News

Previdenza complementare, gli iscritti a giugno 2017 superano quota otto milioni

Assicurazioni - Risparmio - Investimenti - Previdenza Imc

Secondo quanto riporta la nota di commento all’aggiornamento COVIP dei principali dati statistici della previdenza complmentare in Italia, a fine giugno 2017 il numero complessivo di iscritti a forme di previdenza complementare, incluse le duplicazioni di iscritti contemporaneamente a più forme pensionistiche, è di circa otto milioni; al netto delle uscite, la crescita dall’inizio dell’anno è stata di circa 235.000 unità (+3%).

Nei fondi negoziali si è registrato un aumento di 70.000 iscrizioni (2,7%), per un totale a fine giugno di 2,67 milioni; la crescita delle adesioni, segnala la Commissione, ha risentito ancora in parte del meccanismo di adesione contrattuale ai fondi rivolti ai lavoratori del settore edile che peraltro è ormai a pieno regime.

Nelle forme pensionistiche di mercato offerte da intermediari finanziari le adesioni sono aumentate di 56.000 unità nei fondi aperti (+4,5 per cento) e di 111.000 nei PIP “nuovi” (+3,9 per cento); il totale complessivo a fine giugno è, rispettivamente, di circa 1,315 milioni e 2,98 milioni.

Le risorse in gestione

Il patrimonio accumulato dalle forme pensionistiche complementari ammonta a 155 miliardi di Euro (il dato non tiene tuttavia conto delle variazioni nel semestre dei fondi pensione preesistenti e dei PIP “vecchi”). Le risorse dei fondi negoziali ammontano a 47,4 miliardi di Euro, in crescita del 3,1%. I fondi aperti dispongono di un patrimonio di 18 miliardi e i PIP “nuovi” di 25,3 miliardi; l’incremento nel primo semestre è stato, rispettivamente, del 5,1 e del 6,6%.

I rendimenti

I rendimenti aggregati, al netto dei costi di gestione e della fiscalità, sono stati nel primo semestre 2017 in media positivi per tutte le tipologie di forma pensionistica. I fondi negoziali e i fondi aperti hanno reso in media, rispettivamente, lo 0,9 e l’1,5%; per i PIP “nuovi” di ramo III, il rendimento medio è stato inferiore, attestandosi allo 0,1 per cento. Nello stesso periodo il TFR si è rivalutato, al netto dell’imposta sostitutiva, dell’1,1 per cento.

Oltre che dal livello dei costi, le differenze nei rendimenti medi delle forme pensionistiche – secondo la Commissione – dipendono dall’asset allocation adottata. In media i risultati più elevati si sono registrati per le linee di investimento azionarie, riflettendo l’andamento nel complesso positivo delle borse mondiali nel periodo considerato; nelle linee a esclusivo contenuto obbligazionario i rendimenti medi sono stati marginalmente negativi, “vista la lieve risalita dei tassi di interesse a lungo termine nell’area dell’euro mantenutisi tuttavia su livelli storicamente bassi”.

Intermedia Channel


COVIP – La previdenza complementare: Principali dati statistici a giugno 2017

Articoli correlati
EsteroIn EvidenzaNews

GB: rumors su interesse Generali e Sompo per Hiscox

Un articolo di Insurance Insider ha collegato l’assicuratore del sindacato dei Lloyd’s a…
Leggi di più
EsteroIn EvidenzaNews

GB: stress test 2025 per valutare resilienza mercato delle rendite di massa

I trasferimenti di rendite sono cresciuti negli ultimi anni e si prevede che nel prossimo decennio…
Leggi di più
EsteroNews

Corea del sud: corte suprema sancisce diritto all’assicurazione sanitaria per le coppie gay

Secondo i giudici il rifiuto da parte dell’ente statale di fornire una copertura assicurativa…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.