il «dritto»...

Ormai quotidianamente l’IVASS oscura e sanziona siti on-line di Intermediari…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Opportunità e sfide del mercato assicurativo italiano

I grandi cambiamenti che stanno interessando l’Italia e il mondo intero, come ben sappiamo…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.