Opinione della Settimana

La signora delle polizze

Claudia Parzani

(di Anna Messia – Milano Finanza)

Parzani, la nuova presidente di Allianz Italia e vicepresidente di Borsa Italiana, è un giovane avvocato a cui piace innovare e fare squadra. Seguendo mega operazioni è arrivata ai vertici della finanza

Da Brescia, più precisamente dalle colline della Franciacorta, fino ai vertici della finanza italiana. Donna e giovane in un mondo che fino a qualche decennio fa era tutto dominato dagli uomini. Con il coraggio di innovare e sperimentare nuove strade che si sono rivelate vincenti e senza dimenticare di sostenere altre donne che ha trovato sul suo cammino, per aiutare il talento femminile. Di stereotipi e clichè Claudia Parzani (nella foto) ne ha rotti tanti nella sua fulminante carriera professionale.

Classe 1971, nata in una famiglia che nulla aveva a che fare con l’avvocatura o con la grande finanza (mamma casalinga e papà imprenditore), ha studiato giurisprudenza a Milano (quando a insegnare c’era Guido Rossi) e poi si è fatta spazio negli studi legali. Ma ovviamente non in quelli tradizionali. La sua indole è sempre stata quella della sperimentazione; non a caso nel 2013 è stata premiata come l’avvocato più innovativo dell’anno dal Financial Times, unica donna tra i dieci avvocati più innovativi in Europa. Il suo primo lavoro, in un classico studio d’avvocati, è solo durato un giorno. Meno di 24 ore per capire che non sarebbe stato quello il suo futuro e che avrebbe voluto invece percorrere sentieri non ancora battuti. Mescolando diritto ed economia, un mercato che si stava aprendo proprio in quel periodo. Negli anni ‘90 stava nascendo la finanza italiana. Bisognava ancora scrivere il Testo Unico e Parzani si occupò delle prime offerte pubbliche (opa) lanciate in Italia, ancora senza una normativa, sviluppando anche forti competenze nei temi di governance. Nello studio Grimaldi Clifford Chance, a Milano, ebbe la fortuna di occupare una scrivania che nessuno voleva. Era grande ma scomoda, perché guardava il muro, racconta spesso a chi le chiede i passaggi-chiave della sua storia professionale, ma in stanza con lei c’era un partner franco-inglese, capo dello studio, bravissimo. Da lui imparò i segreti del mestiere, portando in Italia pratiche già diffuse all’estero.

Poi la chiamò lo studio americano White & Case, che aveva deciso di aprire in Italia, fino ad arrivare, nel 2007, in Linklaters. E negli anni le operazioni finanziarie si sono moltiplicate: Parzani ha seguito in prima persona i più importanti aumenti di capitale bancari realizzati negli ultimi anni. Da Intesa a Unicredit passando per Mps e Bpm. E non sono mancate quotazioni nel risparmio gestito, come Anima e Banca Fineco. Con i riconoscimenti conseguenti. Parzani è stata la prima donna dell’area dell’Europa meridionale a diventare partner di uno studio legale internazionale come Linklaters e lo scorso novembre è stata promossa a responsabile dell’intera Europa (a esclusione di Germania e Inghilterra), entrando come prima donna nel board europeo. A pochi mesi di distanza di promozioni ne sono però arrivate altre e anche queste decisamente di peso. In uno stesso giorno, il 28 aprile scorso, Parzani è stata nominata presidente di Allianz Italia e vicepresidente di Borsa Italiana (era già nel consiglio di amministrazione di entrambe) e anche in questo caso, neanche a dirlo, ha fatto da apripista.

È la prima vicepresidente donna di Borsa Italiana, mentre in Allianz, benché colosso assicurativo tedesco le donne occupino già ruoli-chiave, Parzani (che ha preso il posto di Carlo Salvatori, uscito per raggiunti limiti di età) è stata la prima presidente donna di Allianz Italia nella storia della compagnia. Tra l’altro anche la vicepresidente della compagnia è una donna: Sirma Gotovats, responsabile della business division Western & Southern Europe di Allianz SE. Con quest’ultima e con l’amministratore delegato Klaus-Peter Roehler c’è da scommettere che Parzani farà squadra, come ha sempre fatto da quando ha iniziato a lavorare, specialmente con le donne.

Nel suo curriculum non manca la presidenza, dal 2013 al 2016, di Valore D, l’associazione nata per valorizzare il talento femminile e l’ideazione degli ormai famosi [email protected], appuntamenti formativi e utili anche per sviluppare relazioni, ma con un’accezione decisamente alta. «Usare il potere per il potere di fare» e «restituire se si ha la fortuna di avere»: questi sono i motti che guidano le sue giornate. Un vero boss, come la chiamano i collaboratori che le lavorano a fianco da sempre, da quando ha iniziato a lavorare subito dopo l’università. Risponde a stretto giro di posta a ogni email e a tutti i messaggi che riceve. È capace di delegare e di tenere bene a mente i veri valori che contano: le sue tre figlie, ognuna delle quali è nata quando Claudia stava per decidere di cambiare lavoro o lo aveva appena fatto. Con il solito coraggio di crescere e sperimentare.

Articoli correlati
ANAPA Rete ImpresAgenziaAssociazioni di CategoriaIn EvidenzaOpinione della Settimana

«Nessuno si salva da solo»

Nel corso di «Davos 2021», la kermesse annuale del World Economic Forum tenutasi lo scorso…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Il «dritto»...

Ormai quotidianamente l’IVASS oscura e sanziona siti on-line di Intermediari…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Opportunità e sfide del mercato assicurativo italiano

I grandi cambiamenti che stanno interessando l’Italia e il mondo intero, come ben sappiamo…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.