News

Medmal Claims Italia di Marsh: Sanità pubblica italiana, in media 4 sinistri al giorno negli ultimi 10 anni

Salute - Sanità - Visita medica Imc

Nel 2014, ultimo anno analizzato dal report, si registra una lieve riduzione nel numero di sinistri per struttura, mentre si confermano in cima alla classifica quelli causati da errori chirurgici

Un miliardo e quattrocento milioni di Euro in risarcimenti: questo è il valore (tra somme effettivamente liquidate e somme stanziate dalle assicurazioni) dei sinistri nella sanità pubblica in Italia sul campione analizzato da Marsh nel periodo 2004-2014. Se questa cifra è già rilevante, non è meno impegnativo il costo medio di 90.000 Euro all’anno per sinistro, in aumento del 13% dall’inizio del periodo considerato. Questo è quanto emerge dalla settima edizione del Medmal Claims Italia, il report di Marsh che quest’anno ha analizzato le richieste di risarcimento danni dal 2004 al 2014, su un campione di 59 strutture della sanità pubblica, per un totale di circa 15.600 sinistri.

Andando a considerare solo gli importi liquidati, evidenziano i curatori del report, si registra un incremento continuo del costo medio per anno di chiusura dall’inizio del periodo considerato, ma fra questi i risarcimenti per errori da parto si confermano come i più elevati in assoluto in termini di importo liquidato medio, con un caso che ha toccato oltre 4 milioni di Euro. Gli errori da parto costituiscono, infatti, quasi il 20% dei sinistri in cui il costo di denuncia è uguale o superiore ai 500.000 Euro. Il medesimo trend in aumento si riscontra nell’andamento degli importi riservati medi per anno di denuncia, che rilevano un aumento di circa il 20% dal 2013 al 2014.

La frequenza annua dei sinistri è di 30 per ogni singola struttura nel 2014, in leggera diminuzione rispetto all’anno precedente (35), una cifra che fa registrare un tasso di rischio di sette sinistri ogni 100 medici, di tre ogni 100 infermieri e di uno ogni 1000 ricoveri, per valori assicurativi che superano i 6.000 Euro per medico e si attestano sui 2.400 Euro per infermiere.

La classifica degli errori vede anche quest’anno gli errori chirurgici al primo posto (31,64%), seguiti da errori diagnostici (16%) e terapeutici (10%). Dopo le cadute accidentali all’8%, troviamo una prevalenza di infezioni (3,59%) ed errori da parto/cesareo (3,16%). Andando ad analizzare l’incidenza dei sei errori che impattano maggiormente nel periodo di tempo analizzato, la percentuale degli errori chirurgici negli ultimi anni sta diminuendo, anche come conseguenza del miglioramento delle tecniche chirurgiche, mentre la percentuale degli errori da parto sta aumentando.

Si confermano, come nelle precedenti edizioni, tempi molto lunghi per le denunce dei sinistri, basti pensare – spiegano i curatori del report – che meno dell’80% delle richieste di risarcimento danni per le infezioni e per gli errori da parto è denunciato entro i primi quattro anni. Solo gli errori diagnostici vengono denunciati molto rapidamente ed entro il primo anno raggiungono il 50%, per superare la quota di 80% entro i tre anni. Per Marsh è però interessante rilevare come siano ancora numerosi i casi in cui il sinistro viene denunciato in prossimità dei termini di prescrizione: “ciò significa – sottlineano i leader globali nell’intermediazione assicurativa e nella consulenza sui rischi – che non è possibile ritenere completato il manifestarsi di un’intera generazione di sinistri neppure a distanza di 10 anni dall’erogazione delle prestazioni”.

Le specialità cliniche che subiscono la maggiore frequenza di richieste di risarcimento danni sono Ortopedia e Traumatologia (13 %), seguita da Chirurgia Generale (12%), DEA/Pronto Soccorso (12%), Ostetricia e Ginecologia (8%) e le parti comuni/la struttura con quasi il 7%. Da un esame complessivo di tutte le tipologie di eventi all’interno delle Unità Operative, si riscontra che in Ortopedia l’errore più diffuso è quello chirurgico (ad esempio lesione dopo un intervento di protesi all’anca), seguito da quello diagnostico; in Chirurgia Generale si evidenzia una prevalenza di errori chirurgici e di infezioni; in DEA/Pronto Soccorso gli errori più frequenti sono quelli diagnostici (ad es. fratture non diagnosticate) e quelli terapeutici (ad esempio errato trattamento prescritto per l’ipertensione), seguiti dalle cadute accidentali; in Ostetricia e Ginecologia invece si rileva una maggioranza di errori chirurgici (come un errato intervento di chirurgia all’ovaio), mentre al secondo posto si trovano gli errori da parto/cesareo (ad esempio la morte di un neonato a seguito di parto); nelle parti comuni della struttura si possono riscontrare soprattutto cadute accidentali, ma anche infortuni ad operatori.

Passando ad analizzare gli errori per tipologia di ospedale, i risultati mostrano che gli ospedali ortopedici presentano il più alto livello di rischio con oltre 45 sinistri per anno; seguono gli ospedali universitari, le strutture di primo livello, quelle di secondo livello e infine quelle materno-infantili.

La tipologia di procedimento più frequente, infine, è quella stragiudiziale (72.3%), a conferma di trend di un crescita del ricorso al procedimento stragiudiziale che non si è mai arrestato nel corso degli anni presi in esame dal report. Se il maggiore ricorso al procedimento stragiudiziale può aiutare ad abbreviare i tempi di chiusura dei sinistri – il 68,3% di questi viene chiuso entro il secondo anno –, occorre comunque aspettare in media otto anni per la chiudere la totalità dei sinistri aperti in un dato anno.

Intermedia Channel

Articoli correlati
EsteroNews

USA: assicuratori danni con il vento in poppa in borsa nel primo trimestre 2024

S&P ha analizzato l’andamento a Wall Street delle compagnie quotate Diciotto dei 20…
Leggi di più
EsteroNews

Usa: torna in alto mare la fideiussione da $175 milioni per l’appello di Trump

Knight Specialty Insurance Company che ha fornito la garanzia ha un surplus per gli assicurati di…
Leggi di più
EsteroIn EvidenzaNews

Attentati a Nord Stream 1 e 2: assicuratori negano risarcimento sostenendo che gli attentati sono riconducibili ad un atto di guerra

La società proprietaria dei gasdotti si è  rivolta alla High Court di Londra chiedendo a…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.