Opinione della Settimana

Pensioni, 10-15% in più di «copertura integrativa»

Pensioni (3) Imc

(di Davide Colombo e Marco Rogari – Quotidiano del Lavoro)

Boeri a Palazzo Chigi sul dossier flessibilità. L’Inps invia le prime 150mila buste arancioni

Far salire di almeno il 10-15% nel medio periodo il peso della previdenza integrativa nella “copertura pensionistica” complessiva dei lavoratori. Anche se il Governo mantiene il riserbo sulle opzioni e le finalità del pacchetto-pensioni allo studio senza confermare alcuna ipotesi, per diversi tecnici potrebbe essere questo uno degli obiettivi dell’operazione che si sta cercando di congegnare nella cabina di regia economia di palazzo Chigi con la collaborazione dei ministeri del Lavoro e dell’Economia.

Un’operazione che dovrebbe svilupparsi lungo tre coordinate. A partire da quella che prevede misure per rendere flessili le uscite (penalizzate) verso il pensionamento e, quindi, con un ritocco alla legge Fornero. Le altre due coordinate alla fine si dovrebbero unire in un’unica linea d’azione. Con anzitutto il rafforzamento del secondo pilastro da rendere nei fatti obbligatorio, con una riduzione di 3-4 punti dell’aliquota fiscale sui rendimenti dei fondi pensioni (è stata elevata al 20% due anni fa), l’incremento della deducibilità dei versamenti, la destinazione “obbligata” di almeno una fetta del Tfr ai fondi pensione, una nuova governance (sia per quel che riguarda i gli amministratori dei fondi sia con ridefinizione del ruolo di Covip), e forse anche un legame più marcato tra integrativa e contratti aziendali. A questo intervento seguirebbe, anche in ordine temporale, quello previsto dalla terza coordinata: il taglio di alcuni punti dei contributi previdenziali (per alleggerire il costo del lavoro) eventualmente in parti uguali tra datore di lavoro e lavoratore, che potrebbe essere chiamato a destinarne almeno una parte alla previdenza integrativa per concorrere al completamento alla sua copertura pensionistica che altrimenti potrebbe risultare ridotta.

Per il momento si tratta di una strategia solo abbozzata e suscettibile di variazioni. Ma un obiettivo a Palazzo Chigi è già stato individuato: aumentare il peso della previdenza integrativa e non solo rendendo più appetibile il ricorso ai fondi pensione, ai quali alla fine del 2015, secondo i dati Covip, risultavano aver aderito non più di 7,3 milioni di soggetti. Senza considerare che a fine 2014 1,6 milioni di iscritti avevano sospeso i versamenti a causa del protrarsi della crisi.

La riforma delle previdenza integrativa dovrebbe scattare con la prossima legge di stabilità. E dovrebbe agire in mix con il pacchetto flessibilità. Che potrebbe vedere i fondi pensione in qualità di soggetti attivi in aggiunta alle banche. Una delle opzioni allo studio poggia infatti su un intervento con connotati “prestito” e in parte di “opzione” con il coinvolgimento delle banche (che erogherebbero l’assegno per la fase di anticipo rispetto al raggiungimento della soglia di vecchiaia) con la garanzia dell’Inps. Che tornerebbe a versare il trattamento al raggiungimento dell’età pensionabile quando il lavoratore sarebbe chiamato a restituire a rate il “prestito” (si veda “Flessibilità con mix di misure e «integrativa» più appetibile”, di Marco Rogari, Quotidiano del Lavoro, 20.04.2016). La penalizzazione per ogni anno di anticipo sarebbe del 3-4% anche per effetto del calcolo con il “contributivo”. Questa ipotesi ridurrebbe l’impatto dell’intervento sui conti pubblici e avrebbe un carattere strutturale. Ma allo studio c’è anche un’opzione che prevede misure differenziate (“mix”) in ottica flessibilità sulla base di tre di diversi casi di “convenienza” a uscire: azienda che ha esuberi (processi di ristrutturazione aziendale) e lavoratori che effettuano mansioni usuranti; lavoratore over 62 disoccupato; soggetto con carriera contributiva ricca e dunque favorevole a uscire prima dal lavoro.

Tra le altre proposte sul tavolo c’è poi il pacchetto già presentato dal presidente dell’Inps, Tito Boeri, che ieri è stato ricevuto a palazzo Chigi dal sottosegretario Tommaso Nannicini. Proprio l’Inps, tra l’altro, ha consegnato a Poste per la spedizione le prime 150mila lettere con le “buste arancioni” contenenti l’estratto conto contributivo e la simulazione standard della pensione futura.

Resta da capire se il Governo cercherà di accelerare sul versante flessibilità. La maggioranza è in pressing, a partire dal Pd, ma non solo. «Il governo, attraverso il dialogo con le Commissioni bilancio e lavoro di Camera e Senato, ha il dovere di individuare un pacchetto di misure che introducano, nel nostro sistema di sicurezza sociale, flessibilità dal lato delle entrate contributive e dal lato delle prestazioni pensionistiche garantendo la sostenibilità di lungo periodo», ha affermato ieri il presidente della Commissione Lavoro del Senato, Maurizio Sacconi.

Naturalmente le scelte che verranno adottate dovranno essere compatibili con i saldi di finanza pubblica. Il Def parla chiaro: a legislazione invariata la spesa per pensioni salirà di circa 11 miliardi nel triennio 2016-2018, passando da 261,6 a 272,2 miliardi.

Articoli correlati
ANAPA Rete ImpresAgenziaAssociazioni di CategoriaIn EvidenzaOpinione della Settimana

«Nessuno si salva da solo»

Nel corso di «Davos 2021», la kermesse annuale del World Economic Forum tenutasi lo scorso…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Il «dritto»...

Ormai quotidianamente l’IVASS oscura e sanziona siti on-line di Intermediari…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Opportunità e sfide del mercato assicurativo italiano

I grandi cambiamenti che stanno interessando l’Italia e il mondo intero, come ben sappiamo…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.