Opinione della Settimana

Norvegia, i bond spingono il fondo sovrano

Norvegia - Bandiera Imc

(Fonte: Il Sole 24 Ore)

Norges Bank rende l’1,3% nel secondo trimestre e frutta un tesoro al Governo

Norges Bank Investment Management, il ramo della banca centrale norvegese che gestisce il fondo pensione pubblico del Paese – che è il più grande fondo sovrano del mondo per valore, con 890 miliardi di dollari di asset in gestione – ha registrato un rendimento del 1,3% nel secondo trimestre, principalmente a causa del buon andamento dei mercati obbligazionari.

Meno bene l’immobiliare. Il fondo sovrano difatti nel secondo trimestre ha registrato una perdita dell’1,6% sui suoi investimenti nel mercato immobiliare, pari a 20,4 miliardi di dollari. Pesa l’effetto Brexit, che apre a prospettive poco rosee per l’espansione del mattone della city. Per questo il fondo norvegese ha già tagliato del 5% il valore del suo portafoglio immobiliare in Gran Bretagna.

Nel complesso, tuttavia, grazie agli investimenti in bond e azioni, che rappresentano gran parte degli asset, nel secondo trimestre il fondo sovrano ha realizzato un rendimento dell’1,3%, pari a 94 miliardi di corone norvegesi (11,46 miliardi di dollari).

«Dopo un periodo di relativa stabilità dei mercati all’inizio del trimestre – dice Trond Grande, vice ad del fondo sovrano norvegese – la decisione britannica di lasciare l’Unione europea ha innescato un forte calo in Europa. I mercati hanno recuperato abbastanza rapidamente, ma con ampie variazioni tra i settori».

Se nel primo trimestre il fondo sovrano norvegese aveva perso circa 100 milioni di euro al giorno, questa volta ha messo a segno un rendimento positivo del 2,5% sugli investimenti in bond, che sono il 37,4% del portafoglio. «Gli investimenti a reddito fisso – spiega ancora Grande – hanno visto i prezzi salire a causa dei tassi di interesse bassi. A lungo termine, i tassi di interesse bassi però hanno implicazioni negative per i futuri rendimenti del portafoglio obbligazionario».

Le azioni (59,6% del portafoglio) hanno reso lo 0,7%, nonostante un calo generale nel settore finanziario (-2,5%) e nei mercati europei (-3,0%). Con il peggiore risultato sempre in Gran Bretagna (-3,4%), in risposta a Brexit.

Il governo norvegese in ogni caso ha sfruttato il tesoretto prodotto dal fondo sovrano per soddisfare le esigenze di bilancio: nei primi due trimestri i riscatti – i primi due in 26 anni di esistenza del fondo – hanno portato nelle casse del Paese 45 miliardi di corone (oltre 55 miliardi di dollari).

Articoli correlati
ANAPA Rete ImpresAgenziaAssociazioni di CategoriaIn EvidenzaOpinione della Settimana

«Nessuno si salva da solo»

Nel corso di «Davos 2021», la kermesse annuale del World Economic Forum tenutasi lo scorso…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Il «dritto»...

Ormai quotidianamente l’IVASS oscura e sanziona siti on-line di Intermediari…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Opportunità e sfide del mercato assicurativo italiano

I grandi cambiamenti che stanno interessando l’Italia e il mondo intero, come ben sappiamo…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.