Opinione della Settimana

Fitch, rating e outlook stabili per mercato assicurativo italiano

Fitch Ratings - Sede

(Fonte: Borsa Italiana / Il Sole 24 Ore Radiocor #2)

L’agenzia prevede una buona performance per Solvency II. Nel danni, utili 2016 ok ma sotto 2015. Vita in crescita

Fitch mantiene stabili il rating e l’outlook del mercato assicurativo italiano, per cui prevede anche una buona performance ai fini di Solvency II, per quanto sullo sfondo continui a pesare il legame con il merito di credito sovrano. In un nuovo rapporto l’agenzia indica che la crescita delle compagnie italiane e la loro redditività saranno resilienti, nonostante la debolezza dell’Rc auto, l’alta concentrazione del rischio nel portafoglio degli investimenti nel vita e le pressioni dagli enti regolatori per aumentare la trasparenza e aumentare la concorrenza. I gruppi italiani, ricorda d’altro canto Fitch, detengono significative quantità di bond governativi e corporate e tale concentrazione rende i loro rating fortemente collegati e sensibili al rating sovrano dell’Italia (BBB+/Stabile). Per quanto l’agenzia si attenda che le compagnie tricolori passino bene l’esame di Solvency II, “in considerazione dell’elevata esposizione ai bond governativi, probabilmente avranno il maggior incremento del fabbisogno di capitale nel caso i regolatori europei rimuovano il rischio zero nella ponderazione per il debito sovrano in base a Solvency II nella formula standard”.

Nei danni, le tariffe sull’auto continuano a restare deboli, mentre il non-auto sta registrando un rafforzamento dei prezzi, rileva Fitch. Il trend dovrebbe continuare anche nel 2016, anche se le tariffe dell’auto potrebbero iniziare ad aumentare per la maggiore sinistralità. Alcune compagnie, però, in primis le online, manterranno basse le tariffe per aumentare la fidelizzazione dei clienti e rafforzare la loro quota di mercato. Ad esercitare un’ulteriore pressione sui prezzi potrebbero essere i siti comparatori. La redditività del danno nelle attese di Fitch dovrebbe mantenersi forte nel 2016, nonostante il calo della raccolta, perché le compagnie trarranno vantaggio del miglioramento dei risultati nelle linee non-auto. Ciò nonostante, la redditività dovrebbe essere inferiore al 2015. Nel vita l’agenzia prevede un incremento della raccolta premi il che, assieme all’aumento del valore dei bond italiani e ai positivi dati di raccolta netta, spingerà l’utile netto. Essendo la raccolta trainata dai premi unici, è prevedibile una volatilità dei risultati, ma Fitch ritiene che i premi vita probabilmente continueranno a crescere nel 2016, anche se meno rispetto al 2015.

Articoli correlati
ANAPA Rete ImpresAgenziaAssociazioni di CategoriaIn EvidenzaOpinione della Settimana

«Nessuno si salva da solo»

Nel corso di «Davos 2021», la kermesse annuale del World Economic Forum tenutasi lo scorso…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Il «dritto»...

Ormai quotidianamente l’IVASS oscura e sanziona siti on-line di Intermediari…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Opportunità e sfide del mercato assicurativo italiano

I grandi cambiamenti che stanno interessando l’Italia e il mondo intero, come ben sappiamo…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.