Opinione della Settimana

Enpam, bilanci in ordine: «Medici e dentisti possono dormire sonni tranquilli»

Alberto Oliveti (3) Imc

(di Raffaele Marmo – QN)

Un avanzo di un miliardo di euro e un patrimonio di 17 miliardi fanno dell’ente di medici e dentisti, la più grande cassa privata. Alberto Oliveti, il presidente, parla del futuro

Un bilancio 2015 chiuso con un avanzo di oltre un miliardo di euro (88 milioni sopra il budget preventivo). Un patrimonio di 17,2 miliardi, circa come quello dell’Inps. Un numero di iscritti attivi (+4.470) cresciuto più di quello dei pensionati (+2.817). Sono le cifre che fanno dell’Enpam, l’ente di previdenza dei medici e dentisti, la più grande cassa previdenziale privata italiana. E che portano il presidente Alberto Oliveti (nella foto), da qualche mese anche alla guida dell’Adepp, l’associazione delle strutture di previdenza e assistenza dei professionisti, a certificare con nettezza che «i bilanci ci danno i numeri della sicurezza: le riserve che abbiamo messo da parte equivalgono a quasi 13 volte l’importo delle pensioni che abbiamo pagato nell’ultimo anno. Il che significa che i medici e i dentisti potrebbero ricevere la pensione a lungo anche se per assurdo non entrasse più un euro di contributi. I conti attuariali che abbiamo appena rifatto confermano la nostra sostenibilità per oltre 50 anni».

I medici e i dentisti possono quindi stare sicuri.

«Sì, ma non possiamo fermarci qui. Le proiezioni si basano su parametri convenzionali e su regole dettate dallo Stato, che noi rispettiamo e applichiamo ma che non ci possono bastare. Al giovane professionista non possiamo dire che è tutto sotto controllo, se le previsioni a 50 o 60 anni si basano sull’idea di un medico che visiterà i pazienti poggiando ancora il fonendoscopio sulla schiena. Per questo dobbiamo certo fare attenzione ai parametri teorici ma ancora di più alla realtà. La professione cambia e con questa potenzialmente anche i redditi e la capacità di pagare contributi previdenziali».

Quali cambiamenti intravede?

«La rivoluzione tecnologica, con internet e smartphone, l’ingresso delle società di capitali che puntano al profitto, l’abbattimento delle frontiere che induce più concorrenza. La medicina rischia di arricchire i motori di ricerca e le grandi imprese piuttosto che i medici. Sarà, invece, la qualità della professione a garantire il lavoro futuro e quindi il pagamento delle pensioni».

Come dovrà essere il medico del futuro?

«Sarà a contatto con nuove competenze. Per esempio dovrà imparare a collaborare con i bio-ingegneri perché probabilmente la tecnologia ci porterà ad avere una sala operatoria madre e sale periferiche dove si opererà a distanza. Per questo è necessaria una formazione più flessibile e professionalizzante. Estremizzando, più che a usare il bisturi bisognerà insegnare al chirurgo a saper passare dal bisturi al joystick».

E l’Enpam cosa dovrà fare per far crescere la qualità professionale?

«Investiremo sempre di più in settori che avranno ricadute sul lavoro dei medici e degli odontoiatri. Del resto bisogna sempre ricordarsi che il patrimonio dell’Enpam è fatto dai contributi dei lavoratori, accantonati a garanzia del futuro. Sosterremo i professionisti con più welfare: dall’anno scorso abbiamo rincominciato a dare mutui agevolati agli iscritti, mentre ora stiamo studiando un meccanismo per dare mille euro in più al mese ai pensionati che perdono l’autosufficienza. Ci occuperemo dei medici e dei dentisti del futuro intercettandoli quando sono ancora all’università: presto potranno ottenere le tutele dell’Enpam con un’iscrizione volontaria a partire dagli ultimi due anni di corso».

Articoli correlati
ANAPA Rete ImpresAgenziaAssociazioni di CategoriaIn EvidenzaOpinione della Settimana

«Nessuno si salva da solo»

Nel corso di «Davos 2021», la kermesse annuale del World Economic Forum tenutasi lo scorso…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Il «dritto»...

Ormai quotidianamente l’IVASS oscura e sanziona siti on-line di Intermediari…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Opportunità e sfide del mercato assicurativo italiano

I grandi cambiamenti che stanno interessando l’Italia e il mondo intero, come ben sappiamo…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.