Opinione della Settimana

Previdenza complementare, il fisco premia con un credito di imposta chi reintegra le anticipazioni

Risparmio - Salvadanaio - Concorrenza Imc

(di Carlo Giuro – Milano Finanza)

Il tema fiscale assume molta rilevanza nel mondo della previdenza complementare che gode di una serie di agevolazioni proprio per incentivare i cittadini a costruire un percorso integrativo della pensione pubblica che rischia di non essere sufficiente in futuro a garantire un tenore di vita adeguato. Qual è allora il regime di tassazione sul fronte delle anticipazioni e dei riscatti? Partendo dalle anticipazioni richieste dall’iscritto per spese sanitarie, a queste si applica una ritenuta a titolo d’imposta con l’aliquota del 15%.

Si prevede inoltre una riduzione di tale aliquota pari a 0,30 punti percentuali per ogni anno eccedente il quindicesimo anno di partecipazione alle forme pensionistiche complementari, con un limite massimo di riduzione di sei punti percentuali. La ritenuta si applica sull’importo erogato al netto dei redditi già assoggettati ad imposta e dei contributi non dedotti a esso proporzionalmente riferibili. Con riferimento, invece, alle anticipazioni che si possono ottenere per l’acquisto e la ristrutturazione della prima casa di abitazione per sé o per i figli e quelle per ulteriori esigenze degli aderenti si applica la ritenuta a titolo di imposta del 23%. L’anticipazione prima casa (nella misura massima consentita pari al 75% della posizione individuale maturata incrementata di tutte le anticipazioni percepite e non reintegrate) e quella per ulteriori esigenze dell’iscritto (per un importo non superiore al 30%) può essere chiesta a condizione che la persona richiedente sia iscritta alla previdenza complementare da almeno otto anni.

Tale periodo si conta a partire dalla data in cui una persona si è iscritta per la prima volta a un fondo pensione. La normativa premia la reintegrazione del capitale presso il fondo pensione. È infatti consentita la possibilità del reintegro delle anticipazioni mediante contribuzioni, anche annuali eccedenti il limite di 5.164,57 euro (importo massimo di contributi annuali che può essere portato in deduzione dalla base imponibile Irpef). Sulle somme eccedenti il predetto limite, corrispondenti alle anticipazioni reintegrate, è riconosciuto al contribuente un credito d’imposta pari all’imposta pagata al momento della fruizione dell’anticipazione, proporzionalmente riferibile all’importo reintegrato. Tale credito può anche essere utilizzato per compensare altre imposte. Per il riconoscimento del credito d’imposta occorre idonea documentazione, costituita dalla certificazione dell’anticipazione erogata e delle relative ritenute e dalla comunicazione presentata dall’aderente al fondo circa la volontà di reintegrare l’anticipazione percepita, con l’indicazione delle somme reintegrate. Passando ai riscatti, quelli parziali (nella misura del 50% della posizione individuale maturata, nei casi di cessazione dell’attività lavorativa che comporti l’inoccupazione per un periodo di tempo compreso tra 12 e 48 mesi, ovvero in caso di ricorso da parte del datore di lavoro a procedure di mobilità, cassa integrazione guadagni ordinaria e straordinaria) e quelli totali (nei casi di invalidità permanente che comporti la riduzione della capacità di lavoro a meno di un terzo e a seguito di cessazione dell’attività lavorativa che comporti l’inoccupazione per un periodo di tempo superiore a 48 mesi) si applica una ritenuta a titolo d’imposta con l’aliquota del 15%, ridotta sempre di 0,30 punti percentuali per ogni anno eccedente il quindicesimo anno di partecipazione. Con riferimento invece al riscatto per cessazione dei requisiti di partecipazione sulle somme percepite si applica una ritenuta a titolo d’imposta del 23%.

Articoli correlati
ANAPA Rete ImpresAgenziaAssociazioni di CategoriaIn EvidenzaOpinione della Settimana

«Nessuno si salva da solo»

Nel corso di «Davos 2021», la kermesse annuale del World Economic Forum tenutasi lo scorso…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Il «dritto»...

Ormai quotidianamente l’IVASS oscura e sanziona siti on-line di Intermediari…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Opportunità e sfide del mercato assicurativo italiano

I grandi cambiamenti che stanno interessando l’Italia e il mondo intero, come ben sappiamo…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.