Opinione della Settimana

Su Uniqa sarà un testa a testa Apollo-Reale Mutua

UNIQA Blu HiRes (2)

(di Anna Messia – Milano Finanza)

La compagnia italiana e il fondo Usa di private equity avrebbero fatto le offerte migliori per i business italiani del gruppo austriaco

Sull’operazione Uniqa si profila un testa a testa tra il fondo americano di private equity Apollo e la compagnia di Torino Reale Mutua. La lista dei pretendenti pronti a rilevare le attività italiane messe sul mercato dalla compagnia austriaca si sarebbe infatti assottigliata e nei prossimi giorni è attesa la scelta tra le due interessate rimaste in gara, per l’aggiudicazione dell’esclusiva. Prima dell’estate, come anticipato da MF-MilanoFinanza del 30 giugno scorso, il gruppo guidato da Andreas Brandstetter, intenzionato a lasciare l’Italia, aveva deciso di assegnare un mandato esplorativo a Kpmg e Unicredit, che in questi mesi hanno avviato i contatti con il mercato, registrando più di qualche interesse.

Sul tavolo ci sono tre compagnie: Uniqa Life, nata dall’alleanza con Veneto Banca che ne detiene il 10% (90% Uniqa Previdenza), che tramite gli sportelli dell’istituto nel 2015 ha raccolto 443 milioni di premi, in crescita del 20% rispetto all’anno precedente; a questa si aggiunge la compagnia Danni, Uniqa Assicurazioni, che ha chiuso il 2015 con un utile di 10 milioni, un risultato del conto tecnico positivo per 8,9 milioni e premi di competenza per 245 milioni. Infine, Uniqa Previdenza (ex Claris Vita) che l’anno scorso ha raccolto 436 milioni e che come detto controlla, il 90% di Uniqa Life. Insomma una compagnia di medie dimensioni che varrebbe in tutto circa 300 milioni e che ha destato l’interesse di più operatori, che hanno presentato offerte vincolanti agli advisor a fine settembre, tra cui gli immancabili fondi private equity che hanno dominato le ultime operazioni sul mercato assicurativo.

Come Cinven, che di recente ha rilevato in Italia Ergo e Skandia, ma che sembra non avere ancora chiuso la campagna acquisti nella Penisola. Ci sono poi le compagnie tradizionali, come Cattolica, forte dell’aumento di capitale da 1 miliardo realizzato anche ai fini di possibili acquisti. Ma a mostrare l’interesse maggiore, con offerte più ricche, sarebbero stati Reale Mutua e Apollo. La prima tra l’altro si è anche ingrandita all’estero, lo scorso maggio, aprendo una sede in Cile tramite la controllata spagnola Reale Seguros. Apollo non sembra affatto voler mollare la presa su banche e assicurazioni in Italia. Anzi. L’anno scorso ha rilevato le assicurazioni di Carige, ribattezzate Amissima (che presto saranno guidate dall’ex dg di Sara Assicurazioni, Alessandro Santoliquido) e negli ultimi mesi ha partecipato a tutte le cessioni di assicurazioni (da Skandia e Ergo a Banca Sella). Mentre sul fronte bancario, come noto. continua l’interesse per i npl, e il fondo sarebbe alla finestra anche per le quattro good bank in cerca di compratore: Banca Marche, Etruria, Carife e Chieti.

Articoli correlati
ANAPA Rete ImpresAgenziaAssociazioni di CategoriaIn EvidenzaOpinione della Settimana

«Nessuno si salva da solo»

Nel corso di «Davos 2021», la kermesse annuale del World Economic Forum tenutasi lo scorso…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Il «dritto»...

Ormai quotidianamente l’IVASS oscura e sanziona siti on-line di Intermediari…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Opportunità e sfide del mercato assicurativo italiano

I grandi cambiamenti che stanno interessando l’Italia e il mondo intero, come ben sappiamo…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.