Opinione della Settimana

Annual Assicurazioni: Rc Auto, tariffe pronte a ripartire

Rc Auto - Tariffe (9) Imc

(di Laura Galvagni e Alberto Grassani – Il Sole 24 Ore)

Parente (Eiopa): benefìci da Solvency II, rinvio per i Priips. Il presidente di Seat de Meo al Sole 24 Ore: «Tecnologia pronta per la guida autonoma»

Il settore Rc Auto, con il relativo calo nella raccolta e nella redditività, è al centro del dibattito fra gli assicuratori. Ieri il presidente di Seat, Luca de Meo, intervenuto al 18° Annual Assicurazioni del Sole 24ore, ha annunciato le nuove tecnologie in arrivo sulla guida autonoma e sull’auto connessa: soluzioni che, è l’auspicio, porteranno sulle strade una forte riduzione dei rischi e della frequenza sinistri. Forse non siamo ancora al «miraggio» dell’auto senza sinistri, ha sottolineato de Meo, ma «sulla guida autonoma l’industria dell’auto ha un obiettivo preciso; la tecnologia a pezzi è già disponibile: ora si tratta di aggregarla e renderla più sofisticata». E il settore Rc Auto sembra avere bisogno di recuperare redditività in una fase prolungata di calo dei volumi: i premi lordi raccolti in Italia caleranno infatti fra il 4,5 e il 5% nel 2016. Dopo una flessione di oltre il 6% nel primo semestre dell’anno, il calo – ha sottolineato ieri all’Annual Mauro Montagnini, direttore generale dell’Ania – dovrebbe in parte riassorbirsi, ma l’anno segnerà una contrazione dovuta alla discesa dei prezzi dei premi e all’aumento dei sinistri. «Stimiamo che questa riduzione si riassorbirà parzialmente nella seconda parte dell’anno, perché prenderanno forza le misure che le compagnie hanno messo in atto per far fronte alla ripresa della frequenza dei sinistri, con una recrudescenza del danno alla persona, a un aumento del costo medio che si sta verificando per diversi settori e all’incremento dei costi di ricambio».

Il problema, tuttavia, è nel lungo periodo: stando alle previsioni di Bcg e Morgan Stanley «il business assicurativo cambierà faccia con effetti drammatici e un calo, nei mercati maturi, che per i premi può arrivare fino al 30-40% nel 2030». Uno scenario forse eccessivamente avverso, a giudizio di alcuni manager in sala, ma è certo che «in un mercato che non sta aumentando, la crescita avviene a scapito di altre compagnie – ha detto Leonardo Felician di Genialloyd. La visione di breve termine è così di estrema attenzione alla selezione del rischio e al pricing, ottimizzando l’utilizzo dei supporti tecnologici» mentre «nel lungo periodo vediamo una serie di fattori che portano a una riduzione degli operatori, chiamati a investimenti consistenti sulla digitalizzazione».

Il tema tecnologico, alimentato ieri all’Annual Assicurazioni dalle presentazioni di alcuni startupper assicurativi, dal coo di Allianz Italia, Jesus Marin, dal direttore operations Bassilichi, Alberto Taviani, e dal responsabile governance-business Top clients di Tim, Paolo D’Andrea, è stato dominante nel confronto sull’auto: «È un fattore chiave come utilizzare i dati per avere una sofisticazione tariffaria capace di far fronte ai cambiamenti di mercato», ha detto Maurizio Cappiello, direttore generale di Axa, mentre Yuri Narozniak, direttore generale di Groupama Assicurazioni, ha evidenziato i limiti d’utilizzo del progresso telematico: «Per il momento la scatola nera è solo un parametro di selezione a monte del rischio. I dati e la relazione in tempo reale con il cliente possono essere utilizzati meglio».

All’Annual Assicurazioni si è parlato ieri molto anche di investimenti, vigilanza europea e novità normative che, come sottolineato da Pwc, hanno comportato per le compagnie un grande sforzo in tema di adattamento al nuovo contesto. Processo che «potrebbe diventare un vantaggio nella gestione del business», sempre secondo PwC. Intanto, però, Fausto Parente, direttore esecutivo dell’autorità europea EIOPA, che ha sottolineato come Solvency II (insieme agli oneri) abbia portato benefici e regole comuni per tutte le compagnie europee, ha confermato lo slittamento delle contestate regole sui PRIIPs (i prodotti d’investimento al dettaglio e assicurativi preassemblati). Un rinvio di 6 mesi o un anno che probabilmente verrà annunciato oggi dalla Commissione. «Il parlamento europeo ha bocciato un technical standard sui PRIIPS, essenzialmente su terni assicurativi, trovando che su alcuni punti le assicurazioni non venissero adeguatamente rappresentate», ha detto Dario Focarelli, direttore generale ANIA e Parente ha indicato «ragionevole immaginare un anno di slittamento», anche perché «le tre autorità europee già prima della bocciatura del Parlamento si erano rese conto che c’era bisogno più tempo per le aziende». Dalla normativa PRIIPS si aspetta comunque un effetto chiarificatore lo studio legale Hogan Lovells che ha auspicato un livellamento del piano di gioco tra tutti gli intermediari grazie alle nuove regole.

Infine, all’Annual Assicurazioni si è parlato di sfida digitale e rapporto con il web. «Nel web ci sono molteplici opportunità di acquisizione nuovi clienti», ha spiegato Laura Madia, industry head finance a Google Italy. E in quest’ottica, ha sottolineato Massimo Monacelli, chief P&C and claims officer Generali Italia, il settore si sta attrezzando: «Generali per esempio già da tempo sta rinnovando l’offerta introducendo la telematica non solo sulle auto». Dello stesso parere Enrico San Pietro, deputy general manager general insurance UnipolSai Assicurazioni che in questi giorni sta lanciando la prima polizza per il commercio dotata di box (con sensori di rilevamento fumi, acqua e furto). Ma i canali tradizionali resistono: «In Italia è prematuro puntare solo sul web», ha concluso Andrea Amadei, Gi director & COO di Aviva.

Articoli correlati
ANAPA Rete ImpresAgenziaAssociazioni di CategoriaIn EvidenzaOpinione della Settimana

«Nessuno si salva da solo»

Nel corso di «Davos 2021», la kermesse annuale del World Economic Forum tenutasi lo scorso…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Il «dritto»...

Ormai quotidianamente l’IVASS oscura e sanziona siti on-line di Intermediari…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Opportunità e sfide del mercato assicurativo italiano

I grandi cambiamenti che stanno interessando l’Italia e il mondo intero, come ben sappiamo…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.