IVASS

Proseguono le segnalazioni IVASS di siti internet non riconducibili ad intermediari iscritti nel RUI

IVASS (2)Proseguono le segnalazioni da parte dell’IVASS di siti internet non riconducibili ad intermediari iscritti nel Registro Unico e che commercializzano polizze Rc Auto, anche aventi durata temporanea. Il nuovo comunicato dell’Istituto riguarda il sito www.assicurazionitemporaneeonline.webnode.it, il quale si presenta come un’agenzia assicurativa, con denominazione Assicurazioni Temporanee Trieste, apparentemente riconducibile ad Helvetia Compagnia Svizzera di Assicurazioni, di cui riporta la denominazione e il logo.

Helvetia Assicurazioni ha comunicato la propria estraneità alla commercializzazione di polizze tramite il sito citato – dichiarando di non avere alcun rapporto di collaborazione con soggetti che operano tramite lo stesso – ed ha inoltre reso noto come le polizze Rc Auto temporanee non rientrino tra i prodotti assicurativi offerti alla propria clientela.

Nel sito è riportato il numero di iscrizione nel Registro unico degli intermediari assicurativi B0000154793, simile ma non identico a quello di un intermediario iscritto (Lino Barnabei) il quale ha dichiarato la propria totale estraneità alle attività svolte tramite il predetto sito internet, che pertanto non risulta riferibile ad alcun intermediario autorizzato.

L’Istituto richiama ancora una volta l’attenzione degli utenti e degli intermediari sulla circostanza che i siti web degli intermediari che esercitano l’attività di intermediazione tramite internet devono sempre indicare:

a) i dati identificativi dell’intermediario;

b) l’indirizzo della sede, il recapito telefonico, il numero di fax e l’indirizzo di posta elettronica;

c) il numero e la data di iscrizione al Registro unico degli intermediari assicurativi e riassicurativi nonché l’indicazione che l’intermediario è soggetto al controllo dell’IVASS.

Per gli intermediari del SEE abilitatati ad operare in Italia il sito web deve riportare, oltre ai dati identificativi ed ai recapiti sopra indicati, l’indicazione dell’eventuale sede secondaria nonché la dichiarazione del possesso dell’abilitazione all’esercizio dell’attività in Italia con l’indicazione dell’Autorità di vigilanza dello Stato membro di origine.

I siti web o i profili facebook che non contengono le informazioni sopra riportate non sono conformi alla disciplina in tema di intermediazione assicurativa ed espongono quindi il consumatore al rischio di stipulazione di polizze contraffatte.

L’IVASS raccomanda sempre di adottare le opportune cautele nella sottoscrizione tramite internet di contratti assicurativi, soprattutto se di durata temporanea, verificando, prima della sottoscrizione dei contratti, che gli stessi siano emessi da imprese e tramite intermediari regolarmente autorizzati allo svolgimento dell’attività assicurativa e di intermediazione assicurativa, tramite la consultazione sul sito www.ivass.it:

  • degli elenchi delle imprese italiane ed estere ammesse ad operare in Italia (elenchi generali ed elenco specifico per la Rc Auto);
  • dell’elenco degli avvisi relativi a “Casi di contraffazione o società non autorizzate; siti internet non conformi alla disciplina sull’intermediazione”;
  • del Registro unico degli intermediari assicurativi e dell’Elenco degli intermediari dell’Unione Europea.

I consumatori possono chiedere chiarimenti ed informazioni al Contact Center dell’Istituto: numero verde 800-486661, dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 14.30.

Intermedia Channel

Articoli correlati
In EvidenzaIVASSNews

Stefano De Polis fa il punto sul comparto Vita e sulle due consultazioni in corso in materia di unit linked e gestioni separate

Il segretario generale dell’Ivass è intervenuto a Bologna all’annual meeting di Itinerari…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaIVASSNews

Reclami assicurativi a doppia velocità per reti tradizionali e compagnie dirette

“Il focus delle compagnie dirette e di chi gestisce i comparatori – sottolinea il presidente…
Leggi di più
In EvidenzaIVASSNews

Ivass: in crescita del 10,9% i reclami dei consumatori nel 2023

Circa il 50% riguarda l’Rc Auto; il 39,7% gli Altri Rami Danni e il 15% i rami Vita Nel 2023…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.