News

Indagine Lloyd’s, rischi e incertezze potrebbero rallentare la crescita della sharing economy

Sharing economy - Economia collaborativa Imc

Il rapporto del mercato mondiale per le assicurazioni e riassicurazioni speciali rivela che i timori di consumatori e fornitori potrebbero impedire alle piattaforme di sostenere domanda e offerta dei relativi servizi

I Lloyd’s, il mercato mondiale per le assicurazioni e riassicurazioni speciali, hanno presentato “Sharing risks, sharing rewards: who should bear the risk in the sharing economy?” (Distribuire rischi e compensi: chi dovrebbe farsi carico dei rischi della sharing economy?), rapporto basato su un’indagine che analizza come consumatori, fornitori e piattaforme percepiscono i rischi nell’ambito della sharing economy.

I risultati dell’indagine rivelano che l’incertezza rispetto a chi è sostanzialmente responsabile in caso di problemi (che possono riguardare la sicurezza personale, la qualità del servizio, i danni alla proprietà, il furto o la mancanza di sufficienti tutele) potrebbe impedire alle piattaforme di far crescere la loro base di clienti e fornitori.

“L’assicurazione può giocare un ruolo di primo piano nella mitigazione di questi rischi – ha affermato Vincent Vandendael, Chief Commercial Officer dei Lloyd’s –. Basandoci su quanto emerso, riteniamo che sia possibile rimuovere le barriere alla crescita, infondendo fiducia ai consumatori attraverso una chiara definizione dei rischi e fornendo protezione – ed anche le start-up possono creare polizze su misura che continuano ad evolversi in linea con la loro crescita tra gli innovatori dell’industria globale”.

Gli assicuratori, evidenziano i curatori del report, “da tempo mettono a disposizione soluzioni assicurative per il patrimonio fisico “tangibile” ma nella sharing economy il patrimonio è spesso intangibile ed include la proprietà intellettuale, la fiducia e la reputazione. I beni, nella sharing economy, spesso sono anche frammentati in quanto di proprietà e condivisi tra varie parti che richiedono diversi approcci alla gestione dei rischi, basati su aspetti comportamentali legati alle preferenze e alle attitudini dei consumatori nei confronti del rischio”.

“La sharing economy ha creato nuovi panorami di rischio con supposizioni mai testate rispetto a chi dovrebbe gestire i rischi e le responsabilità e per questo l’assicurazione può ricoprire un ruolo significativo – ha osservato Trevor Maynard, Head of Innovation dei Lloyd’s –. A mano a mano che il nostro mercato riceve e sottoscrive questi rischi, comprendiamo il potere dell’assicurazione nel fornire ai consumatori la tranqullità e ai fornitori e alle piattaforme la fiducia nel sostenere la crescita”.

Per l’indagine commissionata dai Lloyd’s sono state condotte interviste a 5.000 consumatori statunitensi, britannici e cinesi. Di seguito, i principali risultati inclusi nel rapporto:

  • Riducendo i rischi è possibile liberare le opportunità di crescita della sharing economy – La maggioranza dei consumatori (71%) sarebbe più favorevole all’utilizzo delle piattaforme della sharing economy in presenza di un’assicurazione che convincerebbe anche il 70% degli intervistati a considerare la possibilità di condividere oppure offrire un servizio. La maggior parte dei fornitori già attivi (78%) ritiene di poter incrementare la clientela in presenza di un’assicurazione.
  • I consumatori si aspettano protezione ma, in sostanza le parti coinvolte nella sharing economy hanno opinioni differenti rispetto a chi dovrebbe assumersi la responsabilità – La maggioranza dei consumatori (53%) si aspetta che siano le piattaforme della sharing economy a fornire la protezione richiesta mentre la gran parte delle piattaforme coinvolte nell’indagine ritiene che le responsabilità debbano essere in capo al consumatore (53%) o al fornitore (27%).
  • I consumatori della sharing economy sono scettici – I consumatori, in generale, citano la sicurezza personale (52%) come principale preoccupazione ma nutrono timori anche rispetto alla qualità del servizio (42%), i danni ai beni (42%), il furto (40%) e la mancanza di sufficienti tutele in caso di problemi (38%).

Intermedia Channel

Articoli correlati
News

Inflazione e le condizioni del mercato del lavoro faranno aumentare le retribuzioni in Italia del 3,4% nel 2023

Il 77% delle aziende ha dichiarato di avere problemi a ricoprire i ruoli IT e il 73% a mantenere il…
Leggi di più
In EvidenzaNews

E-bike modificata? Serve una targa e l’assicurazione come per le moto

Sanzioni pesanti che vanno dai 1.890 euro a 7.500 euro per i trasgressori Novità in arrivo per…
Leggi di più
In EvidenzaNews

Generali risponde a Consob: corretta la cooptazione di Marsaglia in cda

Generali ha risposto alla richiesta di chiarimenti di Consob sulla cooptazione in consiglio di…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.