Opinione della Settimana

Danno da lesione, con indennità di accompagnamento e assistenza domiciliare indennizzo tagliato

Corte Cassazione (3) Imc

(di Patrizia Maciocchi – Quotidiano del Diritto)

Dal danno permanente futuro vanno detratti accompagnamento e voucher per aiuti domiciliari

L’assicurazione può tagliare il risarcimento alla vittima dell’incidente stradale che beneficia dell’indennità di accompagnamento e di una legislazione regionale che assicura l’assistenza domiciliare. La Cassazione (sentenza 7774) bacchetta la corte d’Appello per i criteri seguiti nella liquidazione del danno permanente. Tre gli errori commessi. Il primo sta nell’aver riconosciuto al danneggiato una liquidazione per le spese già sostenute per l’assistenza domiciliare, l’acquisto di un’automobile adattata alla sua condizione e l’adeguamento dell’abitazione, senza il supporto di una documentazione.

La Cassazione precisa che non possono essere riconosciute al danneggiato spese passate se non dimostra, anche attraverso presunzioni semplici, di averle sostenute. Il secondo passo falso è di avere quantificato il danno patrimoniale futuro, senza detrarre l’indennità di accompagnamento e ignorando i benefici che la legislazione regionale, nel caso esaminato lombarda, assicura in tema di assistenza domiciliare. L’indennità ha, infatti, lo scopo di compensare l’onere di dover retribuire un collaboratore per far fronte alle esigenze di vita quotidiana. E dunque elimina in parte il danno risarcibile. Lo stesso vale per l’assistenza domiciliare prestata dal servizio sanitario.

Il sistema dei voucher socio-sanitari, introdotto in Lombardia, non doveva essere ignorato dal giudice. Per finire, non va bene neppure il calcolo del danno futuro insito nella necessità di sostenere per sempre una spesa periodica. Il calcolo del pregiudizio non può essere fatto, come avvenuto, moltiplicando i costi per il numero di anni di vita stimata della vittima. Tre le strade corrette per quantificare il pregiudizio. La liquidazione può avvenire «in forma di rendita; oppure moltiplicando il danno annuo per il numero di anni per cui verrà sopportato e quindi abbattendo il risultato in base al coefficiente di anticipazione; od infine attraverso il metodo della capitalizzazione, consistente nel moltiplicare il danno annuo per un coefficiente di capitalizzazione delle rendite vitalizie».

Articoli correlati
ANAPA Rete ImpresAgenziaAssociazioni di CategoriaIn EvidenzaOpinione della Settimana

«Nessuno si salva da solo»

Nel corso di «Davos 2021», la kermesse annuale del World Economic Forum tenutasi lo scorso…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Il «dritto»...

Ormai quotidianamente l’IVASS oscura e sanziona siti on-line di Intermediari…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Opportunità e sfide del mercato assicurativo italiano

I grandi cambiamenti che stanno interessando l’Italia e il mondo intero, come ben sappiamo…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.