News

Osservatorio Sara Assicurazioni: La casa è ancora un buon investimento, ma gli italiani sono frenati da tasse e normative

House sharing - Casa Imc

Secondo l’ultima ricerca della compagnia assicuratrice ufficiale dell’Automobile Club d’Italia, più di un italiano su due crede ancora nel valore del mattone (54%) ma una percentuale rilevante (il 46%) teme gli effetti di normative e tassazioni. La proprietà vince sull’affitto: l’84% preferisce vivere dentro le proprie mura

Per gli italiani la casa è da sempre un grande bene sia economico che affettivo, come conferma l’ultima ricerca* dell’Osservatorio di Sara Assicurazioni, la compagnia assicuratrice ufficiale dell’Automobile Club d’Italia: più di un italiano su due (il 54%) ha infatti dichiarato di credere ancora nel valore del mattone, ma rispetto al passato ammette di avere molte paure. La maggiore preoccupazione è legata all’incertezza su tasse e cambiamenti normativi che, vuoi con l’introduzione di obblighi o il venir meno di agevolazioni e detrazioni, preoccupa quasi un connazionale su due (46%).

A suscitare timori sono anche le potenziali fluttuazioni del mercato immobiliare (44%), gli eventi catastrofali come terremoti e inondazioni (32%) e il potenziale peggioramento del contesto ambientale circostante, provocato dal degrado, da interventi edilizi o da aumenti del livello di criminalità e inquinamento della zona (41%).

Nonostante queste preoccupazioni, l’abitazione continua a rivestire un ruolo molto importante come investimento per il futuro proprio e della propria famiglia, vedendo nel patrimonio immobiliare un bene rifugio per tempi incerti (28%), una forma di investimento finalizzata all’affitto (28%) o alla rivendita (17%), o un lascito per i propri figli (27%).

Secondo i dati emersi dalla ricerca, inoltre, la proprietà batte largamente l’affitto: l’84% degli intervistati preferisce infatti abitare in una casa di proprietà rispetto alla casa in affitto. Il 38% degli italiani, in particolare, investirebbe nella sua stessa città, il 16% in campagna o all’estero e il 15% in piccoli centri cittadini.

Non tutti, però, la pensano così: il 21% dei nostri connazionali, non crede in realtà nel valore del mattone come bene di investimento e il 16% preferirebbe l’affitto alla proprietà perché – afferma – comporta meno responsabilità (50%), meno tasse (29%) ed è una formula più flessibile, particolarmente adatta a chi ha la necessità di muoversi più facilmente e cambiare casa e città in modo agevole (21%).

Ma come proteggere il valore dell’abitazione? Un italiano su tre (35%) ritiene che di fatto non sia possibile tutelarsi, mentre un ulteriore 38% ritiene che la soluzione sia tenersi sempre aggiornato sulle novità normative e l’andamento del mercato immobiliare (38%). Un altro 24% si proteggerebbe con una polizza assicurativa specifica (24%) e il 19% si rivolgerebbe a un consulente.

“La nostra ricerca – ha commentato Marco Brachini, direttore Marketing, Brand e Customer Relationship di Sara Assicurazioni – evidenzia come la casa per gli italiani continui a rappresentare un bene molto importante, non solo come ambiente di vita per l’individuo e per la famiglia ma anche come forma di investimento per il domani. Considerata la sua importanza, l’abitazione è allora uno fra i beni che meritano maggiore attenzione e tutela e che è quindi fondamentale proteggere con adeguate coperture”.

Osservatorio Sara Assicurazioni - Infografica Casa Imc

Intermedia Channel


* Indagine CAWI condotta dall’istituto di ricerca Nextplora nel 2017 su di un campione rappresentativo della popolazione italiana per quote d’età, sesso ed area geografica

Articoli correlati
EsteroNews

USA: i grandi gruppi costituiscono compagnie captive per contenere i costi delle polizze D&O

Il Delaware modifica la propria legislazione per allargare l’operatività delle assicurazioni…
Leggi di più
EsteroIn EvidenzaNews

Tesla: botta e risposta tra Musk e gli assicuratori sui costi delle riparazioni

Secondo gli assicuratori sono troppo alti i costi delle parti di ricambio delle Tesla I…
Leggi di più
EsteroIn EvidenzaNews

Europa: il rischio di greenwashing deriva soprattutto dalla complessità della normativa

Insurance Europe contraria ad un regolamento per prevenire gli effetti “di facciata” sulla…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.