Opinione della Settimana

Ottanta euro all’anno, ecco l’assicurazione per le vittime dei bulli

Bullismo Imc

(di Valentina Farinaccio – Il Venerdì di Repubblica)

Dopo Germania e Austria, anche l’Italia si attrezza: sei compagnie offrono polizze speciali. Per i ragazzi perseguitati dal vivo o online

«Atteggiamento di soppraffazione sui più deboli». L’Enciclopedia Treccani spiega cosi il termine bullismo. Secondo gli ultimi dati Istat, il 19,8 per cento dei ragazzi, fra gli 11 e i 17 anni, è abitualmente perseguitato da bulli: di solito coetanei che, individuata una qualunque forma di fragilità nell’altro, se ne fanno gioco fino, a volte, agli epiloghi più disperati. Così, mentre rimbalza in rete la notizia della legge antibullismo che la Regione Lazio, prima in Italia, ha di recente approvato, si diffonde nelle famiglie il desiderio di proteggere i propri figli, anche materialmente. E alcune compagnie d’assicurazione hanno deciso di ampliare e dettagliare la tutela legale prevista dai loro contratti inserendo, fra una lite condominiale e un incìdente stradale, delle opzioni ad hoc. In grado di fronteggiare gli screzi fra insegnanti e ragazzi, le truffe online e, soprattutto, gli atti di bullismo e cyberbullismo.

Ma quali sono i costi che una famiglia deve affrontare per difendersi? E quale, nella pratica, il sostegno accordato? «Le voci che un genitore dovrebbe sottoscrivere sono Sicurezza personale e [email protected] a un costo annuale di circa ottanta euro», dice Giuseppe Enrico Crespi, agente generale di Arag Assicurazioni, una delle compagnie che hanno introdotto i nuovi contratti. «Per spiegare quello che la famiglia ottiene in cambio, porto l’esempio – il più tristemente comune – del ragazzo che ha il terrore di andare a scuola perché è oggetto di continue ingiurie da parte di un bullo e che, oltre a veder calare il proprio rendimento scolastico, riporta danni psicologici evidenti. Nel caso in cui i suoi genitori avessero stipulato un contratto con noi, potrebbero usufruire dell’assistenza di un perito, prima, e poi di un legale specializzato in trattamento dei minori che li seguirebbe in tutte le fasi del procedimento, dalla denuncia al risarcimento danni, contando su 20 mila euro di copertura delle spese e su un massimale annuo di 80 mila euro».

Paladine della causa, insieme ad Arag, sono le italiane Uca Assicurazione, Tutela Legale Spa e Essellepi; e Das Assicurazioni e Roland Assicurazioni, di origine tedesca. Proprio in Germania stipulare questo tipo di contratto d’assicurazione è ormai tanto comune da riguardare una famiglia su tre; e in Austria alla tutela legale si affida addirittura una famiglia su due. L’Italia risponde con due famiglie su dieci, un numero esile, ma in crescita. Il costo, in fin dei conti, è quello di una cena fuori.

Articoli correlati
ANAPA Rete ImpresAgenziaAssociazioni di CategoriaIn EvidenzaOpinione della Settimana

«Nessuno si salva da solo»

Nel corso di «Davos 2021», la kermesse annuale del World Economic Forum tenutasi lo scorso…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Il «dritto»...

Ormai quotidianamente l’IVASS oscura e sanziona siti on-line di Intermediari…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Opportunità e sfide del mercato assicurativo italiano

I grandi cambiamenti che stanno interessando l’Italia e il mondo intero, come ben sappiamo…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.