Opinione della Settimana

Welfare aziendale, in Italia flessibilità a due facce

Welfare - Terzo settore - Condivisione Imc

(di Enrico Netti – Il Sole 24 Ore)

Ufficio del personale e dipendenti, elementi tangibili e intangibili. Retribuzione fissa, variabile e welfare contro business model, riconoscimento dei valori anche culturali della società, responsabilità sociale d’impresa, l’inclusione, e per finire la flessibilità. Sono questi alcuni elementi su cui le aziende costruiscono la proposta di valore per i dipendenti e su cui si sta verificando uno scollamento.

In Italia le aziende danno la priorità agli elementi tangibili, mentre i dipendenti sempre più colgono l’importanza di asset intangibili come, per esempio, la leadership, il funzionamento dei processi e dell’organizzazione interna, il peso e il valore aggiunto che può avere nel cv l’essere stati assunti da un’azienda con un brand forte.

È quanto emerge da una ricerca di Mercer Italia in cui si confrontano priorità ed esigenze delle aziende medio-grandi e dei loro dipendenti. «Sempre più spesso siamo di fronte a uno scollamento tra quanto richiedono investitori e top management e quanto sono in grado di dare le risorse umane», commenta Marco Valerio Morelli, ad di Mercer Italia.

Oltre agli obiettivi assegnati, i dipendenti chiedono di avere obiettivi per il team, una migliore collaborazione, di ricevere regolarmente dei riscontri sulle prestazioni lavorative e modelli chiari e trasparenti di valutazione. Fattori che portano, secondo Mercer, alla seguente chiave di lettura: se faccio meglio del previsto voglio essere pagato di più. Il capitolo welfare aziendale spazia dalla richiesta di supporto nello sviluppo delle proprie competenze al prendersi cura della salute e del benessere finanziario. La maggior parte dei dipendenti italiani vuole più flessibilità e un terzo dei responsabili delle risorse umane riconosce che modelli più flessibili portano a migliori performance.

Quasi due terzi delle aziende medio-grandi si è già dotata di politiche per la flessibilità e lo smart working. Per i dipendenti questa scelta comporta alcuni handicap, perché, per esempio, ritengono di avere molto meno sostegno dai loro dirigenti (44% delle risposte) e dai colleghi (38%). Circa il 66%, ben oltre la media mondiale del 50%, si dice preoccupato perché lavorare a tempo parziale o in remoto avrebbe un impatto negativo sulle opportunità di promozione. Insomma, si rischia di non rimanere agganciati al treno della carriera. Da qui la richiesta di un rapporto più costante con i propri manager e una maggiore trasparenza sulla retribuzione.

Articoli correlati
ANAPA Rete ImpresAgenziaAssociazioni di CategoriaIn EvidenzaOpinione della Settimana

«Nessuno si salva da solo»

Nel corso di «Davos 2021», la kermesse annuale del World Economic Forum tenutasi lo scorso…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Il «dritto»...

Ormai quotidianamente l’IVASS oscura e sanziona siti on-line di Intermediari…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Opportunità e sfide del mercato assicurativo italiano

I grandi cambiamenti che stanno interessando l’Italia e il mondo intero, come ben sappiamo…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.