Opinione della Settimana

Titolari di studio legale, parte la corsa alla polizza ad hoc

Avvocati Imc

(di Filippo Martini – Quotidiano del Diritto)

Nel corso dell’anno 2017 entrerà in vigore l’obbligo per gli avvocati di assicurare la responsabilità per i danni arrecati a terzi nell’esercizio della professione.

Già l’articolo 12 della legge n. 247 del 31 dicembre 2012 («Nuova disciplina dell’ordinamento della professione forense») aveva disposto l’onere a carico dell’esercente la professione forense, di contrarre idonee coperture assicurative, nel caso in cui l’attività prestata arrecasse danni a terzi. Obbligo da assolvere, a pena di provvedimenti disciplinari da parte del proprio Ordine professionale.

Il contenuto di tale obbligo è stato di recente regolato dal Dm 22 settembre 2016 che, all’articolo 1, prevede l’oggetto della copertura obbligatoria che il professionista forense sarà tenuto a stipulare a garanzia dei danni involontariamente causati a clienti e a terzi (compresi i collaboratori). L’avvocato avrà l’obbligo di stipulare a far data dall’ 11 ottobre 2017 una polizza assicurativa che garantisca:

  • la copertura della responsabilità civile dell’avvocato (anche per colpa grave) per tutti i danni che dovesse colposamente causare a terzi nello svolgimento dell’attività professionale;
  • la responsabilità per qualsiasi tipo di danno: patrimoniale, non patrimoniale, indiretto, permanente, temporaneo, futuro;
  • la responsabilità per i pregiudizi causati, oltre ai clienti, anche a terzi.

Il Dm dispone che «l’assicurazione deve prevedere altresì la copertura per la responsabilità civile derivante da fatti colposi o dolosi dei collaboratori, praticanti, dipendenti, sostituti processuali». La garanzia dovrà dunque comprendere l’ipotesi che, per colpa di un collaboratore, il titolare dello studio e del contratto assicurativo subisca una azione di danni da parte di un cliente, o di terzi.

Appare escluso, invece, che nella copertura minima obbligatoria possa essere ricompresa la responsabilità personale del collaboratore, normalmente strutturato all’interno dell’organizzazione dello studio legale.

La legge prevede anche che il titolare dello studio stipuli una polizza per gli infortuni a favore degli avvocati e dei loro collaboratori, praticanti e dipendenti, per i quali non sia operante la copertura assicurativa obbligatoria Inail. Il prestatore d’opera soggetto all’onere di legge è dunque il titolare dello studio, sia egli singolo avvocato, oppure una associazione legale professionale.

Va detto che l’obbligo di copertura assicurativa è unilaterale, cioè posto a carico del solo titolare dello studio. L’assenza di un obbligo a contrarre in capo alle imprese che operano nel ramo della Rc professionale, sbilancia il rapporto tra assicuratore e professionista, lasciando quest’ultimo davanti ad un onere da assolvere con una offerta di mercato che potrà anche essere, in certi settori, carente o limitata, se non gravosa sul piano economico.

Quello previsto dal decreto costituisce una indicazione minima obbligatoria del contenuto della polizza, la stessa dovrà poi essere dal singolo assicurato meglio calibrata, in ragione della reale natura della attività prestata e del volume di affari gestiti per conto della propria clientela.

Le polizze assicurative stipulate prima dell’11 ottobre 2017 dovranno essere adeguate alle disposizioni in esso dettate.

Articoli correlati
ANAPA Rete ImpresAgenziaAssociazioni di CategoriaIn EvidenzaOpinione della Settimana

«Nessuno si salva da solo»

Nel corso di «Davos 2021», la kermesse annuale del World Economic Forum tenutasi lo scorso…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Il «dritto»...

Ormai quotidianamente l’IVASS oscura e sanziona siti on-line di Intermediari…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Opportunità e sfide del mercato assicurativo italiano

I grandi cambiamenti che stanno interessando l’Italia e il mondo intero, come ben sappiamo…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.