Opinione della Settimana

Ivrea, truffavano le assicurazioni incassando dai falsi incidenti

Ivrea - Piazza Ferruccio Nazionale (Foto Davide Papalini) Imc

(di Giampiero Maggio – La Stampa Torino e provincia)

In cinque accusati di riciclaggio, furto e truffa. Usavano auto rubate

C’era chi rubava le auto e chi, nell’officina di fiducia le riverniciava e faceva sparire il numero di telaio. Con quelle macchine, poi, venivano simulati incidenti con l’obiettivo di intascare il premio dalle assicurazioni. Per questo motivo sono finiti nei pasticci in 5: ieri sono comparsi davanti al gup del Tribunale di Ivrea, Marianna Tiseo, con accuse che vanno dal furto, alla ricettazione alla truffa.

La banda

I fatti risalgono ad un periodo che va da giugno a settembre del 2013 e secondo gli inquirenti i 5 componenti dell’organizzazione, in quei mesi, non solo avevano messo a segno i primi colpi, ma si stavano preparando ad alzare il livello delle truffe. Sotto accusa c’è T. M., 34 anni di Foglizzo, i fratelli D. e F. C., 31 e 33 anni di Rivarolo, L. A., 32 anni di Favria, e D. R., 46 anni di Castellamonte. I reati contestati sono diversi. M., ad esempio, è accusato di ricettazione e furto. Secondo l’accusa M. avrebbe rubato, con l’aiuto di alcuni complici (mai identificati nel corso delle indagini), almeno un paio di auto. In un caso una Mercedes, poi un’Alfa 159: auto che poi sarebbero finite dai fratelli C., nell’officina di Bosconero, per essere modificate. A quel punto le auto erano pronte all’uso.

Raggiro alle assicurazioni

E’ il 15 luglio del 2013 e a Bosconero, secondo la Procura, D. C. e L. A. simulano un incidente sulla statale 460, tra la Renault Kangoo di A. e l’Alfa Romeo di C.; il giochino frutta dalla Milano Assicurazioni un indennizzo di 2 mila e 200 euro. Ad entrambi (non sono accusati di furto) viene contestato il reato di danneggiamento fraudolento di mezzi assicurati. Un paio di mesi dopo, a settembre, la simulazione dell’incidente avviene a Rivarolo, in corso Torino, tra la Fiat Punto di R. e l’Alfa di C.; anche in questo caso l’obiettivo è intascare il premio dell’assicurazione. La banda, però, viene fermata prima che dia il via ad altri colpi. Il processo è stato rinviato al 14 marzo: il giudice dovrà decidere sulla richiesta di accedere ai riti alternativi da parte di M. e dei due C..

Articoli correlati
ANAPA Rete ImpresAgenziaAssociazioni di CategoriaIn EvidenzaOpinione della Settimana

«Nessuno si salva da solo»

Nel corso di «Davos 2021», la kermesse annuale del World Economic Forum tenutasi lo scorso…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Il «dritto»...

Ormai quotidianamente l’IVASS oscura e sanziona siti on-line di Intermediari…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Opportunità e sfide del mercato assicurativo italiano

I grandi cambiamenti che stanno interessando l’Italia e il mondo intero, come ben sappiamo…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.