News

Al via l’avventura del network Global Insurance Law Connect

Global Insurance Law ConnectTra i soci fondatori anche BTG Legal. Il network è basato su una serie di Special Interest Groups, tra cui quello Cyber, il cui responsabile è l’avv. Giorgio Grasso, Senior Partner di BTG Legal e apprezzato nostro docente nei corsi di aggiornamento professionale per gli intermediari assicurativi

Nella sede londinese dei Lloyd’s – alla presenza del CEO Inga Beale – si inaugura oggi il network internazionale di studi legali specializzati nel diritto assicurativo Global Insurance Law Connect (GILC). Del network fanno parte l’italiano Batini Traverso Grasso & Associati (BTG Legal), BLM (Regno Unito), Foran Glennon (USA), Byrd & Associates (Francia), Blanco Y Asociados (Spagna), Riisa & Co (Norvegia), Lydian (Belgio), GBF (Svizzera) e Khaitan (India).

Il network si basa su una serie di Special Interest Groups (SIG) – tra i quali D&O, Financial Lines, Product Liability, Cyber, Marine, Fraud – che, in modo trasversale, attraversano i singoli studi membri, per offrire un’assistenza globale alla clientela internazionale.

L’avvocato Giorgio Grasso (Senior Partner di BTG Legal e apprezzato nostro docente nei corsi di aggiornamento professionale per gli intermediari assicurativi), già alla guida del dipartimento di insurance di Simmons & Simmons ed ora responsabile mondiale del Cyber SIG, ci ha illustrato i vantaggi e le aspettative del network: “Crediamo molto nell’alleanza con altri studi internazionali fortemente specializzati nell’insurance. Questa è imprescindibile per affrontare i programmi internazionali delle compagnie globali e dei loro clienti. Attraverso i SIG stiamo riuscendo ad offrire alla nostra clientela un’assistenza focalizzata su ogni singola specialità del mondo assicurativo, dalla responsabilità D&O alla medmal, dal cyber risk al marine. In ogni studio ci sono professionisti con expertise in determinate materie e con pregressa esperienza in law firm prestigiose, questo ci consente di dare risponde immediate, anche a clienti stranieri, ma con fees decisamente nazionali, con grande apprezzamento dei più esigenti uffici sinistri”.

“Si riescono a mantenere delle fees “italiane” – ha inoltre chiarito l’avv. Grasso – perché non ci sono “referral” da stornare a casa madre londinese, come accade per i grandi studi internazionali. Per il momento il network è formato da nove membri, ma sono in corso le due diligence per allargare l’alleanza ad altre giurisdizioni chiave”.

Intermedia Channel

Articoli correlati
EsteroNews

Giappone: AM Best alza l’outlook del mercato vita

Positive previsioni anche nella travel insurance con raccolta premi in aumento da 578 a 1.296…
Leggi di più
EsteroIn EvidenzaNews

USA: paese vulnerabile a cyber attacchi catastrofici

Il GAO raccomanda un migliore coordinamento tra il mercato assicurativo ed il TRIP, il programma…
Leggi di più
In EvidenzaNews

Cyber: riscatto medio pagato negli attacchi ransomware quintuplicato in un anno

Secondo l’indagine di Sophos le imprese hanno pagato in media $812 mila nel 2021 Il 66% delle…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.