Opinione della Settimana

Sinistri stradali, per le micropermanenti accertamento clinico strumentale

Medici - Check up - Accertamento clinico Imc

(di Francesco Machina Grifeo – Quotidiano del Diritto)

Nell’ambito delle microlesioni seguite ad un incidente stradale, ai fini della risarcibilità del danno biologico permanente, è necessario “un accertamento clinico strumentale” da intendersi quale referto di diagnostica, cioè per immagine; mentre è sufficiente un mero riscontro visivo da parte del medico legale per la risarcibilità del danno da invalidità temporanea. Lo ha stabilito il Tribunale di Treviso, sentenza 27 settembre 2016 n. 2315, in merito ad un caso relativo ad un “colpo di frusta”, richiamando un principio espresso dalla Consulta.

Per il ricorrente, il cui appello è stato respinto, invece, il Giudice di prime cure «recependo in toto» le risultanze emerse dalla Ctu medico legale, era «incorso in una omessa o erronea applicazione del disposto di cui all’art. 32 commi 3 ter della legge n. 27/2012 che modificando l’art. 139 Cda ha stabilito che: “In ogni caso le lesioni di lieve entità che non siano suscettibili di accertamento clinico strumentale obiettivo, non potranno dar luogo a risarcimento del danno biologico permanente” nonché dell’art. 3 quater stessa normativa che ha specificato: “il danno alla persona per lesioni di lieve entità di cui all’articolo 139 del Dlgs n.209/2005, è risarcito solo a seguito di riscontro medico legale da cui risulti visivamente o strumentalmente accertata l’esistenza della lesione”». Il Tribunale, infatti, concede che la sentenza impugnata ha omesso qualsiasi motivazione sul punto, «tuttavia – spiega –, va considerato che la questione giuridica sotto un profilo più propriamente tecnico è stata affrontata dal Ctu, nel contraddittorio tra i Ctp, per cui si deve ritenere che implicitamente il Giudice di Pace la abbia condivisa».

Del resto, la Corte costituzionale (sentenza 235/2014 e ordinanza n. 242/2015), nel dichiarare manifestamente infondata la questione di legittimità dell’articolo 139 comma 2 ultimo periodo (Dlgs n. 209/2005), ha fornito una lettura «costituzionalmente orientata» della norma cui fare riferimento. E lo ha fatto considerando che «l’interesse particolare del danneggiato deve comunque misurarsi con quello generale e sociale degli assicurati ad avere un livello accettabile e sostenibile dei premi assicurativi».

Così, nel caso specifico, prosegue la sentenza, è «indubbio» che la micro lesione permanente «sia frutto di un accertamento diagnostico clinico strumentale effettuato con le modalità raccomandate dalla Suprema Consulta». Ed il nesso di causa si evince non solo dal referto medico ma anche dalla valutazione medico – legale svolta dal perito che ha affermato la compatibilità delle lesioni riportate con l’entità e la dinamica del sinistro «utilizzando la consueta criteriologia medico-legale: cronologica, continuità fenomenica, topografica e idoneità lesiva». Mentre il Ctu ha motivato in maniera scientificamente «condivisibile» anche «l’apparente ritardo nell’esordio dei disturbi»; e l’incidenza di una patologia pregressa che ha «ampliato l’effetto lesivo del trauma sulle struttura anatomiche senza togliere, tuttavia, efficacia causale con valenza giuridica al sinistro fonte di danno». Infine, la lesione è risultata anche visivamente dalla visita del medico legale.

Articoli correlati
ANAPA Rete ImpresAgenziaAssociazioni di CategoriaIn EvidenzaOpinione della Settimana

«Nessuno si salva da solo»

Nel corso di «Davos 2021», la kermesse annuale del World Economic Forum tenutasi lo scorso…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Il «dritto»...

Ormai quotidianamente l’IVASS oscura e sanziona siti on-line di Intermediari…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Opportunità e sfide del mercato assicurativo italiano

I grandi cambiamenti che stanno interessando l’Italia e il mondo intero, come ben sappiamo…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.