Opinione della Settimana

Previdenza, la performance è vera gloria?

Performance - Rendimenti Imc

(di Marco lo Conte – Plus24)

Quale sarà stato il fondo pensione di categoria che ha ottenuto le migliori performance a dieci anni? E il peggiore? Domande lecite, ma un po’ oziose, visto che ogni categoria ha il suo fondo e in ragione dei contratti nazionali non si può passare da uno all’altro. Poi, altro caveat, la classifica dei rendimenti a 10 anni mette a confronto comparti dalla natura e dal profilo di rischio diverso: inevitabile che una linea garantita performi “peggio” di una aggressiva ma ha compiti diversi. La domanda istrada verso un altro quesito: a maggiore rendimento corrispondono maggiori sottoscrizioni (e viceversa)?

In un mercato come quello dei fondi comuni, ad esempio, la domanda è cruciale visto che in un contesto commerciale e competitivo i rendimenti di periodo — spesso troppo breve periodo — rappresentano un driver importante per il collocamento tramite le reti. Tant’è che i gestori di fondi sono chiamati a produrre i migliori risultati al termine del secondo trimestre dell’anno, in modo che su quei dati, nel terzo trimestre, si possano convincere i potenziali sottoscrittori.

Al netto di molti “rumori di fondo” come questo, il tema cruciale è quello dell’“educazione alle scelte”: in base a cosa sono indotte le nostre scelte? Razionalità o suggestione? Imitazione o paura? In definitiva, in assenza della competizione commerciale è possibile mettere in correlazione la performance ottenuta con il tasso di adesione del fondo? Le buone performance, così come d’altra parte i vantaggi fiscali o i bassi costi, sono in grado di convincere gli incerti. La risposta è no: le migliori performance a 10 anni sono di Espero, il fondo pensione della scuola cui aderisce meno del 9% degli aventi diritto. Ma un altro disallineamento deve fare riflettere: al massimo della campagna sulla destinazione del Tfr si è registrata la maggiore diffidenza. Il “successo” (molto relativo) dei fondi pensione è più recente, con oltre mezzo milione di nuovi iscritti l’anno, +7,7% solo nel 2016. Il che dovrebbe affinare le competenze dei policy maker e soprattutto della cabina di regia che definirà le strategie per elevare l’educazione finanziaria (e previdenziale) degli italiani.

Articoli correlati
ANAPA Rete ImpresAgenziaAssociazioni di CategoriaIn EvidenzaOpinione della Settimana

«Nessuno si salva da solo»

Nel corso di «Davos 2021», la kermesse annuale del World Economic Forum tenutasi lo scorso…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Il «dritto»...

Ormai quotidianamente l’IVASS oscura e sanziona siti on-line di Intermediari…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Opportunità e sfide del mercato assicurativo italiano

I grandi cambiamenti che stanno interessando l’Italia e il mondo intero, come ben sappiamo…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.