News

“Sicuri con Willis”, il portale di Willis Towers Watson con l’offerta di Rc professionale per gli avvocati

avvocati-giurisprudenza-normativa-imc

Attraverso Sicuri con Willis, Willis Towers Watson intende accompagnare gli oltre 300.000 avvocati che, dall’11 novembre 2017, con l’entrata in vigore del Decreto del Ministero della Giustizia del 22 settembre 2016, dovranno obbligatoriamente dotarsi di una copertura assicurativa Rc Professionale e Infortuni.

“L’obbligatorietà del decreto – ha affermato Marco Radice Fossati, Head of Financial Lines di Willis Towers Watson – impone nuovi importanti costi per gli avvocati; stimiamo premi assicurativi annui per oltre 60 milioni di Euro derivanti dall’entrata in vigore del decreto. Willis Towers Watson ha quindi implementato un’offerta innovativa per rispondere alle esigenze normative, estendendo le polizze ad altre garanzie professionali a fronte di un costo accessibile a tutte le categorie di avvocati”.

Il prodotto di Rc Professionale studiato dalla multinazionale del brokeraggio e della consulenza – si legge in una nota – aderisce integralmente alle disposizioni del Decreto 22 settembre 2016 e prevede:

  • Precisazione copertura colpa grave;
  • Oggetto della copertura esteso alle attività richiamate espressamente, oltre che ad ogni altra attività al cui svolgimento l’avvocato sia comunque abilitato;
  • Definizione di perdita estesa a perdite patrimoniali, non patrimoniali, indirette, permanenti, temporanee e future;
  • Estensione alla responsabilità civile derivante da fatti colposi o dolosi di collaboratori, praticanti, dipendenti, sostituti processuali;
  • Retroattività illimitata;
  • Rinuncia al recesso in caso di richiesta di risarcimento;
  • Estensione al vincolo di solidarietà.

La soluzione – prosegue la nota – prevede inoltre, tra gli altri, un periodo di ultrattività di dieci anni ­gratuito ed automatico in caso di cessazione dell’attività “coerentemente con quanto previsto dal Decreto 22 settembre 2016” (ma la garanzia, evidenziano da WTW, “è attivabile anche in casi diversi dalla cessazione dell’attività”, sulla base di quanto previsto dalla Legge concorrenza 124/2017), la libera scelta del legale e/o consulente tecnico di fiducia da parte dell’assicurato, un’estensione alla responsabilità per danni derivanti dalla custodia di documenti, somme di denaro, titoli e valori ricevuti in deposito dai clienti o dalle controparti processuali di questi ultimi ed un’estensione Cyber Risk alle responsabilità derivanti all’Assicurato dalla proprietà e dall’uso di sistemi informatici “compresa la violazione di diritti di proprietà intellettuale di terzi, inclusi brevetti e segreti commerciali e la trasmissione di virus, malware o altri codici maligni dai sistemi informatici dell’Assicurato al sistema informatico di un terzo”.

Intermedia Channel

Articoli correlati
News

L’inflazione non è un rischio importante per gli assicuratori, dice JP Morgan

L’aumento dell’inflazione non solo è gestibile, ma non rappresenta un rischio…
Leggi di più
EsteroIn EvidenzaNews

Usa: salta l’accordo da $2,7 miliardi raggiunto da Calpers sui piani long term care

Il 30% dei potenziali beneficiari no ha sottoscritto l’intesa facendo scattare la clausola di…
Leggi di più
In EvidenzaNews

Climate change: soltanto l’8% degli assicuratori preparati ad affrontarlo

Pubblicata survey di Capgemini-Efma sugli effetti del cambiamento climatico nell’industria delle…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.