Opinione della Settimana

Intesa-Generali, Rossi: «Banca d’Italia e Ivass molto attente alle voci sull’operazione»

salvatore-rossi-6-imc

(di Laura Galvagni – Il Sole 24 Ore)

Intesa Sanpaolo e Generali assieme possono valere il 36% del mercato vita in Italia: il tetto è il 30%

Il dossier Intesa SanpaoloGenerali arriva sul tavolo della Autorità. E non poteva essere altrimenti data la delicatezza del tema. A confermarlo è stato lo stesso presidente dell’Ivass, nonché direttore generale di Banca d’Italia Salvatore Rossi (nella foto) che ieri a margine dei lavori del 23esimo congresso Assiom Forex ha dichiarato: «Sia come Banca d’Italia che come Ivass siamo molto attenti a queste voci». Al punto che sono state le stesse Authority a chiamare le società coinvolte per avere chiarimenti, come ha sottolineato Rossi stesso: «Noi li abbiamo contattati, gli organismi di vigilanza sia assicurativa che bancaria sono ovviamente molto interessati e molto attenti, naturalmente per i profili di interesse di chi fa vigilanza, ovvero la stabilità dei singoli soggetti e del sistema Italia. Questa è la nostra preoccupazione e su questo siamo naturalmente molto interessati e molto attenti». Naturale che qualsiasi operazione Intesa Sanpaolo intenda promuovere sul gruppo assicurativo dovrà passare sotto la lente delle due autorità, oltre che della Bce. E proprio in ragione di questo Rossi ha chiosato: «Serviranno molte autorizzazioni nel caso in cui l’operazione andrà avanti». D’altra parte, basta considerare alcuni numeri chiave delle compagnie coinvolte per comprendere la rilevanza sistemica dell’eventuale aggregazione: complessivamente le due realtà potrebbero contare su asset totali per oltre 1.200 miliardi di euro. Intesa Sanpaolo, stando ai dati del primo semestre 2016 ha asset per 714 miliardi e Generali per 521 miliardi a fronte di un patrimonio netto rispettivamente di 49 miliardi e di 26 miliardi.

E per restare in tema di Autorità, è assai probabile che l’operazione, se dovesse andare in porto, possa finire all’attenzione anche di chi si occupa di garantire la concorrenza sul mercato: l’Antitrust. A livello europeo non sono immaginabili ostacoli perché, come faceva notare l’agenzia di rating Moody’s in un report a commento del possibile deal, a fronte di una Generali particolarmente diversificata con bene 11 aree (di cui tre principali, ossia Italia, Francia e Germania) che contribuiscono all’ammontare globale dei premi, Ca’ de Sass ha solo tre zone di riferimento in materia di asset, ossia Italia, Egitto e Paesi dell’Est.

Diversamente sul paese potrebbe crearsi una sovrapposizione che con ogni probabilità porterebbe all’intervento dell’Antitrust. Non tanto sul comparto danni dove di fatto Intesa Vita al momento non è ancora riuscita a costruirsi una base solida (ha circa 300 milioni di premi stando agli ultimi dati Ania contro i 6 miliardi di Generali), quanto nel vita. Analizzando gli ultimi dati disponibili dell’Ania, l’associazione delle compagnie assicurative, Intesa Vita ha chiuso il 2015 con premi complessivi per 22 miliardi pari a una quota di mercato nel ramo vita del 20% circa. Generali, con un portafoglio vita di circa 19 miliardi, si è ritagliata una fetta di mercato pari al 16%. Sommate, dunque, le due realtà avrebbero una presenza ben superiore al 30%, quota limite stando alle ultime interpretazioni dell’autorità garante per il mercato. Nel 2012, infatti, quando il gruppo Unipol portò a termine l’acquisizione di Fondiaria Sai, l’Authority impose alla neo nata compagnia di dismettere un sostanzioso pacchetto di asset per fare in modo che non superasse né a livello regionale né a livello nazionale la quota del 30%. E la possibile aggregazione tra Intesa Vita e Generali Italia potrebbe valere circa un 36% del mercato.

Articoli correlati
ANAPA Rete ImpresAgenziaAssociazioni di CategoriaIn EvidenzaOpinione della Settimana

«Nessuno si salva da solo»

Nel corso di «Davos 2021», la kermesse annuale del World Economic Forum tenutasi lo scorso…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Il «dritto»...

Ormai quotidianamente l’IVASS oscura e sanziona siti on-line di Intermediari…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Opportunità e sfide del mercato assicurativo italiano

I grandi cambiamenti che stanno interessando l’Italia e il mondo intero, come ben sappiamo…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.