News

AON, novità apportate al Codice degli Appalti dal decreto correttivo

Appalti - Responsabilità Imc

Quale appendice all’articolo pubblicato precedentemente e relativo alla cronaca della tappa milamese del corso di formazioneCodice degli Appalti alla luce del nuovo decreto correttivo, organizzato da AON ed ospitato lo scorso 26 giugno nella sala Pio XII dell’Università degli Studi di Milano, vi proponiamo una sintesi delle principali novità introdotte dal nuovo decreto correttivo alle gare per l’affidamento dei servizi di copertura assicurativa da parte della Pubblica Amministrazione ed un approfondimento sull’affidamento diretto.

Principali novità:

  • Art. 36, per gli affidamenti inferiori a 40.000 Euro (affidamento diretto – si veda approfondimento nel prossimo paragrafo): la stazione appaltante può procedere anche senza previa consultazione di due o più operatori economici;
  • Art. 36, per gli appalti di valore superiore a 40.000 Euro ed inferiori alla soglia comunitaria di euro 209.000 per i servizi e le forniture: le Stazioni Appaltanti possono procedere alla procedura negoziata previa consultazione di almeno dieci operatori economici;
  • Art. 95: inserimento di un tetto massimo per l’offerta economica di 30 punti, confermando la necessità ex D.Lgs. 50 del criterio qualità-prezzo (OEPV), laddove il merito tecnico assume quindi valenza per 70 punti;
  • Art. 83: Non è più prevista alcuna sanzione pecuniaria per il soccorso istruttorio.

Affidamento diretto ex-art. 36, importi inferiori a 40.000 Euro – Approfondimento

Da una prima lettura, spiegano da AON, sembrerebbe che con le modifiche al Codice dei contratti introdotte dal decreto legislativo 19 aprile 2017, n. 56 (il cosiddetto “decreto correttivo”), l’affidamento diretto torni effettivamente diretto. Non si tratta di un gioco di parole, ma del fatto che con la piccola modifica introdotta dall’articolo 25, comma 1, lettera b1) del D.Lgs. n. 56/2017 alla lettera a) del comma 1 dell’articolo 36 vengono sostituite le parole “adeguatamente motivata” con le parole “anche senza previa consultazione di due o più operatori economici” e il testo della citata lettera a) diventa “per affidamenti di importo inferiore a 40.000 euro, mediante affidamento diretto anche senza previa consultazione di due o più operatori economici o per i lavori in amministrazione diretta”.

Con la previgente lettera a), sottolinea il gruppo operante in Italia e su scala mondiale nella consulenza dei rischi e delle risorse umane, si trattava, nei fatti, di una gara informale, priva di formalità da rispettare per il fatto stesso che non dovevano essere rispettati iter e tempi propri di una gara. Dal 20 maggio p.v. l’affidamento diretto sarà effettivamente diretto per il fatto stesso che le modifiche introdotte dal decreto correttivo sono assolutamente chiare, non soltanto perché vengono cancellate le parole “adeguatamente motivata”, ma anche per l’inserimento delle parole “anche senza previa consultazione di due o più operatori economici”.

In pratica, per importi al di sotto di 40.000 Euro non occorrerà più, nel caso di affidamento diretto, alcuna motivazione, anche per il fatto che nella norma è precisato “anche senza previa consultazione di due o più operatori economici”.

Intanto è passato un anno dall’entrata in vigore delle linee guida ANAC n. 4 approvate con determinazione del 26 ottobre 2016 n. 1097, in cui l’Autorità dedicava l’intero paragrafo 3 all’affidamento e all’esecuzione di lavori, servizi e forniture di importo inferiore a 40.000 Euro, spiegando in maniera dettagliata al sottoparagrafo 3.3.3 che “l’onere motivazionale relativo all’economicità dell’affidamento e al rispetto dei principi di concorrenza può essere soddisfatto mediante la valutazione comparativa dei preventivi di spesa forniti da due o più operatori economici”. Secondo AON, adesso è quindi necessario che l’Autorità provveda, al più presto, ad aggiornare le proprie linee guida.

L’affidamento diretto tornerà quindi ad essere effettivamente diretto quando il valore del contratto è inferiore ai 40.000 Euro e le pubbliche amministrazioni potranno procedere, per tali importi, con uno specifico operatore economico senza alcuna procedura comparativa rimanendo comunque l’obbligo di rispettare i principi di economicità, efficacia, tempestività, correttezza, libera concorrenza, non discriminazione, trasparenza, proporzionalità, pubblicità definiti dall’articolo 30, comma 1, del codice.

Intermedia Channel

Articoli correlati
News

Helvetia rilancia il progetto “#C’èChiDiceNO!”

L’iniziativa del Comitato per la Sostenibilità volta ad informare, sensibilizzare e contribuire…
Leggi di più
In EvidenzaNews

La manovra arriva oggi alla Camera: spunta tassa sulle assicurazioni

Nella bozza della legge di Bilancio circolata negli ultimi giorni, lievitata a 155 articoli, emerge…
Leggi di più
In EvidenzaNews

Phoenix Capital, al via la Divisione “Distribuzione Assicurativa”

Rafforzata la partnership con Vitanuova Phoenix Capital ha istituito la nuova divisione di…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.