Opinione della Settimana

Direct Line, lo sciopero continua

Sciopero (2) Imc

(Fonte: Il Giorno Grande Milano)

Cologno Monzese (MI), i sindacati nazionali chiedono un incontro ad ANIA

Non si ferma la lotta del personale Direct Line: dalla scorsa settimana prosegue ininterrottamente la mobilitazione fatta di scioperi, sull’intera giornata o solamente per alcune ore, con rotazioni tra i vari settori.

Ieri l’astensione per l’intera giornata è toccata ai lavoratori del contact center e dei reclami, mentre il personale It ha scioperato alle prime due ore di servizio e dalla reperibilità. Per tutti gli altri amministrativi, due ore di sciopero in uscita.

Oggi si replica, con una turnazione comunicata di volta in volta all’ultimo momento, «è una strategia delle Rsa: non lasciamo spazio a possibili contromisure – spiega Mario Coppi, rappresentante sindacale –. Abbiamo iniziato una modalità diversa di sciopero, non più per tutti i dipendenti in contemporanea, ma a scacchiera: è una modalità più sostenibile, perché diminuisce l’impatto sul personale, ma mantiene quello sulla produttività».

Si va avanti alla giornata, per valutare gli effetti della lotta: «La mobilitazione prosegue, i lavoratori si stanno impegnando molto». Impossibile accettare i 200 esuberi, su 800 posti di lavoro, annunciati da Mapfre: «Al momento dell’acquisizione della compagnia, la multinazionale spagnola aveva assicurato che i lavoratori non sarebbero stati toccati», rimarcano i sindacati. E invece: esuberi, ipotesi & accordo fatte saltare all’ultimo momento, incentivi all’esodo che ricalcavano la bozza dei sindacati proposti poi in modo unilaterale dall’azienda.

Tutti comportamenti contro cui hanno puntato il dito le segreterie nazionali di First Cisl, Fisac Cgil, Fna, Snfia e Uilca Uil che hanno chiesto un incontro ad Ania, l’associazione nazionale fra le imprese assicuratrici, «per un chiarimento politico sulla grave situazione determinatesi in Direct Line e sul modello delle relazioni sindacali con la nuova proprietà spagnola». I sindacati rimarcano la volontà «di creare le condizioni per ricercare tra le parti, in sede aziendale, soluzioni sostenibili, condivise e utili al fine di scongiurare ricadute traumatiche sui lavoratori coinvolti e consentire un robusto rilancio industriale della compagnia».

Articoli correlati
ANAPA Rete ImpresAgenziaAssociazioni di CategoriaIn EvidenzaOpinione della Settimana

«Nessuno si salva da solo»

Nel corso di «Davos 2021», la kermesse annuale del World Economic Forum tenutasi lo scorso…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Il «dritto»...

Ormai quotidianamente l’IVASS oscura e sanziona siti on-line di Intermediari…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Opportunità e sfide del mercato assicurativo italiano

I grandi cambiamenti che stanno interessando l’Italia e il mondo intero, come ben sappiamo…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.