Opinione della Settimana

Il fondo pensione? Anche ai bimbi

Risparmio - Paghetta - Salvadanaio Imc

(Fonte: la Tribuna di Treviso)

“Solidarietà Veneto”: crescono i lavoratori che aprono una integrativa per i figli

In provincia (di Treviso, ndIMC) c’è un bimbo di appena sei mesi che ha già un proprio fondo pensione. Lo alimentano mamma e papa, magari qualche bustina regalo dei parenti, e un domani potrà dargli «una prospettiva più serena».

Non è una favola, ma una delle tante sfaccettature del progetto Solidarietà Veneto, il fondo complementare che oggi, in Veneto, ha raccolto quasi 50 mila lavoratori associati e continua in un trend di crescita a cui Treviso e la sua provincia partecipano al 27%. La novità più significativa che si registra in questi ultimi mesi infatti è l’aumentare delle persone che iscrivono al fondo anche i “soggetti fiscalmente a carico”, ovvero i figli. In provincia i lavoratori che hanno aperto un fondo per i propri figli sono cresciuti rispetto al 2014 del 27% raggiungendo il 2% del totale. Le ragioni di questo investimento? «Possiamo definirlo un patto intergenerazionale», sottolinea Franco Lorenzon della Cisl, il sindacato che ha fortemente sostenuto il progetto lanciato nel 1990, oggi abbracciato in toto dal mondo della piccola e media impresa della Marca e dai suoi industriali (il presidente del fondo è Andrea Tomat).

A far aumentare il numero dei bambini, o adolescenti, titolari di un fondo vi sono i vantaggi fiscali (gli importi derivanti dall’iscrizione dei figli al fondo sono deducibili fiscalmente, riducono cioè il reddito imponibile permettendo di beneficiare di uno sconto fiscale almeno pari al 24,5%); l’assenza di vincoli di versamento; la possibilità di anticipazioni (trascorsi 8 anni di iscrizione il giovane iscritto può richiedere un anticipo di denaro contante per ragioni varie, dalla casa allo studio).

«Questi sono alcuni dei vantaggi offerti dal fondo Solidarietà Veneto», spiega Tomat, «oltre alla sicurezza di una gestione sicura dei propri soldi dimostrata che anche al raggiungimento della pensione molti partecipanti al fondo vi restano all’interno». Diverse le formule di investimento proposte, «ma sempre con l’obiettivo di dare una integrazione pensionistica senza rischi».

E poi c’è l’altro volto di Fondo, quello dedicato alle imprese e agli investimento nel territorio finanziando mini-bond territoriali utili a dare respiro e prospettiva all’impresa. Ben 30 i milioni recentemente liberati per investimenti nella piccola e media impresa, dopo i 70 milioni «già investiti in questi anni nel sistema paese».

Nella sede degli industriali, ieri, tracciando il bilancio 2015 di “Solidarietà Veneto”, presentati anche altri numeri: 2800 nuove imprese iscritte, varietà di ambiti lavorativi che predilige il settore legno-arredo (30% delle aziende iscritte) ed ha il sottoscrittore tipo nell’uomo o nella donna di 44 anni.

Articoli correlati
ANAPA Rete ImpresAgenziaAssociazioni di CategoriaIn EvidenzaOpinione della Settimana

«Nessuno si salva da solo»

Nel corso di «Davos 2021», la kermesse annuale del World Economic Forum tenutasi lo scorso…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Il «dritto»...

Ormai quotidianamente l’IVASS oscura e sanziona siti on-line di Intermediari…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Opportunità e sfide del mercato assicurativo italiano

I grandi cambiamenti che stanno interessando l’Italia e il mondo intero, come ben sappiamo…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.