Opinione della Settimana

Casa, le migliori polizze sotto il tetto

Assicurazioni - Casa - Abitazione - Sicurezza Imc

(di Roberto E. Bagnoli – Corriere Economia)

Indagine dell’Istituto tedesco Qualità e Finanza. Dall’Rc capofamiglia al furto e all’incendio: chi ti protegge di più e ti fa spendere di meno. Genertel, Hdi, Sara e Ubi-Cargeas le più convenienti. Al top anche Zurich, Assimoco e Cattolica

Per gli italiani la casa è un bene primario, ma pochi pensano a proteggerla con una buona polizza. Ottanta famiglie su cento sono proprietarie dell’abitazione in cui vivono, ma solo una su quattro l’assicura. E fra gli inquilini la diffusione precipita a meno del 5%. Ubi-Cargeas, con nove punti su dieci, seguita da Zurich con 8,8 e Sara con 8,6 offrono la polizza casa con la migliore qualità delle garanzie. Ancora Ubi-Cargeas con 9,5, seguita da Assimoco e Cattolica con 9, primeggia nella graduatoria delle coperture di responsabilità civile del capofamiglia, di solito vendute in abbinamento alle altre per l’abitazione. Genertel con 8,8 punti su dieci, seguita da Hdi, Sara e Ubi Cargeas (tutte con 8,7) vince la classifica complessiva per qualità delle garanzie e convenienza dei premi per le polizze casa, compresa l’Rc capofamiglia.

La scelta

Un aiuto a scegliere una polizza importante, ma abbastanza complessa per le sue caratteristiche, viene dall’indagine condotta dall’Istituto tedesco Qualità e Finanza per Corriere Economia. «La natura multirischio delle polizze casa le rende spesso poco chiare — spiega Sara Pinto, che ha curato lo studio —. Molti le considerano troppo costose, ma sottovalutano le spese che potrebbero derivare da certi eventi dannosi: pensiamo a un tubo pluviale che scoppia in casa e provoca un allagamento, a un corto circuito che manda in tilt il computer o danneggia il quadro elettrico degli elettrodomestici. Il confronto può aiutare a comprendere meglio dove si trova la migliore copertura e dove si può risparmiare». La forbice dei premi, come si può vedere dalla tabella qui sotto, è molto ampia e va a Milano da 476 a 886 euro e a Roma da 430 a 985.

Polizze casa (Corriere Economia 11.07.2016) Imc

Secondo il Rapporto dell’Istituto tedesco, le compagnie tendono ad avere un’offerta piuttosto omogenea per le garanzie «base»: responsabilità civile verso terzi nella vita privata e in qualità di proprietario dell´abitazione, incendio del fabbricato e del suo contenuto, furto. «Per questo vale la pena dare un’occhiata alle coperture che fanno la differenza — sostiene Pinto —. Per esempio spargimento di acqua condotta, danni provocati da fenomeni elettrici, come sbalzi o interruzioni nell’energia, o da eventi atmosferici, furto di beni preziosi e danni provocati dai ladri, spese di albergo in caso di inagibilità dell’abitazione e servizi di assistenza in situazioni di emergenza».

L’importanza di una specifica garanzia dipende dalle esigenze personali e dalle caratteristiche dell’abitazione. «Occorre sempre leggere con attenzione i fogli informativi delle polizze — sottolinea Pinto —. E scegliere le garanzie e i massimali che meglio si adattano alle proprie necessità».

Il test

L’analisi comprende quattordici compagnie, tradizionali e online, e si riferisce a un appartamento di cento metri quadri in condominio, a un piano intermedio, con porte blindate, senza vetri anti-sfondamento, allarmi o antifurti, classe del fabbricato uno, ubicato a Milano, Roma. Il contraente della polizza coincide con il proprietario dell’immobile. Le tabelle assegnano un peso ponderato del 60% alla qualità delle coperture. Sono state messe a confronto somme assicurate, franchigie e scoperti: le quote di danno, espresse rispettivamente in valore assoluto e in percentuale, che in caso di danno non vengono rimborsate e rimangono quindi a carico dell’assicurato. Il restante peso del 40% è stato assegnato al costo. Le due valutazioni sono poi confluite nel giudizio finale assegnato ai singoli prodotti.

Le garanzie contro l’incendio si basano sulla formula a valore intero (in genere più economica), in cui la copertura riguarda una somma pari al presunto valore del fabbricato o dei beni assicurati. Con questo meccanismo, se i beni sono stati sottostimati si rischia di ottenere un risarcimento inferiore al danno subìto. Le coperture contro il furto adottano invece quella più costosa a primo rischio assoluto, con cui si assicurano i danni fino alla somma stabilita: l’indennizzo, quindi, non è legato al valore dei beni.

Classifica polizze casa (Corriere Economia 11.07.2016) Imc

Dalle garanzie ai massimali: tutti i controlli da fare

Il fuoco, ma non solo. Accanto a quella base, le polizze incendio per l’abitazione comprendono alcune garanzie accessorie particolarmente utili, perché in caso di sinistro i possibili danni sono piuttosto rilevanti. E, spesso, proprio queste ultime fanno la differenza fra una polizza e l’altra.

«Per molte e garanzie le offerte sono piuttosto diverse fra loro — evidenzia Pinto —. Per esempio i danni provocati dallo spargimento di acqua e le spese dovute alla loro ricerca e riparazione. Molti consumatori sottovalutano le conseguenze che possono derivare dalla rottura di un tubo in casa, mentre è un evento che dovrebbe essere sempre preso in grande considerazione quando si sottoscrive una polizza casa». In base all’indagine, alcune compagnie (Genertel, Hdi, Aviva, Groupama, Zurich ed Europ Assistance) rimborsano per questi danni sino all’intero valore assicurato per il fabbricato e il contenuto mentre altre come Ubi e Zurich Connect offrono somme inferiori.

Per la ricerca e riparazione dei danni da acqua, For family di Zurich è l’unica a risarcire sino a 200mila euro mentre le altre rimborsano fra i mille e i cinquemila euro.

Un’altra garanzia accessoria particolarmente importante (soprattutto in alcune aree geografiche) è quella che rimborsa i danni provocati da eventi atmosferici come pioggia forte, grandine, vento e alluvioni: anch’essa è abbinata alla copertura contro l’incendio. «Il minimo offerto dai prodotti analizzati è il 50% della somma assicurata per fabbricato e contenuto — spiega Pinto —, mentre otto su quattordici arrivano all’intero importo, garantendo quindi la massima copertura contro questi eventi: si tratta di Genertel, Groupama, Europ Assistance, Sara, Ubi, Zurich, Zurich Connect (compagnia diretta del gruppo svizzero) e Aviva».

L’offerta è piuttosto differenziata pure per quanto riguarda i danni provocati da fenomeni elettrici come corto circuiti o sbalzi di tensione. «Anche per quest’evento in testa è Zurich che rimborsa sino a duecentomila euro — segnala Pinto —. Cattolica e Generali prevedono massimali piuttosto alti rispetto alla media del mercato, rispettivamente ventimila e quindicimila euro. Il minimo, invece, è rappresentato da Zurich Connect con 1.500 euro».

Infine la garanzia «ricorso terzi», che compare nella sezione incendio o in quella di Rc e rimborsa i danni procurati a terzi in seguito all’incendio della propria abitazione. Oltre metà delle compagnie analizzate prevede una somma assicurata di 300mila euro, Genertel e Ubi Cargeas offrono sino a un milione e Cattolica cinquecento mila: il minimo, invece, è previsto da Aviva con cinquantamila euro.

Polizze casa - Garanzie (Corriere Economia 11.07.2016) Imc

Articoli correlati
ANAPA Rete ImpresAgenziaAssociazioni di CategoriaIn EvidenzaOpinione della Settimana

«Nessuno si salva da solo»

Nel corso di «Davos 2021», la kermesse annuale del World Economic Forum tenutasi lo scorso…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Il «dritto»...

Ormai quotidianamente l’IVASS oscura e sanziona siti on-line di Intermediari…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Opportunità e sfide del mercato assicurativo italiano

I grandi cambiamenti che stanno interessando l’Italia e il mondo intero, come ben sappiamo…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.