Opinione della Settimana

Professionisti, in arrivo più welfare e tutele

Professionisti (2) Imc(di Giovanni Parente e Claudio Tucci – Quotidiano del Diritto)

Atteso per oggi il primo ok del Senato al Ddl sul lavoro autonomo. Deduzione integrale per i costi di formazione entro i 10mila euro annui. In arrivo modifiche anche su spese di vitto e alloggio

Più tutele nelle transazioni commerciali e contro i ritardi nei pagamenti (diventano abusive le clausole che concordano termini “per saldare” superiori a 60 giorni dalla consegna al cliente della fattura). Si allarga il perimetro delle spese deducibili (vi rientrano tutte quelle “collegate” allo svolgimento dell’incarico professionale); e se arriva un figlio si avrà la possibilità di ricevere l’indennità di maternità pur continuando a lavorare (non scatta l’astensione obbligatoria). E in caso di malattia o infortunio, su richiesta dell’interessato, si potrà sospendere la prestazione (salvo che venga meno l’interesse del committente).

L’Aula del Senato ha iniziato a votare il Ddl sugli autonomi e il lavoro agile. Governo e maggioranza hanno deciso di non modificare il testo uscito dalla commissione Lavoro (relatore Maurizio Sacconi, Ap) e quindi, salvo sorprese, il via libera di Palazzo Madama dovrebbe arrivare già oggi. «Introduciamo un corpus di tutele specifiche per chi vuole mettersi in proprio – spiega Maurizio Del Conte, consigliere giuridico di Palazzo Chigi e numero uno dell’Anpal. È il riconoscimento del ruolo fondamentale delle professioni nell’evoluzione dell’organizzazione produttiva».

Il testo, in 22 articoli, contiene infatti una serie di novità: i liberi professionisti potranno aggregarsi in «reti, consorzi o forme associate», anche temporanee, per accedere ai bandi di gara; e si riconoscono i diritti di utilizzazione economica in caso di invenzioni o apporti originali (salvo che l’attività inventiva sia prevista come oggetto del contratto e a tale scopo compensata). Si delega poi il Governo a individuare gli «atti pubblici» da devolvere alle professioni ordinistiche, attraverso il riconoscimento del loro ruolo sussidiario (e di terzietà); a semplificare gli adempimenti su salute e sicurezza negli studi professionali quando sono simili alle abitazioni; e – è un’altra novità – a consentire alle Casse di previdenza, anche in forma associata, di attivare oltre a prestazioni complementari di tipo previdenziale e socio-sanitario, altre nuove «prestazioni sociali», soprattutto per iscritti colpiti da gravi patologie oncologiche.

In materia fiscale, viene rivista sia la disciplina delle spese di trasferimento, vitto e alloggio sia quelle relative alla formazione. Sotto il primo versante, il Ddl punta all’esclusione dalla base imponibile Irpef e dal calcolo dei contributi di tutte le spese per l’esecuzione di un incarico conferito e sostenute direttamente dal committente. Un’esclusione che vale già ora per i costi di albergo, pasti e bevande sostenute direttamente da chi commissiona l’incarico al lavoratore autonomo. Esclusione dalla tassazione anche per le spese di alloggio e vitto pagate dal professionista per l’incarico e poi addebitate in modo «analitico» al cliente che gli ha richiesto un lavoro.

Sulla formazione poi si rafforza la deduzione delle spese di partecipazione a convegni, congressi e simili o a corsi di aggiornamento professionale. Le modifiche intervengono su tre fronti. In primo luogo, diventerebbero integralmente deducibili entro un tetto annuo di 10mila euro le spese per l’iscrizione a master e a corsi di formazione o di aggiornamento ma anche quelle sostenute per convegni e congressi con l’esclusione, però, della deducibilità delle spese di viaggio e di soggiorno o comunque delle spese di partecipazione diverse dall’iscrizione. Inoltre, sarebbero deducibili dall’imponibile entro 5mila euro annui le spese per i servizi personalizzati di politica attiva erogati dai centri per l’impiego o dai soggetti accreditati: spese che dovrebbero essere mirate a sbocchi occupazionali effettivamente esistenti e appropriati in relazione alle condizioni di mercato. Infine, diventerebbero deducibili integralmente i costi per l’assicurazione contro il mancato pagamento delle prestazioni di lavoro effettuato.

Articoli correlati
ANAPA Rete ImpresAgenziaAssociazioni di CategoriaIn EvidenzaOpinione della Settimana

«Nessuno si salva da solo»

Nel corso di «Davos 2021», la kermesse annuale del World Economic Forum tenutasi lo scorso…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Il «dritto»...

Ormai quotidianamente l’IVASS oscura e sanziona siti on-line di Intermediari…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Opportunità e sfide del mercato assicurativo italiano

I grandi cambiamenti che stanno interessando l’Italia e il mondo intero, come ben sappiamo…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.