Opinione della Settimana

Unipol promuove Culturability Due per rivitalizzare le periferie urbane

Fondazione Unipolis - Culturability - Ministero Beni Culturali novembre 2015 Imc

(Fonte: Il Messaggero)

Sono sei i vincitori del bando lanciato dalla Fondazione del polo assicurativo. Il presidente Stefanini: La cultura come valore economico

La cultura per generare inclusione sociale, solidarietà e nuove professionalità sfruttando la passione e la concretezza dei giovani: è l’obiettivo raggiunto dai sei progetti vincitori del bando per under 35 Culturability 2 promosso da Unipolis, la fondazione d’impresa del gruppo Unipol, e dedicato al tema della rigenerazione urbana attraverso interventi di valore sociale e culturale, di cui ieri si è discusso a Roma nell’ambito dell’incontro «Cultura, creatività, rigenerazione urbana. Progetti di sviluppo sostenibile». Selezionati tra i quasi 1000 progetti arrivati da tutta Italia, i sei finalisti hanno dimostrato che, unendo esperienze e creatività dal basso, è possibile vivere il territorio cittadino in modo partecipato e condiviso, anche usufruendo dei tanti edifici inutilizzati nelle città e lasciati spesso al degrado. Dal Mercato Sonato dell’Orchestra Senzaspine a Bologna alla galleria d’arte online Polline di Favara (Agrigento); dalla social-media agency Youtopia di Perugia al Laboratorio Permanente Pisacane di Roma; infine, dal mercato comunale coperto nel quartiere Giambellino-Lorenteggio a Milano al progetto Eyes Made che promuove la cultura sorda e in particolare il Deaf Cinema.

LA SCOMMESSA – Ebbene, per ognuno la Fondazione ha messo a disposizione 40 mila euro di contributo e 20 mila in attività di incubazione, per una dotazione complessiva di 360 mila euro. La scommessa da vincere è rendere queste iniziative sostenibili nel tempo, e in grado di produrre ricchezza e sviluppo soprattutto nelle aree più svantaggiate, coinvolgendo le fasce sociali più deboli. «La riqualificazione delle periferie è la sfida del secolo», ha detto il ministro Dario Franceschini intervenendo all’incontro, «l’Italia è in ritardo nella valorizzazione del contemporaneo: per occuparci della tutela del patrimonio non abbiamo visto le energie positive che ci sono nel nostro Paese e che meritano sostegno». «Vogliamo favorire le persone che hanno buone idee aiutandole a consolidarsi. Il Paese deve agire sulla dimensione locale», ha detto Pierluigi Stefanini, presidente Gruppo Unipol e Fondazione Unipolis. «Dire che con la cultura non si mangia è stata una battuta micidiale. Anche gli attacchi di Parigi sono dentro questo discorso – ha aggiunto –; la conoscenza è un’arma micidiale e non militare per arginare il terrorismo».


Nella foto in apertura, del Ministero dei beni e delle attività culturali, un momento dell’incontro “Cultura, creatività e rigenerazione urbana per promuovere sviluppo sostenibile”. Da sinistra verso destra: Pierluigi Sacco (economista della cultura IULM), Pierluigi Stefanini, (presidente del Gruppo Unipol e di Fondazione Unipolis) e Dario Franceschini, Ministro dei beni e delle attività culturali

Articoli correlati
ANAPA Rete ImpresAgenziaAssociazioni di CategoriaIn EvidenzaOpinione della Settimana

«Nessuno si salva da solo»

Nel corso di «Davos 2021», la kermesse annuale del World Economic Forum tenutasi lo scorso…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Il «dritto»...

Ormai quotidianamente l’IVASS oscura e sanziona siti on-line di Intermediari…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Opportunità e sfide del mercato assicurativo italiano

I grandi cambiamenti che stanno interessando l’Italia e il mondo intero, come ben sappiamo…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.