News

“Torino che protegge”, bando per PMI per la prevenzione dei rischi legati a catastrofi ambientali

Torino (2) Imc

L’iniziativa – che prevede il supporto tecnico gratuito per 30 aziende per individuare e ridurre i rischi climatici ai quali sono esposte – rientra nel progetto Life-Derris, con il gruppo Unipol quale capofila insieme ai partner Città di Torino, Cineas, Anci e Coordinamento Agende 21

Il Gruppo Unipol ha presentato – insieme alla Città di Torino – il bando Torino che protegge, rivolto alle PMI del territorio, localizzate nelle aree a maggiore rischio, che intendono avviare un percorso di protezione dal rischio legato alle catastrofi ambientali dovute ai cambiamenti climatici, quali alluvioni, grandinate o ondate di calore. Le aziende che aderiranno al bando – si legge in una nota – potranno avvalersi del supporto tecnico gratuito di esperti del progetto “per l’individuazione dei principali rischi meteo-climatici ai quali sono esposte, per la definizione di possibili azioni per ridurre tale esposizione e stabilire procedure per la gestione delle emergenze e ripristinare al più presto le condizioni per riprendere l’attività lavorativa”.

Le aziende interessate a partecipare all’iniziativa potranno farne richiesta sul sito www.derris.eu/partecipa compilando l’apposito form entro il prossimo 15 giugno.

“Torino che protegge” è un’iniziativa che rientra nel progetto Life-Derris, di cui il gruppo assicurativo bolognese è capofila insieme ai partner Città di Torino, Cineas, Anci e Coordinamento Agende 21. Cofinanziato dalla Commissione Europea, Life-Derris – prosegue la nota – prevede un investimento complessivo di 1,3 milioni di Euro e rientra nel nuovo programma europeo Life+, attraverso il quale vengono finanziate iniziative che contribuiscono allo sviluppo e all’attuazione della politica e del diritto in materia ambientale.

La scelta di Torino quale città pilota del progetto “si motiva con la lunga tradizione industriale e con la ancora consistente presenza di un tessuto produttivo avanzato. Il territorio ha già vissuto esperienze traumatiche a causa delle conseguenze di eventi meteorologici estremi, come l’alluvione del 2000. La Città di Torino è, inoltre, parte attiva nelle politiche europee sui cambiamenti climatici, con l’adesione al Patto dei Sindaci e Mayors Adapt e con la redazione dei relativi Piani d’Azione”.

L’Italia – continua la nota – rappresenta una delle aree più vulnerabili agli impatti attesi dai cambiamenti climatici, secondo uno studio (Desiato et al, 2014 ISAC-CNR) l’aumento della temperatura media è superiore a quello globale ed europeo. In uno scenario di aumento della temperatura entro il 2050 di circa 0,93°, i danni provocati dai cambiamenti climatici potrebbero essere pari al 0,12 – 0,16% del PIL, ammontando a circa 20-30 miliardi di Euro di mancata produzione di beni e servizi con riferimento al PIL del 2009 (Carraro 2008).

L’obiettivo di Unipol e dei suoi partner è quello “di diffondere strumenti e competenze per la valutazione dei rischi, la definizione di piani di disaster recovery per le aree più a rischio”. L’attuale sistema italiano non ha finora previsto l’accantonamento di riserve per far fronte agli eventi catastrofali “e ciò determina il fatto che le risorse necessarie per sbloccare gli indennizzi debbano essere individuate di volta in volta, generando grandi difficoltà” soprattutto per le PMI.

Senza un intervento pubblico centrale “che crei le condizioni per lo sviluppo di un mercato di supporto – conclude la nota – l’offerta di prodotti di protezione per le catastrofi naturali si limita a un’azione di solidarietà con il territorio che non ha una sostenibilità economica sicura”.

Intermedia Channel

Articoli correlati
EsteroNews

Usa: maggiore propensione al rischio e ad asset private da parte delle compagnie

La grande maggioranza dei manager intervistati da Conning prevede di allocare più del 10% del…
Leggi di più
EsteroNews

Argentina: il blocco all’accesso della valuta estera può compromettere il ricorso alla riassicurazione per le compagnie locali

Gli assicuratori del paese rischiano addirittura l’insolvenza se dovesse permanere il…
Leggi di più
EsteroIn EvidenzaNews

GB: prezzi dell’rc auto all’insù dell’8% nell’ultimo trimestre 2022

Secondo ABI (Association of British Insurers), l’associazione degli assicuratori britannici il…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.