News

Quattro nuovi soci per Cineas

Adolfo Bertani IMC

Assimoco, Assiteca, Recotech e Università degli Studi di Pavia vanno a consolidare i settori assicurazioni, broker, imprese e ambito accademico. A quasi trent’anni dalla sua fondazione, il Consorzio sta per raggiungere i 60 associati

Il 2015 di Cineas si chiude con 4 nuove realtà che si associano al Consorzio: Assimoco, Assiteca, Recotech e Università degli Studi di Pavia che vanno a consolidare le aree principali in cui il Consorzio è storicamente attivo: assicurazioni, broker, imprese e ambito accademico.

Fondato nel 1987 come Consorzio universitario non-profit per l’ingegneria nella assicurazioni, Cineas a partire dal 2000 ha cominciato ad occuparsi di cultura del rischio a 360° “diventando l’anello di congiunzione tra comparto assicurativo, il settore industriale, le istituzioni, l’area della sanità e il mondo accademico per diffondere conoscenze avanzate in materia di risk management e creare nuove competenze professionali”.

In particolare, per quanto riguarda l’ambito accademico, con l’ingresso dell’Università di Pavia il Consorzio raggiunge quota sei atenei associati. I soci Cineas – si legge in una nota – “hanno un ruolo attivo nello sviluppo delle attività di ricerca del Consorzio, danno impulso all’aggiornamento dei percorsi formativi, costituiscono in parte la faculty e finanziano le borse di studio messe a disposizione per i master”.

“Come scuola di formazione manageriale, nell’anno accademico 2014-2015, abbiamo coinvolto nelle nostre attività formative circa 1000 professionisti prendendo in considerazione master, corsi brevi e corsi tailor made – ha commentato il presidente Cineas, Adolfo Bertani (nella foto). E’ un record per il nostro Consorzio che dimostra come (dopo quasi trent’anni di pionieristica attività) a livello imprenditoriale e a livello di amministrazione pubblica, si sia alzata la soglia di attenzione sul risk management e sulla diffusione della cultura della prevenzione”.

“In base alla nostra esperienza diretta, in ambito imprenditoriale, i risultati dell’Osservatorio 2015 sulla diffusione del risk management nelle medie imprese italiane – indagine realizzata in collaborazione con Mediobanca e con il contributo di UnipolSai Assicurazioni – hanno dimostrato che le imprese che gestiscono il rischio ottengono performance economiche migliori tra il 20 e il 30% sul mercato”, ha proseguito Bertani.

“Inoltre, per quanto riguarda la PA, è stato appena presentato il progetto europeo Life DERRIS, un’iniziativa finalizzata alla definizione di azioni congiunte pubblico-privato per ridurre al minimo i danni causati dal cambiamento climatico. Il progetto DERRIS (di cui è capofila il Gruppo Unipol affiancato da Cineas, Città di Torino, ANCI e Coordinamento Agende 21) prevede il trasferimento delle competenze di valutazione e gestione del rischi, la costruzione e diffusione di strumenti per ridurre al minimo i danni per le singole aziende e per i distretti di imprese che verranno testati con le imprese residenti sul territorio di Torino – che è il primo comune italiano ad aderire al progetto – per essere poi diffusi in tutto il paese”, ha concluso il presidente Cineas.

Intermedia Channel

Articoli correlati
News

Assicurazioni marittime: allarme crescente per il trasporto di macchine elettriche

Le navi non sono progettate per ridurre il pericolo di incendi causati dalle batterie al…
Leggi di più
EsteroIn EvidenzaNews

Francia: Axa costituisce una business unit per il mercato private

Nella nuova unità saranno concentrati asset private per circa € 20 miliardi Il gruppo francese…
Leggi di più
EsteroIn EvidenzaNews

Russia: Zurich vende la sua società ai dipendenti ed esce dal mercato

La filiale ha una raccolta di appena 34 milioni con una quota di mercato dello 0,3 per…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.