News

AXA Winterthur, la gestione finanziaria appesantisce gli utili 2016

AXA Winterthur Imc

La compagnia del gruppo AXA chiude l’esercizio con utile operativo e utile netto in calo, rispettivamente, del 7,5% a 829 milioni di franchi svizzeri e del 13,8% a 801 milioni di franchi. Nonostante il buon risultato attuariale, le ragioni della flessione sono da ricercare soprattutto nel differenziale negativo di rendimenti nei reinvestimenti a reddito fisso e nei più elevati costi di copertura. Il volume d’affari è invece rimasto su valori vicini a quelli del 2015 (-0,4% a 11 miliardi di franchi), così come il combined ratio (+0,2 p.p. a 86,2%)

AXA Winterthur, entità svizzera del colosso assicurativo francese AXA, ha presentato questa mattina i risultati dell’esercizio 2016. La compagnia ha chiuso l’anno con cali generalizzati per gli utili, appesantiti dalla gestione finanziaria. Nonostante il buon risultato attuariale, l’utile operativo ha infatti registrato una flessione del 7,5% a 829 milioni di franchi, soprattutto a causa del differenziale negativo di rendimento nei reinvestimenti a reddito fisso e dei più elevati costi di copertura. L’utile netto (-13,8% a 801 milioni di franchi) ha inoltre risentito delle temporanee oscillazioni di valore evidenziate dai derivati di copertura su cambi e tassi d’interesse, nonché dalle obbligazioni convertibili.

I risultati sono stati ad ogni modo valutati positivamente dal management della compagnia: «In un contesto competitivo e in una non facile situazione di mercato, AXA Winterthur ha fatto registrare un buon risultato d’esercizio 2016 – ha affermato il CEO Antimo Perretta. Particolarmente soddisfacente è stato l’andamento dei nuovi affari nei comparti Veicoli a motore e Mobilia domestica e degli affari semiautonomi nella Vita collettiva. Se non si tiene conto degli investimenti di capitale, per l’utile operativo siamo sul livello dell’eccezionale anno precedente. Il perdurare dei tassi d’interesse bassi e il conseguente calo dei rendimenti degli investimenti, tuttavia, riducono il nostro risultato operativo».

Per quanto riguarda i risultati dei singoli comparti, nelle assicurazioni Danni e Infortuni il volume d’affari è cresciuto dello 0,6% a 3,37 miliardi di franchi; il combined ratio si è mantenuto su ottimi livelli, salendo di 0,2 p.p. a 86,2%. «Alla luce del contesto di mercato competitivo, sono molto soddisfatto del risultato – ha dichiarato Fabrizio Petrillo, responsabile Assicurazioni Danni e Infortuni di AXA Winterthur –. L’andamento dei nuovi affari netti è stato positivo sia per l’assicurazione veicoli a motore che per l’assicurazione mobilia domestica; i clienti apprezzano la nostra consulenza competente e l’ampia offerta. Per quanto riguarda il tasso sinistri / tasso costi abbiamo beneficiato nel 2016 di un buon andamento dei sinistri con pochi eventi di grande entità; inoltre la nostra disciplina dei costi ha dato i suoi frutti”.

I premi lordi del segmento Vita collettiva sono aumentati del 2,1%, attestandosi poco sotto quota 6,7 miliardi di franchi. I nuovi affari di tipo classico si sono incrementati del 6,5% a 230 milioni di franchi hanno toccato lo scorso anno i 230 milioni di franchi, con un incremento del 6,5% rispetto all’anno precedente; uno sviluppo ancora maggiore si è osservato nei nuovi affari estesi, in cui confluiscono i contributi di risparmio da soluzioni assicurative semiautonome, cresciuti del 23,7% a 324 milioni di franchi. Nel Vita individuale, a causa delle condizioni di mercato estremamente difficili, è stata invece registrata una flessione sia del volume dei premi (-17,1% a 987 milioni di franchi) sia dei nuovi affari (-20,4% a 97 milioni); il comparto è stato appesantito dal calo dei premi unici, mentre i premi annui sono risultati in rialzo del 2,3%.

«Nella previdenza professionale – ha affermato Thomas Gerber, responsabile Vita di AXA Winterthur – i nostri consulenti illustrano sempre più spesso ad aziende adeguate i vantaggi di soluzioni semiautonome, il che si traduce nel raddoppio dei nuovi affari sui contributi di risparmio nelle attività semiautonome. Nella Vita individuale i tassi d’interesse bassi ostacolano l’attività, proprio per i premi unici adottiamo consapevolmente una politica di sottoscrizione conservativa. Tuttavia osserviamo che, nella previdenza privata, cresce l’importanza del risparmio previdenziale con copertura dei rischi, come si evince dall’incremento dei premi annui del 2,3 per cento. Un volume di nuovi affari di 97 milioni di franchi significa una forte prestazione di vendita».

La compagnia, infine, ha reso noto che la prossima tappa nella realizzazione della strategia aziendale al 2020 sarà rappresentata dall’ingresso sul mercato elvetico del comparto Salute, previsto per l’estate 2017. La compagnia integrerà infatti la sua offerta previdenziale con prodotti Malattia complementari “semplici e digitali” per andare incontro alle ulteriori esigenze previdenziali dei propri clienti.

AXA Winterthur - Principali risultati 2016

Intermedia Channel

Articoli correlati
News

L’inflazione non è un rischio importante per gli assicuratori, dice JP Morgan

L’aumento dell’inflazione non solo è gestibile, ma non rappresenta un rischio…
Leggi di più
EsteroIn EvidenzaNews

Usa: salta l’accordo da $2,7 miliardi raggiunto da Calpers sui piani long term care

Il 30% dei potenziali beneficiari no ha sottoscritto l’intesa facendo scattare la clausola di…
Leggi di più
In EvidenzaNews

Climate change: soltanto l’8% degli assicuratori preparati ad affrontarlo

Pubblicata survey di Capgemini-Efma sugli effetti del cambiamento climatico nell’industria delle…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.