News

Monopattini, arriva la stretta

di Filippo Merli
15 ottobre 2020 – Numero di targa. Casco obbligatorio anche per i maggiorenni. Assicurazione. Sul tavolo dell’Anci, l’Associazione nazionale dei comuni italiani, c’è una proposta dell’amministrazione di Firenze per regolamentare l’uso dei monopattini. Con norme più stringenti rispetto a quelle in vigore attualmente.

Nel capoluogo toscano il servizio di sharing dei mezzi elettrici inizierà il 19 ottobre. E alla fine dell’anno la cittadinanza potrà contare su circa 900 unità a disposizione negli appositi parcheggi. I monopattini in circolazione, però, sono già centinaia. Ecco perché, a partire dalla prossima settimana, la giunta del sindaco Pd, Dario Nardella, darà il via a una campagna informativa con cartelloni, totem, volantini e pagine social per informare i cittadini sui limiti di velocità e sulla sicurezza stradale. Il Comune di Firenze, oltre alle disposizioni locali, si è mosso anche su scala nazionale. «Abbiamo fatto una serie di proposte all’Anci, vediamo quali saranno i tempi», ha annunciato l’assessore alla Mobilità, Stefano Giorgetti.

La proposta comprende targa, assicurazione e casco anche per gli over 18. «Da Firenze è partita la proposta della targa e dell’assicurazione obbligatoria per i monopattini», ha sottolineato Giorgetti. «Non sarà nell’immediato, ma ci arriveremo, perché secondo noi è fondamentale». Nel frattempo, tramite la polizia municipale, il Comune effettuerà controlli rafforzati sui mezzi elettrici con particolare attenzione alla velocità massima consentita e alle strade vietate.

La giunta Nardella si muove al pari di altre amministrazioni per limitare l’uso dei monopattini. Pochi giorni fa il consiglio comunale di Genova, con 25 voti a favore e 13 astenuti, ha approvato una mozione che prevede l’introduzione di una copertura assicurativa e l’utilizzo del casco obbligatorio per i mezzi a due ruote, comprese le e-bike. Con alcuni amministratori che, come nel caso del capoluogo toscano, hanno proposto di identificare i mezzi tramite targa.

A Torino la giunta del sindaco M5s, Chiara Appendino, ha studiato un decalogo per spiegare le regole della strada e le buone norme di comportamento agli utenti di mobilità dolce che non sempre rispettano il codice della strada.

A Venezia, invece, l’amministrazione del sindaco di centrodestra, Luigi Brugnaro, ha inviato gli operatori del servizio di sharing nelle scuole superiori per spiegare agli studenti le norme di sicurezza e il codice della strada. Oltre alla possibilità di fare pratica sul campo.

Fuori dai confini nazionali ci sono amministrazioni cittadine che hanno introdotto leggi più drastiche. Se non addirittura divieti. A Copenaghen, per esempio, il Comune ha proibito l’uso dei monopattini elettrici nel centro storico. Stesse limitazioni introdotte a Londra, dove chi usa il monopattino sulle strade pubbliche deve pagare 300 sterline di multa. L’unico posto in cui si possono utilizzare i mezzi elettrici sono le strade private. E solo col permesso del proprietario.

Fonte: “Assinews.it”

Articoli correlati
News

Helvetia rilancia il progetto “#C’èChiDiceNO!”

L’iniziativa del Comitato per la Sostenibilità volta ad informare, sensibilizzare e contribuire…
Leggi di più
In EvidenzaNews

La manovra arriva oggi alla Camera: spunta tassa sulle assicurazioni

Nella bozza della legge di Bilancio circolata negli ultimi giorni, lievitata a 155 articoli, emerge…
Leggi di più
In EvidenzaNews

Phoenix Capital, al via la Divisione “Distribuzione Assicurativa”

Rafforzata la partnership con Vitanuova Phoenix Capital ha istituito la nuova divisione di…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.